Tipologia di contenuto
Scheda informativa

Politiche del Cibo

Rivolto a
Cittadini
Enti pubblici
Imprese e liberi professionisti
Terzo settore

Cosa fa la Regione Piemonte per le Politiche del cibo?

La Regione Piemonte, si impegna per operare a stretto contatto con le comunità locali per cogliere le necessità ed i “desiderata” del territorio e condividere una visione comune: sviluppare un sistema alimentare che possa garantire cibo sano, di qualità sostenibile in quantità sufficiente e accessibile a tutti. Inoltre si fa carico di stimolare la nascita o l’implementazione di tutte le forme di innovazione sociale, tecnologica e organizzativa che possono concorrere all’attuazione dei suoi indirizzi. Per far ciò la Regione si impegna ad avviare azioni di sostegno ed accompagnamento rivolte prioritariamente ai Comuni, ai GAL, al Terzo settore e alle altre forme di aggregazione sociale in genere.

I progetti sulle Politiche del cibo

Le attività dedicate a cibo, territorio e consumo alimentare si sviluppano tramite progetti e possono essere suddivise in tre macro-categorie:

  • Formazione: iniziative volte a migliorare la conoscenza del cibo, della sua filiera produttiva e del suo legame con il territorio; sono indirizzate principalmente a scuole ed enti pubblici;
  • Comunicazione: progetti di diffusione dell'informazione relativa al sistema cibo;
  • Animazione: eventi territoriali di confronto su tematiche collegate al cibo.

Quali sono le basi della governance della Regione Piemonte sulle Politiche del cibo? Quali i documenti ufficiali?

1. La Regione Piemonte ha uno specifico articolo di legge del 2020 dedicato all’ ”Educazione al cibo e all’orientamento ai consumi” che ha tra le sue finalità: la promozione del consumo consapevole, la formazione/informazione/educazione degli studenti e dei consumatori sulla qualità del cibo e sulla sostenibilità del sistema produttivo, la valorizzazione di cultura, saperi, tradizioni legati al cibo, la conoscenza delle implicazioni ambientali, etiche e sociali legate alla filiera del consumo alimentare.

2. La Regione Piemonte ha, all’interno della Direzione Agricoltura e cibo, uno specifico Settore dedicato al Coordinamento delle attività sulle Politiche del cibo che si occupa di progettazione e di gestione di iniziative e campagne sul consumo alimentare consapevole, alla conoscenza della qualità del cibo e della sostenibilità del sistema produttivo, alle implicazioni ambientali, etiche e sociali legate alle produzioni agricole e al consumo alimentare.

3. La Regione Piemonte ha istituito un Tavolo Interdirezionale sulle Politiche del cibo comprendente le Direzioni “Agricoltura e cibo”, “Sanità e Welfare”, “Istruzione, Formazione e Lavoro”, “Ambiente, Energia e Territorio”, “Cultura e commercio”, “Coordinamento Politiche e Fondi Europei - Turismo e Sport” che si riunisce periodicamente sia per la condivisione di conoscenza sia per la co-progettazione di azioni comuni sul cibo.

4. La Regione Piemonte nel 2022 ha emanato delle Linee guida sull’”Educazione al cibo e all’orientamento ai consumi” che sono anche una “fotografia” del territorio regionale e un efficace strumento per l’individuazione dei punti di forza e di debolezza, delle opportunità e delle minacce che caratterizzano il “sistema-cibo” piemontese.

5. La Regione Piemonte nel 2022 ha approvato un Piano triennale di interventi che è lo strumento operativo con cui attiverà e condurrà azioni concrete nei prossimi anni. Prevede 5 macro-obiettivi, dedicati non solo all’educazione ma alle Politiche del cibo in generale, con azioni mirate da attuare in coordinamento sia con altri Settori regionali sia con i soggetti esterni, pubblici o privati, ai diversi livelli territoriali.

Linee guida sull’”Educazione al cibo e all’orientamento ai consumi”

Il tema dell’Educazione al cibo e all’orientamento ai consumi, uno dei principali fulcri attorno a cui, in accordo con le indicazioni dell’Unione Europea (in primis la strategia “Farm to fork”), ha trovato, in ambito regionale, il suo luogo d’elezione nell’ art. 43 bis della Legge Regionale n. 1/2019 “Riordino delle norme in materia di agricoltura e di sviluppo rurale”.

L’articolo 43 espone una serie di finalità tra cui la promozione nei confronti dei cittadini del consumo alimentare consapevole, la conoscenza della qualità del cibo e della sostenibilità del sistema produttivo, nonché delle implicazioni ambientali, etiche e sociali legate alle produzioni agricole e al consumo alimentare.

