Tipologia di contenuto
Scheda informativa

Acconciatore

Rivolto a
Cittadini

In questa pagina sono indicati i percorsi che è possibile seguire per ottenere l'abilitazione e aprire l'attività in proprio o essere nominati responsabili tecnici:

Per maggiori informazioni guarda anche le domande frequenti.

PERCORSO 1:

  • corso di qualifica di due anni presso una scuola per parrucchieri riconosciuta dalla Regione 
  • seguito da un corso di specializzazione di 600 ore del Catalogo dei corsi di formazione
  • al termine si ottiene l'abilitazione e si può aprire l'attività in proprio o essere nominati responsabili tecnici.

PERCORSO 2:

  • corso di qualifica di due anni presso una scuola per parrucchieri riconosciuta dalla Regione 
  • seguito da un periodo di inserimento della durata di un anno presso un'impresa di acconciatore, da effettuare nell’arco di due anni: l'attività lavorativa deve essere svolta come titolare o socio prestatore d'opera o coadiuvante o lavorante almeno di 3° livello a tempo pieno; è considerato valido il lavoro svolto in part-time se con percentuale uguale o superiore al 50%; non è valido l’apprendistato
  • a seguire occorre presentare domanda alla Regione Piemonte per essere ammessi all'esame compilando il  Modulo C  con marca da bollo da 16 Euro, e i seguenti allegati:
    • carta identità
    • copia attestato di qualifica

    • contratto come lavorante almeno di 3° livello

    • prima e ultima busta paga come lavorante almeno di 3° livello

  • la Regione Piemonte autorizza con provvedimento l'ammissione al corso di formazione teorica di 300 ore come da Catalogo dei corsi di formazione 

 

 

  • superato l’esame si ottiene l'abilitazione e si può aprire l'attività in proprio o essere nominati responsabili tecnici.

PERCORSO 3:

  • inserimento di tre anni presso un’impresa di acconciatore, da effettuare nell’arco di cinque anni: l'attività lavorativa deve essere svolta come titolare o socio prestatore d'opera o coadiuvante o lavorante di 3° livello a tempo pieno; è considerato valido il lavoro svolto in part-time se con percentuale uguale o superiore al 60%; non è valido l’apprendistato.
  • Per il titolare o socio o il coadiuvante è necessario essere in regola con i contributi INPS e l'iscrizione INAIL come acconciatore per tutto il periodo richiesto.
  • A seguire occorre presentare domanda alla Regione Piemonte per essere ammessi al corso compilando il  Modulo C  con marca da bollo da 16 Euro, e i seguenti allegati:

            ▪ carta identità
            ▪ contratto come lavorante almeno di 3° livello
            ▪ prima e ultima busta paga come lavorante almeno di 3° livello

  • al termine si ottiene l'abilitazione e si può aprire l'attività in proprio o essere nominati responsabili tecnici

PERCORSO 4: 

  • apprendistato 
  • seguito da un anno di inserimento presso un’impresa di acconciatore, da effettuare nell’arco di due anni: l'attività lavorativa deve essere svolta come titolare o socio prestatore d'opera o coadiuvante o lavorante almeno di 3° livello a tempo pieno; è considerato valido il lavoro svolto in part-time se con percentuale uguale o superiore al 50%;
  • a seguire occorre presentare domanda alla Regione Piemonte per essere ammessi al corso compilando il  Modulo C  con marca da bollo da 16 Euro, e i seguenti allegati:
    •  carta identità
    • contratto di apprendistato
    • prima e ultima busta paga da apprendista
    • contratto da lavorante almeno di 3° livello
    • prima e ultima busta paga come lavorante almeno di 3° livello

 

      

 

  • al termine si ottiene l'abilitazione e si può aprire l'attività in proprio o essere nominati responsabili tecnici.

PERCORSO 5:

I soggetti che alla data del 31/01/2009 sono già qualificati ai sensi della legge 161/1963*:

  • non devono presentare alcuna domanda
  • sono abilitati e non devono fare alcun corso
  • devono rivolgersi al Comune dove intendono svolgere l’attività per presentare la SCIA.

Rientrano in tale casistica i soggetti che alla data del 31/01/2009 risultano:

  • essere stati titolari di un esercizio del settore di acconciatura o parrucchiere per uomo o per donna
  • aver svolto 2 anni di attività lavorativa qualificata come dipendenti di 3° livello presso un’impresa del settore di acconciatura o parrucchiere per uomo o per donna;
  • aver svolto 2 anni di attività lavorativa con esercizio di mansioni corrispondenti al 3° livello di inquadramento del CCNL di categoria, come collaboratori (familiare coadiuvante) o come soci prestatore d’opera presso un’impresa anche non artigiana del settore di acconciatura o parrucchiere per uomo o per donna;
  • aver svolto un regolare corso di apprendistato ed ottenuta la qualificazione professionale ai sensi della legge 19 gennaio 1955, n. 25 e delle norme applicative previste nei contratti collettivi di lavoro delle categorie interessate;
  • essere in possesso di attestato di qualifica relativo al percorso "Operatore dei trattamenti estetici –acconciatore: i corsi iniziati entro l’anno formativo 2005/2006 erogati ai sensi della Legge n. 1142/1970 sono abilitanti, sia quelli biennali e sia quelli triennali

* A questi casi si applica quanto previsto dalla Legge n. 161/1963, dagli articoli 6 e 7 della Legge 174/2005 e dai pareri del Ministero dello Sviluppo economico del 27 ottobre 2014 prot. n. 188379 e del 20 novembre 2014 prot. n. 205832.

Per ulteriori informazioni su come avviare un'attività, consulta lo Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP) del tuo Comune

 

 

Allegati

Modulo C domanda acconciatore - Privacy
File word - 317 KB
Modello di delega
File word - 15.68 KB