Tipologia di contenuto
Scheda informativa

Le produzioni biologiche

Rivolto a
Cittadini
Imprese e liberi professionisti

Certificazione, controlli, elenco degli operatori regionali, Sistema informativo Abio

I prodotti biologici derivano da metodi di coltivazione e di allevamento che utlizzano l’impiego di sostanze naturali, senza l’utilizzo di sostanze di sintesi chimica (concimi, diserbanti, insetticidi), senza sfruttare eccessivamente le risorse naturali per preservarle, in un modello di sviluppo che duri nel tempo e con una maggiore sicurezza per la salute.

Per difendere le colture si agisce in modo preventivo, individuando le specie più resistenti alle malattie e prevedendo specifiche tecniche agricole, tenendo conto dell’adattamento dei sistemi di produzione alle condizioni locali, ad esempio:

  • Rotazione delle colture, per ostacolare l’ambientazione dei parassiti e per preservare le sostanze nutrienti del terreno

  • Consociazione, che prevede la coltivazione parallela di piante sgradite l’una ai parassiti dell’altra

  • Fertilizzazione con concimi naturali come il letame e altre sostanze organiche compostate.

Per quanto riguarda l’allevamento biologico, l’obiettivo è la produzione di altà qualità e non la massimizzazione della resa. Gli animali devono essere alimentati con prodotti vegetali ottenuti da produzione biologica, coltivati all’interno della stessa azienda agricola o nel comprensorio in cui essa ricade. Inoltre, agli animali vengono garantite condizioni adeguate alle loro specifiche esigenze e la possibilità di esprimere il loro comportamento naturale.

L'azienda che vuole certificare le attività di produzione, preparazione, commercializzazione e importazione dei prodotti agricoli biologici deve essere sottoposta al sistema di controllo previsto dalla normativa e viene inserita in un elenco degli operatori dell'agricoltura biologica che viene approvato ogni anno.

La certificazione dei prodotti ottenuti con il metodo dell'agricoltura biologica viene effettuata dall'Organismo di Controllo tramite il documento "giustificativo", che contiene l'indicazione dei prodotti certificati per i quali l'operatore biologico può rilasciare le dichiarazioni di conformità e l'indicazione del periodo di validità del documento stesso.

Elenco degli operatori biologici

L’elenco degli Operatori Biologici Italiani è consultabile nel Sistema Informativo Agricolo Nazionale, tramite il Servizio web di libero accesso.

Questo elenco è costantemente aggiornato sulla base delle notifiche ritenute valide dagli Organismi di Controllo, dalle Regioni e PPAA e dal Ministero. Per ciascun operatore è possibile visualizzare il Documento Giustificativo e, per coloro che commercializzano i prodotti biologici, anche il Certificato di Conformità rilasciati dall’Organismo di Controllo.

È inoltre possibile la consultazione “storica” al fine di verificare la presenza degli operatori negli elenchi relativi ad annualità precedenti.

Il Sistema informativo Abio

La Regione Piemonte ha introdotto sul portale dei servizi l’applicativo ABIO che, dal 2012; consente agli operatori del settore biologico di compilare on-line:

Notifiche di inizio attività o Notifiche di variazione; Rettifiche alle Notifiche; Programmi Annuali (delle Produzioni Vegetali, delle Produzioni Zootecniche, delle Produzioni d'Acquacoltura, delle Preparazioni, delle Importazioni); Comunicazioni di cessazione dell'attività biologica.Questi documenti, vengono trasmessi telematicamente sia agli Uffici regionali competenti, sia all'Organismo di Controllo prescelto dall'Operatore. I dati inseriti in ABIO – tramite un sistema di cooperazione applicata – sono trasferiti in automatico sul Sistema Informativo Agricolo Nazionale (SIAN), all'interno della piattaforma Sistema Informativo Biologico (SIB). Notifiche, Rettifiche, Programmi Annuali e Comunicazioni di cessazione possono essere presentati direttamente dall’operatore o attraverso il CAA detentore del fascicolo aziendale.

