Tipologia di contenuto
Scheda informativa

La Strategia Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile

Rivolto a
Cittadini
Enti pubblici
Imprese e liberi professionisti
Terzo settore

Le traiettorie nazionali di sviluppo sostenibile

Lo sviluppo sostenibile è ormai al centro delle aspirazioni della comunità globale, che richiede uno sviluppo del pianeta rispettoso delle persone e dell’ambiente, incentrato sulla pace e sulla collaborazione. 
Per tradurre concretamente i desiderata nell’ambito della programmazione economica, sociale ed ambientale, l’Italia deve declinare i principi dell’Agenda 2030 di sviluppo sostenibile dell’Unione Europea, a loro volta discendenti dagli obiettivi strategici dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite (SDGs)

La Strategia Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile (SNSvS) disegna una visione di futuro e di sviluppo incentrata sulla sostenibilità, quale valore condiviso e imprescindibile per affrontare le sfide globali del nostro paese. Come documento di indirizzo è stata presentata al Consiglio dei Ministri il 2 ottobre 2017 e stata approvata dal CIPE il 22 dicembre 2017.

La Strategia costituisce l’elemento cardine nell’attuazione in Italia della politica di crescita durabile, a partire dal posizionamento rispetto agli SDGs  delle Nazioni Unite, di cui fa propri i 4 principi guida: 

  • integrazione
  • universalità
  • inclusione
  • trasformazione

Le "cinque P" - le macro-aree di interesse

La SNSvS è strutturata in cinque aree, corrispondenti alle "5P" dello sviluppo sostenibile proposte dall'Agenda 2030, ciascuna delle quali contiene Scelte Strategiche e Obiettivi Strategici per l'Italia, correlati agli SDGs dell'Agenda 2030: 

  • persone: contrastare povertà ed esclusione sociale e promuovere salute e benessere per garantire le condizioni per lo sviluppo del capitale umano;
  • pianeta: garantire una gestione sostenibile delle risorse naturali, contrastando la perdita di biodiversità e tutelando i beni ambientali e colturali;
  • prosperità: affermare modelli sostenibili di produzione e consumo, garantendo occupazione e formazione di qualità;
  • pace: promuovere una società non violenta ed inclusiva, senza forme di discriminazione, contrastare l'illegalità;
  • partnership: intervenire nelle varie aree in maniera integrata.

I #vettoridisostenibilità

Il documento identifica, inoltre, un sistema di vettori di sostenibilità, definiti come ambiti di azione trasversali e leve fondamentali per avviare, guidare, gestire e monitorare l'integrazione della sostenibilità nelle politiche, nei piani e nei progetti nazionali. 

Il raccordo con gli strumenti di programmazione

Per essere efficace, la Strategia Nazionale deve raccordarsi con i documenti programmatici esistenti, in particolare con il Programma Nazionale di Riforma (PNR) e più in generale con il Documento di Economia e Finanza (DEF), utilizzando un’ampia gamma di strumenti, comprese le politiche di bilancio e le riforme strutturali. 

L’attenzione alle “fragilità”

Un ulteriore aspetto innovativo della Strategia è l’attenzione rivolta al fenomeno delle disuguaglianze, acuito dalla crisi economica dell'ultimo decennio.
Diversi fattori, tra i quali la globalizzazione, i cambiamenti tecnologici, le trasformazioni del mercato del lavoro, le tendenze demografiche e le migrazioni, rischiano di rallentare il percorso volto al perseguimento di uno sviluppo realmente sostenibile e “per tutti”. 

Diffondere i vantaggi di una maggiore prosperità richiede un approccio multidimensionale e specifico.

In questo contesto, la Strategia Nazionale delinea le direttrici per definire azioni di policy, coerenti, efficaci e con un respiro globale, che riguardano non solo il reddito ma anche altre dimensioni chiave del benessere e che sono rivolte a gruppi socioeconomici mirati, in particolare le famiglie della classe media e a basso reddito, per combattere la disuguaglianza e perseguire uno sviluppo durevole, equilibrato e inclusivo. 

Le finalità

L’obiettivo primario è quello di migliorare le condizioni di benessere socio-economico che caratterizzano il nostro Paese, mentre i singoli obiettivi prioritari sono: 

  • ridurre povertà, disuguaglianze, discriminazione e disoccupazione (soprattutto femminile e giovanile); 
  • assicurare la sostenibilità ambientale; 
  • ricreare la fiducia nelle istituzioni; 
  • rafforzare le opportunità di crescita professionale, studio, formazione; 
  • restituire competitività alle imprese attraverso una quarta rivoluzione industriale basata su tecnologie innovative e sostenibili. 

Per raggiungere questi obiettivi, il modello economico di riferimento è quello circolare, a basse emissioni di CO2, resiliente ai cambiamenti climatici e agli altri cambiamenti globali critici a livello locale, ad esempio, la perdita di biodiversità, la modificazione dei cicli biogeochimici fondamentali (carbonio, azoto, fosforo) e i cambiamenti nell’utilizzo del suolo. 

Consulta i 41 obiettivi della Strategia Nazionale

Nella Strategia Nazionale, le 5 macro-aree e i 17 obiettivi di sostenibilità dell'Agenda 2030 vengono ulteriormente sviluppati, al fine di adattarli al meglio alla situazione nazionale e alle sue prospettive di sviluppo, in Aree, Scelte e Obiettivi strategici nazionali. 

 

Approfondisci l'attuazione e il monitoraggio della Strategia Nazionale.

Contatti

Riferimento
Settore Progettazione strategica e green economy
Indirizzo
corso Bolzano 44 - Torino
Email
presentesostenibile@regione.piemonte.it