Tipologia di contenuto
Scheda informativa

Sbarramenti idrici regionali

Rivolto a
Cittadini
Enti pubblici
Imprese e liberi professionisti

La Regione autorizza e controlla la costruzione e la gestione di sbarramenti idrici sul proprio territorio.

Gli sbarramenti artificiali per la ritenuta idrica, siano esse dighe di ritenuta o traverse, sono assoggettate ad un'attività di controllo pubblica, che può essere di livello regionale o statale, sulla corretta gestione dell'opera da parte del concessionario, ai fini della tutela della pubblica sicurezza. Sono di competenza statale le dighe con un'altezza superiore ai 15 metri o con un invaso superiore al milione di metri cubi. I rimanenti sbarramenti sono di competenza regionale.

La costruzione e la gestione di queste opere deve essere autorizzata dal settore Difesa del suolo della Regione Piemonte, secondo le modalità stabilite dal Regolamento regionale n. 12/R del 2004.

Allo stato attuale gli sbarramenti idrici di competenza regionale, censiti nell'apposito catasto, sono circa 700, di varie dimensioni, ed utilizzati principalmente per l'irrigazione o la produzione di energia idroelettrica, ma anche numerosi altri scopi secondari.

Relativamente a queste opere la Regione Piemonte opera secondo le seguenti principali linee di intervento:

  • aggiornamento costante dei dati relativi a tutti gli invasi artificiali, inseriti nel Sistema Informativo Catasto Sbarramenti;
  • procedimenti di autorizzazione alla costruzione di nuovi invasi e alla realizzazione di varianti;
  • attività e sopralluoghi su sbarramenti esistenti: verifiche sulla corretta conduzione, modellazioni idrauliche per la verifica delle aree a rischio di esondazione a seguito di rottura dello sbarramento o per apertura degli scarichi;
  • gestione di procedimenti di VIA regionale, produzioni di pareri per procedimenti di VIA statale;
  • procedimenti di approvazione dei progetti di gestione del materiale sedimentato di strutture regionali;
  • produzione e pubblicazione di manuali tecnici e linee guida rivolti ai proprietari, ai gestori e ai tecnici professionisti;
  • definizione e conduzione di progetti europei su temi rivolti alla sicurezza di sbarramenti artificiali.

Il settore regionale Difesa del Suolo accoglie inoltre tesisti, tirocinanti e ricercatori che sono interessati alle tematiche inerenti gli sbarramenti artificiali per la ritenuta idrica.