Tipologia di contenuto
Scheda informativa

Disciplina dell'implementazione del deflusso ecologico in Regione Piemonte

Rivolto a
Cittadini
Enti pubblici
Imprese e liberi professionisti
Terzo settore

Regolamento per la disciplina dell'implementazione del deflusso ecologico

Il Decreto del Direttore della Direzione generale del Ministero dell’Ambiente n. 30/STA del 13 febbraio 2017 ha approvato le “Linee guida per l'aggiornamento dei metodi di determinazione del deflusso minimo vitale al fine di garantire il mantenimento, nei corsi d'acqua, del deflusso ecologico (DE) a sostegno del raggiungimento degli obiettivi ambientali definiti ai sensi della Direttiva 2000/60/CE del Parlamento europeo del Consiglio del 23 ottobre 2000”.

Questo provvedimento ha definito le modalità ed i criteri per il calcolo del deflusso ecologico da rilasciarsi a valle delle opere di presa di tutte le derivazioni idriche per il territorio nazionale, da recepire a livello delle singole Autorità di bacino distrettuali.

Con la deliberazione n. 4 del 14 dicembre 2017 del Comitato della conferenza istituzionale permanente dell’Autorità di bacino del fiume Po istituita presso il Ministero dell’Ambiente è stata quindi adottata la “Direttiva per la determinazione dei deflussi ecologici a sostegno del mantenimento/raggiungimento degli obiettivi ambientali fissati dal Piano di Gestione del Distretto idrografico e successivi riesami e aggiornamenti”, in attuazione della misura individuale “Revisione del DMV, definizione delle portate ecologiche e controllo dell'applicazione sul territorio (KTM07-P3-a029)” del “Piano di Gestione del distretto idrografico del fiume Po. Riesame e aggiornamento al 2015”.

Con Decreto del Presidente della Giunta regionale 27 dicembre 2021, n. 14/R, è stato, quindi, emanato il Regolamento regionale recante: “Disposizioni per l’implementazione del deflusso ecologico”, pubblicato sul Bollettino ufficiale del 5 gennaio 2022.

Il Regolamento n. 14/R/2021 in attuazione della legge regionale 29 dicembre 2000, n. 61 (Disposizioni per la prima attuazione del decreto legislativo 11 maggio 1999, n. 152, in materia di tutela delle acque) e in coerenza con quanto stabilito dal Piano di tutela delle acque e dalla deliberazione 14 dicembre 2017, n. 4 della Conferenza istituzionale permanente dell’Autorità di bacino distrettuale del fiume Po (DDE), detta disposizioni per l’implementazione dei deflussi ecologici in Regione Piemonte.

In applicazione del regolamento di cui sopra ARPA Piemonte ha provveduto ad implementare il calcolo delle portate di Deflusso Ecologico (D.E.). La tabella contiene il valore del DMV di base (articolo 4 comma1), il fattore ambientale Z e il valore del Deflusso Ecologico (art. 4 comma 2) con applicazione del fattore di modulazione temporale T, dove applicabile, per tutti i corpi idrici (C.I.) piemontesi. La portata di D.E. indicata in tabella si riferisce alla sezione idrografica di chiusura per la quale è anche indicata l’area del bacino idrografico sotteso. I C.I. per i quali il fattore T è applicabile solo ad una porzione (art. 3 comma 3) sono stati suddivisi in due tratti indicando la porzione con area inferiore a 100 kmq.

Inoltre, la mappa contiene la rappresentazione dei C.I. piemontesi differenziati rispetto all’applicazione o meno della modulazione temporale T.

Dati ambientali di prelievo delle acque pubbliche

Sono disponibili per la consultazione i dati relativi ai volumi mensili di acqua prelevati e restituiti, come previsto dalla DGR n. 26-4394 del 22 dicembre 2021 Approvazione Regolamento regionale recante “Disposizioni per l’implementazione del deflusso ecologico”.

I dati sono trasmessi una volta all’anno entro il 31 gennaio dell’anno successivo a quello a cui si riferiscono le rilevazioni, dai titolari di prelievi e restituzioni che siano soggetti all’obbligo di installare la strumentazione di misura ai sensi del Regolamento regionale 7/R del 25 giugno 2007.

Dati dei volumi prelevati-restituiti - Web-Misuratori marzo 2022.ods