Tipologia di contenuto
Scheda informativa

Procedure in ambito urbanistico

Rivolto a
Enti pubblici
Imprese e liberi professionisti

Il processo di sviluppo di una cultura della prevenzione del rischio sismico nella politica delle Amministrazioni Pubbliche e nei singoli cittadini ha come fondamento la conoscenza della prestazione di sicurezza strutturale e geotecnica della costruzione così come del contesto geologico in cui è inserita. Le procedure in ambito urbanistico rappresentano il primo tassello per la realizzazione di una strategia di contrasto areale alle problematiche di pericolosità sismica del nostro territorio.

Le attuali procedure di gestione e controllo delle attività urbanistico – edilizie nelle  aree a differente sismicità del Piemonte sono state approvate con Deliberazione della Giunta Regionale n. 65-7656 del 21.05.2014 (Suppl. Ord. n. 1 del BUR n. 25 del 19.06.2014) e hanno trovato applicazione a far data dal 1.10.2014.

Per quanto riguarda l’ambito urbanistico, le procedure e la loro applicazione nelle diverse zone sismiche sono illustrate ai punti 4 e 5 dell’allegato A alla DGR stessa.

Sono sottoposti a parere preventivo ai sensi dell’art. 89 del DPR 380 del 06.06.2001, ai fini della verifica della compatibilita' delle rispettive previsioni con le condizioni geomorfologiche del territorio:

  • gli Strumenti Urbanistici Generali, nonché le rispettive varianti generali e strutturali, dei comuni ricadenti nelle zone sismiche 3S e 3;

  • gli Strumenti Urbanistici Esecutivi, nonché le rispettive varianti, dei comuni ricadenti nella zona sismica 3S

 

Parere sugli Strumenti Urbanistici Generali

A seguito dell’aggiornamento della Legge regionale 5 dicembre 1977, n. 56 attraverso le leggi regionali n. 3 e n. 17 del 2013, sulla base delle disposizioni di cui alla DGR n. 64-7417 del 07.04.2014 e tenuto conto della riorganizzazione degli uffici regionali avvenuta con DGR n. 11-1409 dell’11.05.2015, il parere della Direzione Opere pubbliche, Difesa del suolo, Montagna, Foreste, Protezione civile, Trasporti e Logistica, rilasciato nell’ambito dei procedimenti di formazione ed approvazione degli strumenti urbanistici, consiste in un parere "geologico" unico, predisposto dal Settore Sismico per i comuni ricadenti in zona sismica 3S e dai Settori Tecnici competenti per territorio nei restanti ambiti.

Tale parere, derivante dall'esame degli elaborati geologici predisposti a supporto degli strumenti urbanistici e rilasciato come indicato nello schema procedurale introdotto della l.r. n. 3/2013, riguarda il quadro del dissesto, le condizioni di pericolosità e l'idoneità geologica all'utilizzo urbanistico del territorio e, nel caso dei comuni ricadenti nelle zone sismiche 3S e 3, assolve anche ai disposti dell’art. 89 del DPR 380/01.

Con specifico riferimento allo studio geologico ed allo studio di Microzonazione Sismica a supporto degli Strumenti Urbanistici Generali e loro Varianti devono essere resi disponibili anche i relativi file in formato vettoriale ed alfanumerico, per il successivo inserimento delle informazioni nelle Banche Dati tematiche regionali.

Parere sugli Strumenti Urbanistici Esecutivi

Per gli Strumenti Urbanistici Esecutivi, nonché per le rispettive varianti, da attuarsi nei comuni in zona sismica 3S, all’istanza di parere ai sensi dell’art. 89 del DPR 380/2001 deve essere allegato il Modello 11 (reperibile anche nella sezione Modulistica), oltre alla documentazione progettuale richiesta (in formato digitale). Il parere deve essere acquisito prima dell’approvazione dello strumento urbanistico o, se di iniziativa pubblica, dell’adozione.

Uffici regionali competenti al rilascio del parere ai sensi dell'art. 89 del DPR 380/2001

Zona sismica 3S
  • per i 40 comuni della Provincia di Torino e per il comune di Bagnolo Piemonte (CN), Settore Sismico, Via San Giuseppe, 39 -10064 Pinerolo (TO);
  • per il comune di Limone Piemonte (CN), Baceno e Crodo (VB) , Settore Geologico, C.so Bolzano, 44 - 10121 TORINO
Zona sismica 3
  • per i comuni di Buriasco, Cavour, Piscina e Pragelato (TO), Settore Sismico, Via San Giuseppe, 39 -10064 Pinerolo (TO);
  • per i restanti comuni della Città Metropolitana di Torino, Settore Tecnico Regionale - Area Metropolitana di Torino, C.so Bolzano, 44 - 10121 TORINO
  • per i comuni della Provincia Verbano Cusio Ossola, Settore Tecnico Regionale – Novara e Verbania - Via Mora E Gibin, 4 - 28100 NOVARA;
  • per i comuni della Provincia di Cuneo, Settore Tecnico Regionale - Cuneo, C.so Kennedy, 7/bis - 12100 CUNEO;
  • per i comuni delle Province di Alessandria ed Asti, Settore Tecnico Regionale – Alessandria e Asti, Piazza Turati, 4 - 15121 ALESSANDRIA;
  • per il comune di Alagna Valsesia (VC), Settore Tecnico Regionale - Biella e Vercelli, Via F.lli Ponti, 24 - 13100 VERCELLI

 

Documentazione

Gli studi geologici allegati ai nuovi piani regolatori generali e alle relative varianti generali o strutturali sono predisposti sulla base degli standard fissati dai criteri tecnici regionali in materia (Circ. P.G.R. n. 7/LAP/1996 e relativa Nota Tecnica Esplicativa/1999, DGR n. 64-7417 del 07.04.2014), strutturando le informazioni rilevanti sotto il profilo sismico secondo le indicazioni contenute negli “Indirizzi e Criteri per la Microzonazione Sismica” (di seguito ICMS), già individuati come elaborato tecnico di riferimento per il Piemonte con D.G.R. n. 17-2172 del 13.06.2011, e con le modalità illustrate nell’allegato A alla DD 540 del 9.3.2012, in vigore dal 1° giugno 2012.

Ulteriore documentazione tecnica di indirizzo e supporto è reperibile nella sezione dedicata alla Microzonazione Sismica.

Contatti

Riferimento
Vittorio Giraud
Email
vittorio.giraud@regione.piemonte.it