Tipologia di contenuto
Scheda informativa

Le professioni regolamentate

Rivolto a
Cittadini
Enti pubblici
Imprese e liberi professionisti

Quali sono le professioni regolamentate da una specifica normativa?

Le professioni regolamentate sono così definite perchè l’accesso all’esercizio dell’attività professionale ad esse relativa è condizionato da specifici requisiti previsti dalla legge nazionale e dalla disciplina regionale che possono essere inerenti sia la formazione sia l’esperienza pregressa.

Nei casi di alcune professioni regolamentate, l’attestazione pubblica è l’unica che permette l’accesso all’esercizio dell’attività professionale in forma autonoma. Ne sono un esempio professioni quali: estetista, acconciatore, operatore socio sanitario, agente e rappresentante di commercio.

La normativa specifica relativa a queste professioni può imporre per sua natura delle eccezioni rispetto alla normativa generale sugli standard formativi, in particolare su:

  • riconoscimento dei crediti formativi in ingresso ai corsi di formazione. Considerata la brevità e la specificità di determinate azioni formative, non è prevista la concessione di credito per attività formative inferiori alle 150 ore. ;

  • numero ore di frequenza obbligatoria ai fini dell’ammissione all’esame finale;

  • attestazione finale.

E’ dunque necessario quando ci si accosta a questa materia, consultare la normativa specifica di riferimento, sia che si tratti di progettare e erogare un corso di formazione in quanto operatore sia che si intenda frequentarne uno in quanto utente.

Nella sezione Normativa è possibile consultare la normativa relativa alle professioni regolamentate che siano di pertinenza regionale.

In allegato è presente una tabella sinottica che raccoglie per le professioni regolamentate la normativa nazionale e regionale.