Ulteriori informazioni sul servizio ABIO

Il controllo sulle produzioni biologiche: le garanzie per consumatori e produttori

La normativa comunitaria prevede che ogni operatore intervenga sui prodotti da agricoltura biologica nelle fasi della produzione, preparazione, trasformazione, condizionamento, importazione, etichettatura e commercializzazione debba essere sottoposto ad un sistema di controllo.

In Italia il controllo sugli operatori che producono ai sensi del regolamentazione comunitaria è stato affidato dal Ministero delle politiche agricole, alimentari, forestali e del turismo (di seguito denominato Mipaaft) ad Organismi di Controllo (di seguito denominati OdC) di tipo privato, previa autorizzazione da parte del Mipaaft stesso. L’attività di controllo e vigilanza svolta sull’operato degli OdC deve inoltre integrarsi con quella realizzata da altri Enti con finalità in parte diverse (Assessorato Sanità, Carabinieri, Ispettorato Centrale della tutela della qualità e repressione frodi dei prodotti agroalimentari), che hanno come oggetto del loro controllo l’operatore biologico, con particolare riguardo agli aspetti connessi alla tutela della salute del consumatore od alla vigilanza sulle frodi in materia commerciale e sanitaria.

L’approccio del controllo si basa, in particolare, sull’analisi dei rischi, in conformità al sistema ufficiale di controllo vigente nell’UE per la generalità delle produzioni agroalimentari.

Le ispezioni ed i controlli analitici sono svolti sia per verificare le conformità del processo produttivo che per prevenire o dimostrare eventuali contaminazioni accidentali; le ispezioni devono essere quindi programmate sulla base di una analisi dei rischi, garantendo comunque una verifica completa annuale presso ogni operatore biologico, più eventuali verifiche straordinarie, prevalentemente non annunciate.

La vigilanza sugli OdC è esercita dall’Ispettorato Centrale della tutela della qualità e repressione frodi dei prodotti agro-alimentarie del Mipaaft e, per quanto riguarda la loro attività in Piemonte, dalla Regione, attraverso verifiche ispettive presso le sedi regionali/interregionali degli stessi OdC od attraverso verifiche ispettive presso un campione di operatori biologici controllati, al fine di verificare l'operato degli OdC presso di essi.

L’attività di vigilanza ha come obiettivi principali di garantire che gli OdC mantengano i requisiti sulla base dei quali sono stati autorizzati dal Mipaaf e di garantire l’obiettività e l’efficienza dei controlli effettuati dagli Organismi stessi.

Con il D.Lgs 20/2018 viene introdotto per la prima volta nel settore dell’agricoltura biologica un apparato sanzionatorio di carattere amministrativo, con la previsione di fattispecie illecite a carico sia dei soggetti operanti, con incarichi decisionali, all’interno degli Organismi di Controllo autorizzati, sia degli operatori.

SINAB - Sistema d'Informazione Nazionale sull'Agricoltura Biologica

All’interno del portale, nella sezione Strumenti utili, è possibile accedere direttamente alle pagine che raccolgono tutte le informazioni relative ai seguenti argomenti:

IMPORTAZIONI - TRACES

MENSE SCOLASTICHE BIOLOGICHE CERTIFICATE

LABORATORI AUTORIZZATI

SEMENTI - BANCA DATI SEMENTI

BANCA DATI FITOFARMACI

BANCA DATI FERTILIZZANTI

INFORMATIZZAZIONE

ORGANISMI DI CONTROLLO

ACCREDITAMENTO E VIGILANZA

REGIONI

VINO

ACQUACOLTURA

ZOOTECNIA

PRODOTTI VEGETALI

PRODOTTI TRASFORMATI

GESTIONE DEL SUOLO E FERTILIZZAZIONE

DIFESA E PROTEZIONE DELLE PIANTE

QUALITA' E NUTRIZIONE

MERCATO

CONSUMI

PREZZI

ETICHETTATURA

 

Contatti

Settore Programmazione e coordinamento sviluppo rurale e agricoltura sostenibile

Carlo Masante

Telefono 011.432.4708

Email carlo.masante@regione.piemonte.it | PEC psr.agrisostenibile@cert.regione.piemonte.it

Indirizzo Corso Stati Uniti 21 10128 Torino


Settore Attuazione programmi agroambientali e per l’agricoltura biologica

Elenco contatti territoriali