Tipologia di contenuto
Scheda informativa

Albo imprese forestali del Piemonte

Rivolto a
Cittadini
Enti pubblici
Imprese e liberi professionisti

Strumenti di crescita, promozione e valorizzazione delle professionalità del settore forestale. Procedure di iscrizione e conferma all'Albo

L'Albo è uno strumento previsto dall'art. 31 della l.r. 4/2009 per conoscere e valorizzare le imprese che eseguono lavori, opere e servizi in ambito forestale. L'Albo è disciplinato dal Regolamento regionale n. 8 /R/2020, in vigore dal 1°luglio 2021, che abroga il precedente regolamento del 2010. È gestito da uno specifico applicativo informatico denominato TAIF (acronimo di “Albo delle imprese e degli operatori forestali professionali a livello transfrontaliero), in grado di fornire alle imprese ed agli operatori professionali una maggiore visibilità per i potenziali fruitori delle loro prestazioni professionali.

TAIF, realizzato grazie al progetto Interreg Informa Plus, è composto da tante sezioni quanti sono i partner progettuali (attualmente sono attive le sezioni della Regione Piemonte e della Regione Liguria): ogni sezione contiene l’Albo delle imprese e degli Operatori forestali professionali operanti nel territorio di competenza ed è gestito secondo regole condivise e codificate a livello locale.

Perchè utilizzare l'Albo delle imprese?

Rivolgersi alle imprese forestali iscritte all’Albo significa sostenere la politica di attenzione verso le foreste e investire sul miglioramento del territorio.

Per garantirsi qualità e professionalità: le imprese forestali iscritte sono composte da operatori che lavorano con capacità e professionalità, chiamati a rispettare comportamenti virtuosi.

Per risparmiare tempo e risorse nei controlli amministrativi assicurando serietà e correttezza delle imprese coinvolte: non è necessario, infatti, verificare direttamente la correttezza e la serietà delle imprese iscritte perché è garantita dalla Regione Piemonte, che verifica a campione il possesso dei requisiti obbligatori previsti per l’iscrizione all’Albo.

Per trovare più agevolmente le imprese con le caratteristiche necessarie: utilizzando la procedura di ricerca sviluppata nel sistema informativo è possibile fare ricerche a partire dai dati delle singole imprese, oppure procedendo per provincia, per comune o per tipologia di intervento. Inoltre è possibile visualizzare ed estrarre i dati di interesse delle imprese individuate (macchine ed attrezzature possedute, ultimi lavori effettuati, personale formato).

Infine è possibile contattare le PA con le quali le imprese individuate hanno intrapreso rapporti per condividere le esperienze.

Per essere sempre più attenti alla sicurezza nei cantieri: le imprese forestali iscritte all’Albo sono costantemente impegnate ad operare nel rispetto delle norme sulla sicurezza.

Perché l’Albo si aggiorna continuamente: la consultazione degli iscritti all’Albo è semplice e i nuovi iscritti sono visibili dopo aver completato le procedure previste. Inoltre ogni anno le imprese iscritte confermano di possedere i requisiti necessari per l’iscrizione e possono modificare i dati inseriti aggiornando il proprio profilo aziendale.

Com’è strutturato?

(artt. 2 e 4 regolamento Albo)

L’Albo è articolato in due sezioni:

  • sezione A , per le imprese con sede legale in Piemonte;
  • sezione B, per le imprese forestali che non hanno  sede legale in Piemonte.

Nell’Albo le imprese vengono classificate in cinque categorie:

1. imprese di utilizzazione forestale che svolgono principalmente per sé o conto terzi attività forestale;

2. imprese agricole come definite dall'articolo 2135 del codice civile;

3. imprese che commerciano o vendono il legno o i prodotti di prima trasformazione;

4. imprese che effettuano la prima trasformazione del legno;

5. imprese che realizzano attività di vivaistica forestale (ai sensi dell’art. n. 5 della l.r. n. 4/2009) o che non rientrano nelle categorie precedenti, ma che svolgono comunque attività in ambito forestale.

Chi lo gestisce?

(art. 5 regolamento Albo)

Il Settore Foreste  (C.so Stati Uniti, 21 - 10128 Torino) si occupa della gestione dell’Albo, di definire i contenuti della scheda di descrizione aziendale utile a valorizzare l'impresa e a caratterizzarla dal punto di vista strutturale ed economico e di promuovere la conoscenza e l'utilizzo dell’albo.