Per l’attuazione di quanto enunciato è stata prevista l’approvazione da parte della Giunta regionale di apposite Linee guida, necessarie per la successiva definizione di un Programma triennale di interventi che dovrà, presumibilmente, prevedere un insieme di azioni variegate, alcune simili a misure già avviate da tempo (ad esempio la promozione dei prodotti tipici piemontesi), altre più esplicitamente legate all’educazione alimentare vera e propria.

La Direzione Agricoltura e cibo - Settore Attuazione programmi relativi ai servizi di sviluppo ha condotto, durante il periodo marzo 2021-maggio 2022, un’approfondita ricognizione sul territorio piemontese, relativamente alle principali tematiche legate alle finalità enunciate nell’art. 43 bis. Le ricerche sono confluite nella relazione “Educazione al cibo ed orientamento ai consumi - Stato dell’arte in Regione Piemonte”, prodromica alla stesura delle Linee guida regionali allegate a questa pagina.

Piano operativo triennale 2023-2025

Il Piano operativo triennale 2023-2025 sull’Educazione al cibo e l’orientamento ai consumi di Regione Piemonte, approvato con Deliberazione della Giunta Regionale 20 febbraio 2023 n. 19-6534, prende avvio dalle indicazioni contenute nelle Linee guida regionali approvate con D.G.R. n. 15 – 5561 del 5 settembre 2022.

Il Piano operativo si prefigge dei macro obiettivi, da perseguire con azioni mirate da coordinare con i diversi Settori regionali e con i soggetti esterni, pubblici o privati, che operano sulle politiche del cibo sia a livello regionale e locale, sia a livello nazionale ed europeo.

Il Piano operativo individua dunque gli obiettivi da raggiungere, le azioni e gli strumenti da adottare, i soggetti interessati, nonché indicatori da utilizzare per il monitoraggio del Piano stesso.

 linee guida regionali

Le Linee Guida, approvate con Deliberazione della Giunta Regionale 5 settembre 2022 n. 15-5561, vogliono rappresentare un punto di partenza per coordinare gli interventi regionali che ruotano intorno al cibo, al fine di intervenire in modo sinergico su tutta la filiera dei prodotti alimentari, per collegare nel modo più funzionale possibile chi li produce con chi li trasforma e li vende e con chi li consuma.

Le politiche che riguardano il cibo toccano una grande varietà di settori d’intervento: dall’agricoltura al commercio, dalla salute alla gestione dei rifiuti, dalla tutela dell’ambiente alla cultura, dagli aspetti sociali a quelli della formazione professionale, dalla comunicazione alla promozione turistica. Dobbiamo inoltre ricordare che la sinergia fra enogastronomia e turismo è uno degli assi portanti dell’economia della nostra Regione, in cui il cibo rappresenta il focus intorno a cui ruota la promozione del “pacchetto Piemonte”. Da non dimenticare, infine, i consumatori piemontesi, che possono essere educati ad una maggior conoscenza e consapevolezza rispetto a quello che consumano, a partire da quello che c’è dietro ad un prodotto agricolo per arrivare a ridurre lo spreco di cibo.

Il documento si compone di tre parti.

Nella prima parte viene svolta una disamina delle esperienze che riguardano il cibo e dei soggetti, regionali e non, ad esso collegati, per evidenziare il complesso sistema di interazioni ed intrecci che esiste su questo argomento, anche per mettere in luce molte delle esperienze virtuose che negli ultimi anni sono state messe in campo, in diversi settori, da soggetti pubblici e privati.

Nella seconda parte, a seguito di un’analisi di opportunità e vincoli, punti di forza e di debolezza delle realtà prese in esame, è sviluppata una proposta di sinergia per orientare gli interventi fra i vari settori, gli attori ed i progetti che si vorranno attivare per una vera politica incentrata sull’educazione al cibo.

Nella terza parte sono identificate linee guida d’intervento per una governance regionale che si occupi di cibo a 360 gradi, che si traducono in una proposta operativa di un piano triennale che sviluppi alcuni programmi e interventi considerati strategici.

E' disponibile anche una sintesi delle Linee guida realizzata a scopo informativo.

Contatti

Riferimento
Settore A1716A - Coordinamento attività sulle politiche del cibo
Indirizzo
Piazza Piemonte, 1 - 10100 Torino
Email
politichedelcibo@regione.piemonte.it
Riferimento
Tiziana Pia
Email
tiziana.pia@regione.piemonte.it