Tipologia di contenuto
Scheda informativa

Accordi per l'innovazione

Rivolto a
Cittadini
Enti pubblici
Imprese e liberi professionisti

COSA SONO Accordi tra il Ministero dello Sviluppo Economico e la Regione Piemonte finalizzati a fornire strumenti di sostegno al Piano d'Impresa di aziende proponenti con sede operativa in Piemonte.

NORMATIVA Nascono nel 2015 come Accordi di programma (DM 1 aprile 2015) e nel 2017 (DM 24 maggio 2017) assumono la denominazione di Accordi per l’innovazione. Con DM 5 marzo 2018 e successivo DM 2 agosto 2019 il Ministero rifinanzia lo strumento e definisce specifiche aree di intervento relative alle finestre agevolative. Il DM 31/12/2021 riforma lo strumento introducendo alcune novità sulle aree di intervento, sulle procedure e modalità di funzionamento degli Accordi.

DESTINATARI Imprese e centri di ricerca con almeno due bilanci approvati, in forma autonoma o in forma congiunta (fino a un max di 5 co-proponenti), per un investimento d’importo non inferiore a 5 milioni di euro e durata del progetto non superiore a 36 mesi.

TIPOLOGIA DI FINANZIAMENTO Contributi alla spesa a fondo perduto (eventuale finanziamento agevolato con MISE).

FINALITA’ Connettere la ricerca industriale e i relativi risultati ottenuti con la conseguente valorizzazione economica; favorire la cooperazione operativa (tra imprese o tra amministrazioni) ed il raccordo con iniziative di valenza nazionale o interregionale.

Gli Accordi prevedono il coinvolgimento dell’amministrazione centrale (MISE), in qualità di ente gestore della misura, delle amministrazioni regionali, in qualità di soggetti coinvolti come cofinanziatori opzionali nella misura minima del 5 % del costo di investimento del progetto e dell’impresa/e coinvolte e, in base a quanto stabilito dal DM 31 dicembre 2021, finanziano progetti riguardanti attività di ricerca industriale e sviluppo sperimentale finalizzate alla realizzazione di nuovi prodotti, processi o servizi o al notevole miglioramento di quelli esistenti tramite lo sviluppo delle tecnologie abilitanti fondamentali (KETs) nell’ambito delle seguenti aree di intervento riconducibili al secondo Pilastro del Programma quadro di ricerca e innovazione “Orizzonte Europa”, di cui al Regolamento (UE) 2021/695 del Parlamento europeo e del Consiglio del 28 aprile 2021:

  • tecnologie di fabbricazione
  • tecnologie digitali fondamentali, comprese le tecnologie quantistiche
  • tecnologie abilitanti emergenti
  • materiali avanzati
  • intelligenza artificiale e robotica
  • industrie circolari
  • industria pulita a basse emissioni di carbonio
  • malattie rare e non trasmissibili
  • impianti industriali nella transizione energetica
  • competitività industriale nel settore dei trasporti
  • mobilità e trasporti puliti, sicuri e accessibili
  • mobilità intelligente
  • stoccaggio dell’energia
  • sistemi alimentari
  • sistemi di bio innovazione nella bioeconomia dell’unione
  • sistemi circolari

Con Decreto direttoriale 10 ottobre 2022, ai sensi dell’articolo 2, del DPCM del 4 agosto 2022, è previsto uno strumento dedicato alla concessione delle agevolazioni a sostegno dei progetti di ricerca  industriale e sviluppo sperimentale di rilevante impatto tecnologico, finalizzati all’insediamento, alla riconversione e alla riqualificazione verso forme  produttive innovative e sostenibili, per la transizione verde, la ricerca e gli investimenti  nella filiera del settore automotive. Sono previste  attività finalizzate allo sviluppo e alla produzione di:

1) nuovi veicoli nonché sistemi di alimentazione e propulsione che aumentino l’efficienza del veicolo minimizzando le emissioni nel rispetto di quanto previsto dall’articolo 3, comma 1, lettera m), del regolamento (UE) 2019/631;
2) tecnologie, materiali, architetture e componenti strutturali funzionali all’alleggerimento dei veicoli nonché dei sistemi di trasporto per la mobilità urbana;
3) nuovi sistemi, componenti meccanici, elettrici, elettronici e software per la gestione delle funzioni principali del veicolo, propulsione, lighting, dinamica laterale e longitudinale, abitacolo;
4) nuovi sistemi, componenti meccanici elettrici, elettronici e software per sistemi avanzati per l’assistenza alla guida (ADAS), la connettività del veicolo (V2V e V2I), la gestione di dati, l’interazione uomo veicolo (HMI) e l’infotainment;
5) sistemi infrastrutturali per il rifornimento e la ricarica dei veicoli.

