Tipologia di contenuto
Scheda informativa

Pianificazione territoriale in Piemonte

Rivolto a
Cittadini
Enti pubblici
Imprese e liberi professionisti
Terzo settore

L’attività di pianificazione territoriale e paesaggistica costituisce la sede politica e tecnica, per realizzare efficaci strumenti di indirizzo e di governo del territorio e del paesaggio, capaci di incidere sulle trasformazioni antropiche, nel rispetto dei principi di sostenibilità ambientale, economica e sociale.

A partire dal 2005, a quasi dieci anni dall’approvazione del primo Piano territoriale regionale, è stato avviato un processo di rinnovamento del sistema della pianificazione regionale del territorio, attraverso la redazione di nuovi strumenti, quali il nuovo Piano territoriale regionale (PTR), che fonda le sue radici nei principi definiti dallo Schema di sviluppo europeo e dalle politiche di coesione sociale, e il primo Piano paesaggistico regionale (PPR), coerente con le intervenute indicazioni comunitarie (Convenzione Europea del paesaggio) e le disposizioni legislative nazionali (Codice dei beni culturali e del paesaggio).

Successivamente il sistema di riferimento normativo e gli strumenti di pianificazione di livello regionale sono stati oggetto di importanti mutamenti.

La riforma della storica Legge Urbanistica Regionale (testo coordinato) – attuata con l'entrata in vigore della Legge Regionale n.3 del 25 marzo 2013 “Modifiche alla legge regionale 5 dicembre 1977, n. 56 (Tutela ed uso del suolo) e ad altre disposizioni regionali in materia di urbanistica ed edilizia” - muove i propri passi proprio dalla necessità di garantire un nuovo sistema di riferimento per il processo di pianificazione ai vari livelli amministrativi basato sulla copianificazione, per consentire l'affermarsi di politiche e azioni partecipate e condivise tese al conseguimento di obiettivi di sviluppo della comunità regionale in linea con i principi della sostenibilità, della tutela, della salvaguardia e del risanamento del territorio.

In tale processo assumono un ruolo determinante il Piano Territoriale Regionale (PTR) approvato il 21 luglio 2011 e il Piano Paesaggistico Regionale (PPR) approvato il 3 ottobre 2017.

 

Gli strumenti di pianificazione regionale

La Regione ha predisposto ed approvato il 21 luglio 2011 il Piano Territoriale Regionale (PTR), ed il il Piano Paesaggistico Regionale (PPR) approvato il 3 ottobre 2017.

La Regione Piemonte ha realizzato, inoltre, una serie di strumenti (guide, quaderni, etc.), atti a garantire una forte diffusione e possibili elaborazioni delle informazioni raccolte, per consentire ai diversi Enti la possibilità di un dialogo trasversale, capace di connettere le diverse conoscenze e competenze (fra questi le Linee guida per le aree produttive ecologocamente attrezzate – APEA, adottate con D.G.R. n. 30-11858 del 28 Luglio 2009).