Pagamenti

Rivolto a
Cittadini
Imprese e liberi professionisti

Puoi trovarle all’interno della pagina “Tasse sulle concessioni regionali (TCR)”.

Dal 1° luglio i pagamenti verso la pubblica amministrazione si eseguono esclusivamente attraverso la piattaforma PiemontePay, aderente al circuito nazionale PagoPA. Per ottenere le indicazioni necessarie consulta la pagina “Caccia e pesca: nuove modalità di pagamento delle tasse sulle concessioni regionali”.

Puoi trovarle nel portale Sistemapiemonte e nell’elenco di FAQ in esso presenti.

Puoi consultare le FAQ sulle modalità di utilizzo del servizio, alle quali la pagina "Licenza di pesca" del portale Sistemapiemonte rimanda.

 

Non serve a niente, il pagamento attraverso la piattaforma PiemontePay è un obbligo previsto dalla legge dello Stato, non da una legge o da disposizioni della Regione. Volendo, puoi scrivere una e-mail alla casella di posta: tcr@regione.piemonte.it.

Se non disponi di una connessione internet e hai bi sogno di assistenza puoi chiamare il numero verde 800.333.444 e chiedere all’operatore, indicando il tuo codice fiscale e le altre informazioni che ti verranno chieste, di generare uno IUV (Identificativo Unico di Versamento) e inviartelo a un indirizzo di posta elettronica, se disponibile. Con lo IUV che ti sarà inviato potrai pagare presso uno dei prestatori di servizi di pagamento (PSP). Il servizio è attivo: dal lunedì al giovedì dalle ore 9 alle ore 12 e dalle ore 14 alle ore 17; il venerdì dalle ore 9 alle ore 12.

Manda un messaggio con le tue osservazioni all’indirizzo di posta elettronica tcr@regione.piemonte.it, indicando:

  • se sei una persona fisica, il tuo codice fiscale, cognome e nome e domicilio fiscale (CAP, comune, provincia e indirizzo);

  • se sei un soggetto diverso da persona fisica (società e enti) il codice fiscale, denominazione o ragione sociale e domicilio fiscale (CAP, comune, provincia e indirizzo) della società o ente, il codice fiscale, nome e cognome del legale rappresentante;

  • in tutti i casi, il codice ruolo che trovi sul bollettino e il motivo della richiesta. Allega al messaggio la scansione, in formato PDF, della documentazione che intendi far conoscere.

Puoi inviare una e-mail alla casella di posta tcr@regione.piemonte.it, indicando: codice fiscale - denominazione - codice ruolo.

Ti ricordo che la spedizione del bollettino non è un obbligo dell'amministrazione, ma solo una forma di aiuto ed anche se non l'hai ricevuto il tributo deve essere pagato entro il termine (31 gennaio, se prefestivo entro il primo giorno lavorativo di febbraio), pena le dovute sanzioni.

Nulla, i pagamenti eseguiti con il vecchio sistema fino al 30 giugno sono perfettamente validi.

Dal 1° luglio i pagamenti con i bollettini in bianco o i bonifici non sono più accettati ed eventuali eccezioni devono essere concordate con il Settore, inviando una e-mail alla casella di posta tcr@regione.piemonte.it con idonea documentazione allegata.

 

No, il pagamento deve essere eseguito sulla piattaforma PiemontePay: è un obbligo imposto da una legge dello Stato (non da una legge regionale).

No, il differimento del termine disposto dal cosiddetto "decreto semplificazioni" (decreto legge 16 luglio 2020, n. 76) riguarda i prestatori dei servizi di pagamento (PSP) e le amministrazioni pubbliche che non abbiano provveduto, nel termine del 30 giugno 2020, ad integrare i loro sistemi di incasso con la piattaforma PagoPa. Dette amministrazioni potranno provvedere entro il nuovo termine del 28 febbraio 2021. La Regione ha già provveduto da tempo ad integrare i propri sistemi attraverso la piattaforma PiemontePay, per cui i contribuenti devono eseguire i pagamenti attraverso tale piattaforma.

No, non è corretto perché il pagamento doveva essere eseguito attraverso la piattaforma PiemontePay, tuttavia sono ugualmente accettati, purché regolari sotto ogni altro aspetto e anche se eseguiti dopo il 1° luglio 2020, ma comunque non oltre il 28 febbraio 2021, i pagamenti eseguiti (a causa di errore, informazioni inesatte o notizie fuorvianti) con i sistemi tradizionali.

No, non è corretto perché il pagamento doveva essere eseguito attraverso la piattaforma PiemontePay, tuttavia sono ugualmente accettati, purché regolari sotto ogni altro aspetto e anche se eseguiti dopo il 1° luglio 2020, ma comunque non oltre il 28 febbraio 2021, i pagamenti eseguiti (a causa di errore, informazioni inesatte o notizie fuorvianti) con i sistemi tradizionali.

No, per la licenza di pesca devi eseguire il pagamento attraverso la piattaforma PiemontePay.

No, per l'abilitazione all'esercizio venatorio devi eseguire il pagamento attraverso la piattaforma PiemontePay.

Devi pagare seguendo le istruzioni riportate sull’avviso cartaceo o nella pagina: “Avviso di accertamento TCR” e, se del caso, contattando successivamente la SORIS S.p.A. (che gestisce l’incasso degli avvisi di accertamento) o direttamente allo sportello di via Vigone n. 80, Torino (dal lunedì al venerdì dalle 8:30 alle 13:30), oppure telefonando al numero 848 800 141 (da cellulare o dall’estero +39 0962 907 814). Puoi anche utilizzare il modulo di contatto sul sito della Soris.

Sì, se l'importo totale da pagare è superiore ai 120 euro, ma devi presentare domanda di rateizzazione alla SORIS S.p.A. o direttamente allo sportello di via Vigone n. 80 - Torino o tramite la procedura riportata sul sito della Soris, entro il termine di scadenza del pagamento (sessanta giorni).

Se si paga in ritardo, oltre alla tassa, si è soggetti anche al pagamento di sanzioni, che crescono a seconda del ritardo con cui il pagamento viene fatto (vedi Tabella pagamenti tardivi).