RISORSE 

- Ai sensi del DM 31 dicembre 2021, decreto direttoriale 18 marzo 2022: 

  • ministeriali: il MISE ha destinato risorse pari a 1 Miliardo di Euro diviso in due sportelli agevolativi ciascuno di 500 milioni di Euro. Con Decreto ministeriale 25 maggio 2022 è stato disposto l’incremento delle risorse previste per il primo sportello di euro 591.310.324,52;

  • regionali: in attuazione dell’Accordo Quadro stipulato tra la Regione Piemonte e il MISE in data 3 maggio 2022 ai sensi del DM 31 dicembre 2021, la Regione ha attivato una riserva di 4 milioni di Euro – in aggiunta agli 8 milioni di Euro stanziati dal MISE – per il finanziamento di progetti presentati da aziende piemontesi da realizzarsi su territorio piemontese;

- Ai sensi del DM 31 dicembre 2021, decreto direttoriale 10 ottobre 2022:

  • ministeriali: con DPCM del 4 agosto 2022, il MISE ha destinato 225 milioni di euro agli Accordi per l’innovazione di cui al DM 31 dicembre 2021 al fine di sostenere rilevanti progetti di ricerca e sviluppo nella filiera del settore automotive. Lo stanziamento di tali risorse è diretto al sostegno di:

    1) progetti di ricerca e sviluppo già oggetto di domande di agevolazione presentate sul primo sportello agevolativo di cui al decreto 31 dicembre 2021 e non ammesse alla fase istruttoria per carenza di risorse;
    2) nuovi progetti di ricerca e sviluppo, coerenti anch’essi con le finalità indicate nel decreto10 ottobre 2022;

  •   regionali:  in attuazione dell’Accordo Quadro stipulato tra la Regione Piemonte e il MISE in data 15 novembre 2022 ai sensi del Decreto Direttoriale 10 ottobre 2021, la Regione ha attivato una riserva di 1 milione di Euro - a concorso dei quali il MISE ha stanziato 2 milioni di Euro – per il finanziamento di progetti presentati da realizzarsi su territorio piemontese.

TEMPISTICHE Il primo dei due sportelli agevolativi previsti dal DM 31 dicembre 2021 per la presentazione delle domande di agevolazione, aperto dal MISE (decreto direttoriale 18 marzo 2022) l’11 maggio 2022, è stato sospeso con Decreto direttoriale del medesimo giorno per esaurimento della dotazione prevista sul territorio nazionale e, in particolare, anche delle risorse finanziarie riservate con l’Accordo con la regione Piemonte.

Attualmente in attesa dell’istruttoria riguardo alle domande di finanziamento presentate.

Prevista per l’autunno la finestra relativa al secondo sportello agevolativo.

Sportello agevolativo, ai sensi del Decreto Direttoriale 10 ottobre 2022 per la presentazione  telematica  delle domande di agevolazione,  previsto a partire dal  29 novembre 2022 - dalle ore 10.00 alle ore 18.00 di tutti i giorni lavorativi, dal lunedì al venerdì .  Per maggiori informazioni e  accesso alla piattaforma per la presentazione delle domande di agevolazione si veda la pagina dedicata.

Accordi sottoscritti a valere sul DM 2 agosto 2019 :

Di prossima sottoscrizione otto ulteriori Accordi per l’Innovazione per il finanziamento di progetti aventi ricaduta anche sul territorio piemontese (oltre che su quello nazionale), focalizzate sugli ambiti “Fabbrica intelligente”, ”Agrifood” e “Calcolo ad alte prestazioni”.

In totale, le 14 proposte prevedono investimenti programmati sul territorio piemontese per circa 80,6M€, a fronte dei quali la Regione garantisce un apporto finanziario corrispondente a oltre 2,5M€.

Informazioni riguardo agli Accordi sottoscritti a valere sui DM 1 aprile 2015 e 24 maggio 2017 sono disponibili qui.

Allegati

accordi_sottoscritti_2015_2017.pdf
File pdf - 55.27 KB