Caccia e pesca: nuove modalità di pagamento delle tasse sulle concessioni regionali

Data notizia

Dal 1° luglio 2020 è in vigore l’obbligo di eseguire i pagamenti a favore della pubblica amministrazione attraverso il sistema PiemontePay, che aderisce al circuito nazionale pagoPA.

L’obbligo riguarda tutti i pagamenti, quindi anche quelli relativi alle tasse sulle concessioni regionali per la licenza di pesca e per l’abilitazione all’esercizio venatorio (tassa annuale).

Licenza di pesca - Per ottenere la licenza di pesca e pagare la relativa tassa devi entrare nel servizio disponibile sul portale Sistemapiemonte, dove sono presenti le indicazioni necessarie.

Abilitazione all’esercizio venatorio (caccia) - Per pagare la tassa per l’abilitazione all’esercizio venatorio (caccia) devi utilizzare la piattaforma PiemontePay, dove puoi reperire le indicazioni relative.

Il sistema genera uno IUV (Identificativo Unico di Versamento) con il quale puoi pagare direttamente con il sistema telematico utilizzando carte di credito e di debito. In alternativa, puoi stampare il foglio su cui è riportato lo IUV e pagare presso uno dei prestatori di servizi di pagamento (PSP) – banche, uffici postali, tabaccai.

In caso di malfunzionamento, puoi inviare una segnalazione compilando il modulo consigliato alla pagina http://www.sistemapiemonte.it/cms/privati/piemontepay.

Se non disponi di una connessione internet puoi chiamare il numero verde 800 333 444 e chiedere all’operatore, indicando il tuo codice fiscale e le altre informazioni che ti verranno chieste, di generare uno IUV e inviartelo a un indirizzo di posta elettronica, se disponibile. Con lo IUV che ti sarà inviato potrai pagare presso uno dei prestatori di servizi di pagamento (PSP).

Il servizio è attivo:

  • dal lunedì al giovedì dalle ore 9 alle ore 12 e dalle ore 14 alle ore 17;
  • il venerdì dalle ore 9 alle ore 12.

L’elenco dei PSP (prestatori di servizi di pagamento) è pubblicato sul sito pagopa.gov.it e costantemente aggiornato.

Attenzione!

Si precisa che il differimento del termine disposto dal "decreto semplificazioni" (decreto legge 16 luglio 2020, n. 76) riguarda i prestatori dei servizi di pagamento (PSP) e le amministrazioni pubbliche che non abbiano provveduto, nel termine del 30 giugno 2020, ad integrare i loro sistemi di incasso con la piattaforma PagoPA. Dette amministrazioni potranno provvedere entro il nuovo termine del 28 febbraio 2021.

La Regione ha già provveduto da tempo ad integrare i propri sistemi attraverso la piattaforma PiemontePay, per cui i contribuenti devono eseguire i pagamenti attraverso tale piattaforma.

Tuttavia saranno ugualmente accettati, purché regolari sotto ogni altro aspetto e anche se eseguiti dopo il 1° luglio 2020, ma comunque non oltre il 28 febbraio 2021, i pagamenti eseguiti (a causa di errore, informazioni inesatte o notizie fuorvianti) con i sistemi tradizionali.