Tipologia di contenuto
Scheda informativa

Tassa automobilistica: rateizzazioni

Rivolto a
Cittadini
Enti pubblici
Imprese e liberi professionisti
Terzo settore

In quali casi e come può essere richiesta la rateizzazione del bollo auto e modalità di pagamento delle rate

Quando può essere richiesta la rateizzazione

La rateizzazione si può ottenere se:

  1. è stato emesso un avviso di accertamento;

  2. il totale da pagare riportato nell’avviso di accertamento è di almeno 250 euro e deve essere raggiunto con riferimento ad ogni singolo atto o gruppo di atti relativi alla stessa annualità e allo stesso tributo;

  3. il contribuente è in regola con il pagamento degli importi compresi in piani di rateizzazione precedentemente accordati.

Il numero delle rate varia in relazione all’importo totale della richiesta, ma non può essere superiore a 30:

  • n. 5 rate per importi non superiori ad euro 500;

  • n. 10 rate per importi non superiori ad euro 1.000;

  • n. 15 rate per importi non superiori ad euro 2.000;

  • n. 20 rate per importi non superiori ad euro 3.000;

  • n. 30 rate per importi superiori ad euro 3.000.

In caso di particolare disagio economico, autocertificato dal contribuente, può essere concesso un numero maggiore di rate rispetto a quelle previste, ma sempre non oltre le 30 rate; l’ammontare di ogni rata mensile non può essere in nessun caso inferiore all’importo minimo iscrivibile a ruolo determinato dalla legge (ad oggi è pari a € 30).

Attenzione!

Con la prima rata sono poste in liquidazione le spese di istruttoria, nell’importo stabilito annualmente con deliberazione della Giunta regionale.

Per l’anno 2022, l’importo unitario delle spese di istruttoria è fissato in € 15, comprensivo dei costi di spedizione e di ogni altro onere relativo.

Importante!

Le disposizioni relative alle rateizzazioni sopra citate sono in vigore dal 1° gennaio 2021 e si

applicano agli accertamenti emessi e notificati a partire da tale data.

 

Come ottenere la rateizzazione

La domanda di rateizzazione deve essere presentata esclusivamente in via telematica, entro il termine di scadenza del pagamento indicato nell’avviso (sessanta giorni):

  1. se l’avviso di accertamento riguarda un bollo auto con anno di pagamento successivo al 2019 ci si deve avvalere della procedura disponibile sul sito di Soris S.p.a., sezione Richieste online, voce Richiedere una rateizzazione per la Regione Piemonte, oppure utilizzare l’apposito modulo di contatto; per ulteriori informazioni sulle modalità di rateizzazione consultare il sito di Soris S.p.a.;

  2. se l’avviso di accertamento si riferisce ad un bollo auto con anno di pagamento fino al 2019 compreso si deve ricorrere al servizio presente sul portale Tassa Auto Piemonte, che permette di trasmettere al Settore Politiche Fiscali e contenzioso amministrativo della Regione la richiesta di rateizzazione e di essere aggiornati, tramite e-mail e/o sms, sullo stato di avanzamento della richiesta.

Non può avere la rateizzazione chi non è in regola con i pagamenti di eventuali piani di rateizzazione già accordati in passato.

Se non si dispone di una connessione internet è possibile rivolgersi a un intermediario autorizzato (delegazione ACI, agenzia di pratiche auto del consorzio Sermetra o agenzia Avantgarde - vedi Elenco intermediari autorizzati in Allegati) che presterà il proprio aiuto ai fini del completamento della pratica.
Per ogni pratica il costo non può essere superiore a euro 6,50 + IVA, da pagare direttamente all’intermediario. Non possono essere accettate richieste presentate o inviate in modi diversi da quelli indicati.
E’ inoltre possibile rivolgersi agli URP regionali per il completamento e l’invio telematico delle domande. Si precisa che gli operatori URP non forniscono consulenza, né possono effettuare valutazioni in merito alle singole situazioni degli utenti inerenti l’applicazione della tassa automobilistica.

