Tipologia di contenuto
Scheda informativa

Le zone umide del Piemonte

Rivolto a
Cittadini
Enti pubblici
Imprese e liberi professionisti

Le zone umide sono siti di notevole valore e pregio naturalistico, la cui esistenza ed il buono stato di conservazione sono condizioni che assicurano un elevato livello di biodiversità e la garanzia di una efficiente rete ecologica sul territorio.

Le zone umide rappresentano uno degli ecosistemi più importanti ed interessanti esistenti sulla Terra dato il loro ruolo fondamentale nel mantenimento degli equilibri naturali che regolano la biosfera. 

Esse svolgono anche una fondamentale funzione nell'ambito della tutela delle risorse idriche superficiali e sotterranee esplicitamente riconosciute nella normativa comunitaria con la Direttiva 2000/60/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 23 ottobre 2000 che istituisce un quadro per l'azione comunitaria in materia di acque e in quella nazionale con il Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n° 152 "Norme in materia ambientale".

Le zone umide possono contribuire infatti al miglioramento della qualità delle acque, costituendo talora veri e propri filtri naturali per i flussi idrici inquinati, svolgendo una funzione tampone per laghi e corsi d’acqua ed un’azione denitrificante delle acque contaminate da fertilizzanti o da residui di attività antropiche. Sotto il profilo idraulico, costituiscono aree di espansione allagabili in caso di esondazioni e rappresentano una riserva idrica nei periodisiccitosi.

Le zone umide sono altresì ambienti intrinsecamente vulnerabili, sensibili e, nelle regioni temperate come il Piemonte, strettamente legati alle variazioni degli apporti idrici: infatti cambiamenti anche minimi possono causare la perdita di specie animali e vegetali peculiari, caratterizzate da specifici adattamenti fisiologici ed etologici. 

Tenuto conto della complessità di questi ecosistemi dai fragili equilibri biologici, al fine di pianificare ed attuare adeguate azioni di tutela mirate a valorizzare e conservare le zone umide sul territorio, risulta fondamentale conoscerne la presenza, la distribuzione e le caratteristiche. La deliberazione della Giunta Regionale n. 64-11892 del 28 luglio 2009 Censimento della rete di aree umide presenti in Piemonte, affronta tale problematica e assegna alle Direzioni Agricoltura e Ambiente della Regione Piemonte, con il supporto di Arpa Piemonte, l’incarico di organizzare un inventario delle zone umide presenti sul territorio regionale, unitamente alla predisposizione di un'opportuna cartografia e alla costituzione della relativa banca dati.

L'attività regionale ha portato alla realizzazione di:

  • una cartografia regionale di sintesi in scala 1:250.000;
  • la pubblicazione Le zone Umide del Piemonte di  commento ed illustrazione della banca dati, disponibile anche in alta risoluzione su richiesta all'indirizzo e-mail biodiversita@regione.piemonte.it;
  • un servizio digitale contenente una banca dati geografica e un servizio web-GIS disponibile accedendo qui sotto al servizio correlato "Banca dati zone umide".