Tipologia di contenuto
Scheda informativa

Misure di mitigazione da inquinamento agricolo di origine diffusa

Rivolto a
Cittadini
Enti pubblici
Imprese e liberi professionisti

Regione Piemonte, ai fini della tutela dei corpi idrici superficiali, promuove le misure di mitigazione per ridurre l'inquinamento di origine diffusa.

Fasce tampone riparie vegetate
La misura di mitigazione ideale è rappresentata da una fascia di vegetazione spontanea lungo i corpi idrici, nella realtà le sponde dei corpi idrici si presentano spesso desertiche e spoglie.

La vegetazione spontanea, peraltro, potrebbe anche ospitare specie alloctone invasive o avversità biotiche per le colture adiacenti.

Laddove non esiste una fascia di vegetazione spontanea, il PTA prevede altresì la possibilità di realizzare e, opportunamente gestire, delle fasce tampone riparie vegetate con funzione di filtro per trattenere i sedimenti e gli eventuali inquinanti, di stabilizzazione delle sponde e di conservazione della biodiversità.

Nell’areale risicolo, o in particolari situazioni di coltivazione arboree (ad esempio vigneti, noccioleti, etc.), il mantenimento o il ripristino della vegetazione spontanea è perseguito attraverso una gestione degli argini adiacenti i corsi d’acqua senza l’uso di prodotti fitosanitari.

Manuali tecnici per l’allestimento e la gestione delle fasce tampone riparie
Al fine di fornire un supporto tecnico per l’allestimento e la gestione delle fasce tampone riparie, sono disponibili nella sezioni Allegati:

  • il Manuale per le fasce tampone riparie arbustive-arboree,
  • il Manuale per le fasce tampone riparie erbacee

Tali manuali sono coerenti con alcune operazioni delle misure del PSR per l’allestimento e la manutenzione della fascia tampone riparia vegetata, anche con priorità per i corpi idrici che al momento non raggiungono gli obiettivi di qualità a causa di impatti diffusi di origine agricola, quali l’eccesso di nutrienti (azoto e fosforo) e la contaminazione da prodotti fitosanitari.

Sul bacino del torrente Tiglione è stato applicato il progetto MIRIAM che individua a livello di foglio di mappa le misure di mitigazione più opportune per ridurre l'erosione dei suoli e il ruscellamento degli inquinanti.

L'uso sostenibile dei prodotti fitosanitari nei terreni adiacenti ai corpi idrici può essere perseguito nel rispetto delle fasce tampone riparie alle quali la Regione Piemonte riconosce precise percentuali di mitigazione come riportato nell'allegato Criteri minimi fasce tampone allineato con il Documento di orientamento del Ministero della salute "Misure di mitigazione del rischio per la riduzione della contaminazione dei corpi idrici superficiali da deriva e ruscellamento"