Tipologia di contenuto
Scheda informativa

Classificazione sismica

Rivolto a
Cittadini
Enti pubblici
Imprese e liberi professionisti

A partire dagli studi di pericolosità sismica, le Regioni hanno il compito di classificare il proprio territorio secondo criteri fissati a scala nazionale: la classificazione sismica della Regione Piemonte in vigore suddivide il territorio nelle zone 3S, 3 e 4 ed è stata approvata con DGR n. 65-7656 del 21 maggio 2014

La classificazione sismica del territorio è stata per lungo tempo competenza dello Stato che ha provveduto negli anni ‘80 alla classificazione per Decreto dell’intero territorio nazionale, e per il Piemonte con DM 4 febbraio 1982.

Secondo l’ attuale legislazione, la classificazione sismica del territorio spetta alle regioni, sulla base dei criteri generali per l'individuazione delle zone sismiche stabiliti dallo Stato, attualmente rappresentati dall'Opcm 3519/06.

Per il Piemonte, l’elenco delle zone sismiche è stato in un primo momento aggiornato con la DGR n. 11-13058 del 19/01/2010 e successivamente precisato dalla DGR n. 65-7656 del 21/05/2014, attualmente vigente, con cui sono state aggiornate anche le procedure di gestione e controllo delle attività urbanistico-edilizie ai fini della prevenzione del rischio sismico.

1982 - 2012 - La prevenzione del rischio sismico in Piemonte

Nella pubblicazione realizzata in occasione del 30° anniversario della classificazione sismica del territorio piemontese, e della conseguente istituzione dell’ufficio sismico regionale a Pinerolo, sono richiamati gli eventi di ieri, ed in particolare il terremoto dell’aprile 1808, e le politiche di prevenzione adottate nei tempi più recenti (ri-classificazione sismica e definizione di nuove procedure di gestione e controllo in ambito edilizio e urbanistico), contestualizzando ed illustrando le scelte normative e tecniche che si sono succedute negli anni.

 

Allegati

Elenco comuni zona 3s.pdf
File pdf - 5.08 KB
Elenco comuni zona 3.pdf
File pdf - 12.19 KB
Elenco comuni zona 4.pdf
File pdf - 21.42 KB
dm 4 febbraio 1982
File pdf - 93.59 KB
The website encountered an unexpected error. Please try again later.