Ricorda che:

  • la domanda di rateizzazione va presentata entro i termini di scadenza del pagamento

    assegnati nell’atto di liquidazione o accertamento (sessanta giorni);

  • non è possibile inserire nella stessa domanda accertamenti riferiti a più annualità (per chiedere di rateizzare più annualità occorre compilare tante domande quante sono le annualità che si desidera rateizzare); possono viceversa essere compresi nella stessa domanda due o più accertamenti riferiti alla stessa annualità, si suppone per veicoli differenti, anche se notificati in momenti diversi;

  • la sola presentazione della domanda sospende temporaneamente il termine di pagamento fino al momento in cui si riceve risposta scritta da parte dell’Amministrazione;
  • le domande presentate oltre il termine,  purchè presentate prima che inizi il procedimento di riscossione coattiva, sono valutate dal dirigente del Settore ed eventualmente accolte in via eccezionale, compatibilmente con i criteri di programmazione delle procedure di accertamento;
  • se la domanda è accolta il contribuente riceve il prospetto di ripartizione, che contiene l'importo di ciascuna rata e le scadenze entro cui devono essere pagate;
  • il mancato rispetto anche di una sola scadenza di pagamento comporta l’automatica decadenza dal beneficio ed il conseguente recupero dell’intero debito residuo, anche mediante il ricorso o la riattivazione di procedure di riscossione coattiva;
  • di norma i piani di rateizzazione già approvati non possono essere annullati; in ogni caso non possono essere annullati i piani di rateizzazione già approvati e dichiarati insoluti, con conseguente emissione di ingiunzione o cartella, e quelli di cui siano già state pagate delle rate;
  • chi risulta inadempiente nel pagamento di importi compresi in piani di rateizzazione precedentemente accordati non può più presentare richiesta di rateizzazione e, in ogni caso, la richiesta eventualmente presentata non può essere accolta.

Come pagare le rate

Se la rateizzazione è stata richiesta:

  1. a seguito di un avviso di accertamento del bollo auto con anno di pagamento successivo al 2019, le rate devono essere pagate avvalendosi del servizio disponibile sul sito di Soris S.p.a., alla sezione Pagamenti;

  2. a seguito di un avviso di accertamento del bollo auto con anno di pagamento fino al 2019 compreso, le rate devono essere pagate utilizzando il servizio on-line presente sul sito Tassa Auto Piemonte alla sezione Paga on line – Paga le rate, specificando il riferimento/anno del piano di rateizzazione e il proprio codice fiscale; la ricevuta telematica dell'esito positivo del versamento sarà allegata alla comunicazione trasmessa all'indirizzo e-mail  indicato durante il processo di pagamento (rimarrà sempre possibile scaricare la ricevuta anche collegandosi al sito Tassa Auto Piemonte alla sezione Scarica la ricevuta di un pagamento).

E’ inoltre possibile pagare le rate presso:

    • gli uffici postali (alle condizioni previste da Poste italiane), utilizzando il bollettino allegato al piano di rateizzazione;
    • le agenzie della propria banca o mediante i servizi di home banking (esclusivamente utilizzando i servizi di CBILL o pagoPA);
    • gli sportelli bancomat della propria banca (se abilitati);
    • le tabaccherie (anche tramite i servizi di banca ITB) e le ricevitorie collegate alla rete SISAL, Lottomatica o di altri soggetti che aderiscono al sistema pagoPA;
    • le agenzie di pratiche auto aderenti al consorzio Sermetra.

    L’elenco completo dei Prestatori di Servizi di Pagamento (PSP) che aderiscono al sistema pagoPA è consultabile alla seguente pagina internet dell’Agenzia per l’Italia digitale: https://www.pagopa.gov.it

    Non potranno essere accettati pagamenti eseguiti in altra forma.

     

    Allegati

    Elenco intermediari autorizzati
    File pdf - 179.03 KB

    Contatti

    Riferimento
    Call center Regione Piemonte
    Telefono
    numero verde da fisso 800 333 444
    da cellulare ed estero 011 08 24 222
    Email
    comunicazionibollo@regione.piemonte.it