Contatti:

Imma Cioffi
Email: taif@regione.piemonte.it
Tel. 011.4325261

Caterina Livorno
Email: taif@regione.piemonte.it
Tel. 011.4322532

Perché un’ impresa dovrebbe iscriversi?

(artt. 3, 11 e 13 regolamento Albo)

L’impresa iscritta beneficia di vantaggi competitivi.

L’iscrizione è indispensabile per eseguire  interventi selvicolturali su aree di proprietà o possesso pubblico e per eseguire interventi selvicolturali che beneficiano  di finanziamenti o contributi pubblici su aree di proprietà privata.

L'iscrizione non è prevista per le pubbliche amministrazioni quando eseguono interventi in amministrazione diretta e per i cittadini beneficiari di uso civico. 

L’iscrizione all’Albo è condizione preferenziale per:

  • ottenere in gestione aree forestali di proprietà o possesso pubblico;
  • aggiudicazione nei casi di vendita di lotti boschivi di proprietà pubblica con procedure di evidenza pubblica.

L’iscrizione all’Albo può essere:

  • un elemento di valutazione per l’aggiudicazione di lavori e servizi in ambito forestale con il sistema dell’offerta economicamente più vantaggiosa;
  • utilizzata dalle amministrazioni locali per finalità connesse allo sviluppo e alla corretta gestione del patrimonio boschivo.

Le imprese con sede legale in Piemonte e iscritte all’Albo hanno accesso prioritario ai corsi di formazione promossi e finanziati della Regione Piemonte.

L'iscrizione all’Albo esonera l’impresa dall’obbligo di iscrizione al registro nazionale degli operatori istituito in attuazione del Regolamento (UE) n. 995/2010 “European Timber Regulation” (EUTR - Dovuta Diligenza), per contrastare il fenomeno del taglio illegale e il commercio ad esso connesso.

Risulta evidente il notevole valore aggiunto per le imprese iscritte all’Albo, considerando anche che queste costituiscono un punto di riferimento per la condivisione delle scelte in campo forestale in quanto interlocutore privilegiato, oltre ad essere il target di riferimento per specifiche azioni di promozione.

Infine, alle imprese iscritte, è garantita la massima visibilità tecnica e commerciale.

Quanto costa iscriversi?

(art. 3 regolamento Albo)

L’iscrizione all’Albo è gratuita.

Come fare per iscriversi?

(art. 6 regolamento Albo)

Possono iscriversi all'Albo le imprese che, in forma singola e associata, soddisfano i seguenti criteri:
a) eseguono lavori o forniscono servizi nel settore forestale e ambientale, nonché attività nel settore della prima trasformazione e commercializzazione dei prodotti legnosi quali tronchi, ramaglie e cimali, se svolte congiuntamente ad almeno una delle attività di gestione forestale come definite all'articolo 7, comma 1 del d.lgs. 34/2018; 
b) sono iscritte nel registro delle imprese presso la competente Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura per l'esercizio di attività di gestione forestale in quanto eseguono lavori o forniscono servizi, in via prevalente o secondaria, riconducibili o equivalenti alla categoria ATECO “Silvicoltura ed utilizzo di aree forestali (codice ATECO 02)”;
c) non sono in stato di fallimento, di liquidazione coatta, di concordato preventivo o che non sia in corso un procedimento per la dichiarazione di una di tali situazioni;
d) non hanno riportato, nel corso dei tre anni precedenti alla richiesta di iscrizione, condanna penale definitiva a carico del personale di rappresentanza o di amministrazione, compresi i direttori tecnici, per violazioni delle norme in materia ambientale, paesaggistica, forestale, del lavoro e di sicurezza dei cantieri;
e) non essersi resi colpevoli di negligenza o malafede nella realizzazione di opere o servizi nell'anno precedente alla richiesta;
f) non hanno riportato, nell'anno precedente alla richiesta, alcuna delle sanzioni amministrative previste dalla normativa forestale vigente per importi superiori a 10.000,00 euro;
g) sono in possesso dei requisiti di regolarità contributiva (DURC);
h) il titolare o almeno un addetto assunto a tempo indeterminato e a tempo pieno, sia in possesso delle competenze professionali riferite all'unità formativa denominata “Utilizzo in sicurezza della motosega nelle operazioni di abbattimento ed allestimento - (UF3)”.

