Tipologia di contenuto
Scheda informativa

Esenzioni dalla tassa automobilistica per persone disabili

Rivolto a
Cittadini
Enti pubblici
Imprese e liberi professionisti
Terzo settore

Soggetti e veicoli che possono beneficiare delle esenzioni dal bollo auto per disabili e come ottenerle

Chi può ottenere l’esenzione dal pagamento della tassa automobilistica

Possono ottenere l'esenzione dal pagamento della tassa automobilistica prevista per i disabili coloro che, essendo proprietari di veicoli, rientrano nei seguenti casi:

  • persona disabile dichiarata grave ai sensi dell'art. 3 comma 3 della legge 104/92 per ridotte o impedite capacità motorie (o comunque in possesso di indennità di accompagnamento);

  • persona che abbia fiscalmente a carico* una persona disabile dichiarata grave ai sensi dell'art. 3 comma 3 della legge 104/92 per ridotte o impedite capacità motorie (o comunque titolare di indennità di accompagnamento);

  • persona con disabilità psichica o mentale che abbia l'indennità di accompagnamento;

  • persona che abbia fiscalmente a carico* una persona con disabilità psichica o mentale che abbia l'indennità di accompagnamento;

  • persona non vedente;

  • persona ipovedente grave, come classificata all'articolo 4 della legge 3 aprile 2001, n. 138 ( N.B.: questa esenzione ha efficacia solo per le richieste presentate a partire dall'anno 2009);

  • persona sordomuta assoluta;

  • persona che abbia fiscalmente a carico* una persona non vedente o ipovedente grave o sordomuta assoluta;

  • invalido con ridotte o impedite capacità motorie con veicolo adattato (adattamento risultante dalla carta di circolazione e dalla patente speciale).

* Nel caso in cui la condizione di carico fiscale si verifichi nel corso dell'ultimo anno sarà necessario allegare copia dell'ultima dichiarazione dei redditi dalla quale emerga questa nuova condizione.

Veicoli esentati dal pagamento della tassa automobilistica

Le categorie di veicoli esentati dal pagamento della tassa automobilistica sono: autovetture per trasporto di persone, autovetture per trasporto promiscuo ed autovetture per trasporto specifico, motocarrozzette a tre ruote e motoveicoli a tre ruote per trasporto promiscuo o per trasporti specifici.

Possono essere esentati solo veicoli con cilindrata non superiore a:

  • 2.000 cc se dotati di motore a benzina;

  • 2.800 cc se diesel.

L'esenzione può essere concessa per un solo veicolo. Il trasferimento da un veicolo ad un altro di un'esenzione già in essere può essere effettuato soltanto se il veicolo precedentemente esentato sia stato oggetto di:

  • radiazione;

  • vendita;

  • furto.

Efficacia dell’esenzione concessa

L'esenzione concessa ha effetto soltanto per il futuro, quindi non ha efficacia retroattiva. Eventuali mancati pagamenti relativi ad anni già scaduti potranno pertanto essere contestati, con conseguente applicazione delle sanzioni previste dalla legge per i casi di omesso versamento. Il riconoscimento dell'esenzione non dà quindi diritto al rimborso delle tasse pagate per gli anni trascorsi.

L'esenzione, una volta concessa, viene rinnovata anno per anno senza necessità di ulteriori adempimenti. Se il certificato medico-legale attestante l'invalidità riporta un termine per la revisione dello stato di disabilità, l'esenzione stessa viene automaticamente chiusa alla scadenza del termine.

Vanno, inoltre, comunicati al Settore Politiche fiscali e contenzioso amministrativo della Regione Piemonte (entro trenta giorni dal loro verificarsi) tutte le variazioni della situazione in base alla quale l'esenzione è stata riconosciuta (guarigione del disabile, cessazione della condizione di persona fiscalmente a carico, ecc.), compresa la vendita del veicolo oggetto di esenzione.
In caso di decesso del disabile o della persona che lo ha fiscalmente a carico, la comunicazione andrà effettuata entro novanta giorni.

Il veicolo al quale non si applica più il regime di esenzione è sottoposto alle regole previste per i veicoli di nuova immatricolazione.

Come ottenere l’esenzione (prime richieste e trasferimenti)

Per ottenere l'esenzione puoi presentare, entro novanta giorni dalla scadenza prevista per il pagamento della relativa tassa automobilistica, la domanda di esenzione on-line tramite il servizio attivo all’indirizzo www.sistemapiemonte.it/cms/bolloweb. Il servizio permette di trasmettere al Settore Politiche Fiscali e contenzioso amministrativo della Regione una richiesta di esenzione per disabilità, allegando la versione elettronica dei documenti necessari e di essere aggiornati, tramite e-mail e/o sms, sullo stato di avanzamento della richiesta.

Se non disponi di una connessione internet puoi rivolgerti ad un intermediario autorizzato (delegazione ACI, agenzia di pratiche auto del consorzio Sermetra o agenzia Avantgarde –  vedi Elenco intermediari autorizzati in Allegati) per il completamento della pratica.
Per ogni pratica il costo non può essere superiore a euro 6,50 + IVA, da pagare direttamente all’intermediario. Non possono essere accettate richieste presentate o inviate in modi diversi da quelli indicati.
E’ inoltre possibile rivolgersi agli URP regionali per il completamento e l’invio telematico delle domande. Si precisa che gli operatori URP non forniscono consulenza, né possono effettuare valutazioni in merito alle singole situazioni degli utenti inerenti l’applicazione della tassa automobilistica.

Una volta presentata, la domanda sospende l’obbligo di pagamento della tassa automobilistica dell’annualità in corso.

Effettuata l'istruttoria della richiesta, il Settore Politiche fiscali e contenzioso amministrativo provvederà a dare comunicazione dell'esito (positivo o negativo) al richiedente e potranno verificarsi i seguenti casi:

  • richiesta accolta: il richiedente è esonerato dal pagamento della tassa automobilistica;

  • richiesta tempestivamente inoltrata ma non accolta: il richiedente è tenuto al pagamento della tassa dovuta;

  • richiesta non accolta: per contestare il diniego si deve inviare la documentazione utile ai fini della revisione del giudizio espresso all’indirizzo: comunicazionibollo@regione.piemonte.it entro il termine indicato nella comunicazione dell’esito).

Eventi che modificano l’esenzione

Se si dovessero verificare eventi che modificano la situazione formalizzata nella domanda o riferita ad un'esenzione già applicata (decesso della persona disabile, sopravvenuta cessazione del requisito medico-legale o della condizione di persona fiscalmente a carico ove presente, ecc.), oppure si volesse richiedere la proroga dell’esenzione scaduta, occorre scrivere all’indirizzo mail comunicazionibollo@regione.piemonte.it oppure contattare telefonicamente il numero verde 800.333.444.

Allegati

Elenco intermediari autorizzati
File pdf - 179.03 KB

Contatti

Riferimento
Call center Regione Piemonte
Telefono
800.333.444 (Numero verde)
Email
comunicazionibollo@regione.piemonte.it