Tipologia di contenuto
Scheda informativa

Il clima in Piemonte

Rivolto a
Cittadini
Enti pubblici
Terzo settore

Il Rapporto Speciale sugli impatti del riscaldamento globale di 1,5°C pubblicato dall’IPCC nel 2018 stima che “le attività umane abbiano causato un riscaldamento globale di circa 1,0°C rispetto ai livelli preindustriali, con un intervallo probabile tra 0,8 e 1,2°C. È probabile che il riscaldamento globale raggiungerà 1,5°C tra il 2030 e il 2052 se continuerà ad aumentare al tasso attuale”.

Nella maggior parte delle regioni continentali, gli estremi caldi saranno più numerosi rispetto a quelli freddi, su scala giornaliera e stagionale. È quindi probabile che le ondate di calore saranno più frequenti e dureranno più a lungo. Ciononostante, si avranno comunque degli estremi freddi occasionalmente in inverno.

Anche in Piemonte l’analisi storica dei dati – rilevati a cura di Arpa Piemonte - evidenzia alcuni cambiamenti nelle variabili meteorologiche, tra i quali temperatura, piogge e neve.

Le temperature hanno subito un aumento, in particolare nei valori massimi, che raggiunge i 2,3°C negli ultimi 61 anni ed è in linea con quanto evidenziato dalla letteratura per l’area alpina.

L’andamento delle precipitazioni intense è più incerto, ma sembra essere in crescita. I giorni piovosi, considerando gli ultimi 18 anni circa, risultano in diminuzione pressoché su tutta la regione, mentre aumenta la lunghezza massima dei periodi secchi. La pioggia annuale, nello stesso periodo, ha subito delle modificazioni, con un aumento in alcune zone quali il Verbano, in corrispondenza della zona del Lago Maggiore, e una lieve diminuzione complessiva delle precipitazioni sul resto della regione, più rilevante sul biellese e sulla fascia meridionale tra Cuneo e Alessandria.

Nell'ambito delle attività legate alla costruzione della Strategia Regionale sui Cambiamenti Climatici, Regione Piemonte e Arpa hanno elaborato due report di ricerca che illustrano nel dettaglio l'andamento delle principali variabili climatiche: il primo consente di analizzare i cambiamenti climatici dal 1981 al 2010 e il secondo, attraverso l’utilizzo dei modelli regionali di ultima generazione disponibili a livello europeo, opportunamente trattati per adeguarli al clima del territorio regionale, consente di tracciare una proiezione di quella che sarà l’evoluzione climatica del Piemonte fino a fine secolo.

I dati dei due report sono confluiti in 9 schede di sintesi che riassumono i dati del clima in Piemonte nelle infografiche in allegato.

Per maggiori informazioni riguardo al clima in Piemonte, visita le pagine della Relazione Stato Ambiente.