Come, dove e quando ci si iscrive

(art. 7 regolamento Albo)

La domanda di iscrizione può essere presentata durante tutto l’anno al Settore Foreste attraverso l’applicativo informatico TAIF (www.sistemapiemonte.it/taif/home.html)

La domanda può essere presentata direttamente dall’impresa, oppure tramite professionisti, espressamente incaricati, che offrono servizi di consulenza alle imprese, tramite gli Sportelli Forestali e i Punti Informativi Forestali della Regione Piemonte.

La Regione, se valuta positivamente la documentazione presentata, iscrive l’impresa all’Albo entro 45 giorni: l’iscrizione può essere verificata direttamente su TAIF
Nei casi in cui la documentazione sia incompleta, non chiara, o se l’impresa sembra non possedere i requisiti previsti, possono essere richieste integrazioni. Se i dubbi o le criticità permangono l’impresa non può essere iscritta

La struttura regionale competente effettua i controlli sulla veridicità delle informazioni contenute nella documentazione trasmessa per iscriversi e per confermare l’iscrizione. False dichiarazioni comportano sanzioni penali ed amministrative.

L'iscrizione va confermata?

(art. 8 regolamento Albo)

L’iscrizione all’Albo ha validità annuale e va confermata dal 1° novembre al 31
dicembre di ogni anno
, a partire dall’anno successivo a quello di prima iscrizione. Con la conferma si deve attestare la permanenza dei requisiti o comunicare le eventuali variazioni (es. societarie, di personale, di attrezzature).
Nel caso di mancata conferma l’impresa è automaticamente sospesa dal 1° gennaio ed ha 30 giorni di tempo per regolarizzare la posizione. Nel caso la ditta provveda viene reintegrata nell’albo, in caso contrario se ne dispone la cancellazione.
In quest’ultimo caso l’impresa non è iscritta in automatico al registro nazionale EUTR poiché la Regione ogni anno deve comunicare al MIPAAF i dati delle sole imprese regolarmente iscritte.

Come si può uscire dell'Albo

(artt. 9 e 10 regolamento Albo)

Le imprese possono chiedere la sospensione (temporanea) o la cancellazione (definitiva) dall’Albo. Anche la struttura regionale può sospendere o cancellare d’ufficio un’impresa iscritta, ad esempio per mancanza di requisiti necessari, nel caso di falsa dichiarazione, se non è stata presentata la richiesta di conferma d’iscrizione o se è cessata l’attività. L’impresa cancellata per iscriversi nuovamente deve attendere un anno dalla data di cancellazione.

Che rapporto esiste con gli Albi di altre Regioni, Province, Stati

(art. 12 regolamento Albo)

Ogni riferimento normativo previsto dall’Albo piemontese riguardante l’esercizio dell’attività lavorativa è valido anche:

  • nei confronti delle imprese iscritte negli Albi di altre regioni e province autonome con gli stessi requisiti minimi previsti dal regolamento piemontese;
  • nei confronti delle imprese con analoghi requisiti ed in possesso di specifiche competenze tecnico-professionali attestati da altri Stati membri dell’Unione europea.

Modalità d’iscrizione all’Albo piemontese

La richiesta d'iscrizione può essere presentata tutto l'anno (leggi le istruzioni di utilizzo):

  • direttamente dall’impresa, in maniera autonoma attraverso la procedura informatica;
  • presso gli Sportelli forestali e P.I.F presenti sul territorio regionale che possono trasmettere l’istanza dell’impresa;
  • per il tramite di professionisti/consulenti, espressamente incaricati, che offrono servizi di supporto alle imprese.

L'impresa è iscritta all'Albo entro 60 giorni dalla richiesta. La Regione non comunica l'avvenuta iscrizione perché è direttamente verificabile sull’applicativo TAIF.

Tutte le domande di iscrizione devono essere munite di marca da bollo da € 16,00 opportunamente annullata a cura dell'impresa.

Modalità di conferma annuale

Ogni anno (dal 1° novembre al 31 dicembre a partire dall'anno successivo a quello di iscrizione) le imprese devono confermare il possesso dei requisti richiesti per l'iscrizione.

La conferma può essere presentata (leggi le istruzioni di utilizzo):

  • direttamente dall’impresa, in maniera autonoma attraverso la procedura informatica;
  • presso gli Sportelli forestali e P.I.F presenti sul territorio regionale;
  • per il tramite di professionisti/consulenti, espressamente incaricati, che offrono servizi di supporto alle imprese.

Contatti

Riferimento
Imma Cioffi
Telefono
011.4325261
Email
taif@regione.piemonte.it
Riferimento
Caterina Livorno
Telefono
011.432.2532
Email
taif@regione.piemonte.it