Tipologia di contenuto
Scheda informativa

Indagine adempimento formazione obbligatoria esercizi di somministrazione

Rivolto a
Enti pubblici

Questa indagine è rivolta ai comuni piemontesi.

Il titolare (o preposto) di ogni esercizio di somministrazione di alimenti e bevande deve, ogni tre anni, fare un corso di aggiornamento di sedici ore.

Il Comune ha tempo per tutti i dodici mesi successivi alla scadenza del triennio per eseguire i controlli.

Il Comune deve verificare che l’attestato fornito a fine corso dall’Ente gestore al titolare (o preposto) rientri nel periodo oggetto del controllo che è dal 1 marzo 2016 al 1 marzo 2019.

Il Comune, se il corso non fosse stato effettuato, deve applicare la sanzione amministrativa ai sensi degli articoli 16 bis e 21 comma 2 della l.r. 38/2006, riformulati dalla l.r. n. 16 del 31/10/2017.

Nel caso di attestati o titoli di studio (lauree, diplomi o qualifiche ecc.) conseguiti nel triennio dal 1 marzo 2016 al 1 marzo 2019, il Comune deve verificare che la documentazione riporti la data compresa nel triennio indicato e il titolare (o preposto) è esentato dal seguire il corso di aggiornamento per il triennio in oggetto.

Se l'esito del controllo del Comune è negativa e come prevede la legge è stata applicata la sanzione, indicare nelle "note" dell'indagine la motivazione (es. "non seguito corso aggiornamento" oppure "presentato attestato di altro triennio" ecc.)

Il Comune può effettuare la compilazione dell’indagine tramite le pagine web dedicate a questo indirizzo: http://sondaggi.regione.piemonte.it/sondaggi/index.php/592954/lang-it

Per accedere alla rilevazione utilizzare la password ricevuta tramite la posta certificata (PEC) inviata dalla Regione Piemonte con nota protocollo n. 44181/A1903A del 10 maggio 2019.

Se nel Comune non vi sono esercizi di somministrazione, compilare comunque l’indagine ed utilizzare la voce apposita. Sono pochi e facili passaggi.

Al termine di ogni inserimento, compare una videata con un collegamento denominato "Stampare le risposte". Il sistema genera un file PDF che l'utente può salvarsi sul proprio computer. ATTENZIONE: non è più possibile successivamente riprendere le risposte e visualizzarle o salvarle, bisogna farlo in questo momento.

Se il Comune ha molti esercizi di somministrazione, per facilitare il caricamento dei dati, abbiamo predisposto una tabella in formato aperto ODS (scheda-base.ods). E' stato scelto questo formato per seguire le linee guida sull'utilizzo dei formati aperti nella Pubblica Amministrazione.

Il formato ODS può essere letto e salvato da numerosi software, ad esempio da quello denominato Libre Office che è liberamente scaricabile e installabile.

Il formato ODS può essere letto e salvato anche da software proprietari, (es. Microsoft Excel) purché siano recenti e aggiornati alle ultime versioni.

La scheda si trova al fondo di questa pagina alla voce Allegati.

 

Si consiglia pertanto di:

1) scaricare la tabella pre-impostata sul computer del Comune;

2) compilarla (una riga per ogni esercizio di somministrazione) con i vari dati richiesti nelle colonne e salvarla;

3) accedere all’indagine all’indirizzo http://sondaggi.regione.piemonte.it/sondaggi/index.php/592954/lang-it;

4) inserire la password indicata nella PEC ricevuta dal Comune con nota protocollo n. 44181/A1903A del 10 maggio 2019;

5) scegliere la propria Provincia dall'elenco;

6) scegliere il proprio Comune dall'elenco;

7) alla domanda SONO PRESENTI NEL COMUNE ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE? selezionare SI;

8) alla domanda SI VUOLE PROCEDERE ALLA COMPILAZIONE DI UN QUESTIONARIO PER OGNI ESERCIZIO OPPURE SI VUOLE CARICARE UN FILE UNICO? selezionare “carico un file”

9) cliccare al centro su “Caricamento di file” (E' possibile caricare i formati xls, xlsx, ods, csv fino a 30240 KB ognuno);

10) cliccare al centro su "Selezionare file" e scegliere il file dal computer del Comune, con l’elenco degli esercizi di somministrazione, compilato in precedenza;

11) cliccare in basso a destra su "ritornare all'indagine";

12) cliccare su "Avanti" e rispondere ancora a tutte le domande (le NOTE sono facoltative), dopo il caricamento del file, altrimenti l'indagine risulta incompleta.

 

F.A.Q.

D: non trovo nell'elenco l'Agenzia formativa, eppure so che è convenzionata con la Regione Piemonte. Come faccio?

R: verificare nell'elenco sotto la voce Confcommercio o Confesercenti. Entrambe hanno numerose Agenzie sul territorio e potrebbe trovarsi tra loro.

 

D: non trovo l'Agenzia denominata "APRO Formazione".

R: al momento dell'avvio dell'indagine non era ancora inserita negli elenchi regionali. Utilizzare la voce "Societa` formazione professionale Alba e Barolo".

 

D: l'attività di somministrazione di alimenti e bevande è sospesa e il suo Titolare/Preposto non ha fatto il corso di aggiornamento da 16 ore. Dove lo indico?

R: alla domanda dell'indagine "INDICARE L'ENTE GESTORE DEL CORSO" scegliere al fondo dell'elenco "ENTE NON CONVENZIONATO" e nel campo a destra scrivere "attività sospesa".

 

D:  il Titolare/Preposto era tenuto a fare il corso di aggiornamento da 16 ore, ma non lo ha fatto. Dove lo indico?

R: alla domanda dell'indagine "INDICARE L'ENTE GESTORE DEL CORSO" scegliere al fondo dell'elenco "ENTE NON CONVENZIONATO" e nel campo a destra scrivere "non ha fatto il corso".

 

 

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 GDPR 2016/679

Si informa che i dati personali forniti alla Regione Piemonte saranno trattati secondo quanto previsto dal “Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati e che abroga la direttiva 95/46/CE (regolamento Generale sulla Protezione dei dati”), di seguito “GDPR”.

I dati personali suindicati verranno raccolti e trattati nel rispetto dei principi di correttezza, liceità e tutela della riservatezza, anche con modalità informatiche ed esclusivamente per le finalità relative ai controlli svolti dal Comune per verificare l’adempimento della formazione obbligatoria di aggiornamento professionale a cadenza triennale da parte degli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande, nell’ambito del quale vengono acquisiti dalla Direzione “Competitività del Sistema Regionale”, Settore Commercio e Terziario. Il trattamento è finalizzato all’espletamento delle funzioni istituzionali definite dalla l.r. n. 38/2006 e s.m.i. art. 16bis e 21 comma 2 e dalla D.G.R. n. 25-1952 del 31/07/2015.

L’acquisizione dei suddetti dati personali ed il relativo trattamento sono obbligatori in relazione alle finalità sopra descritte; ne consegue che l’eventuale rifiuto a fornirli potrà determinare l’impossibilità del Titolare/Delegato del trattamento ad espletare le funzioni inerenti il procedimento amministrativo suindicato.

Il dato di contatto del Responsabile della protezione dati (data protection officer = DPO) è: dpo@regione.piemonte.it

Il Titolare del trattamento dei dati personali è la Giunta regionale, il Delegato al trattamento dei dati è il Dirigente del Settore Commercio e Terziario, dott. Claudio Marocco.

Il Responsabile (esterno) del trattamento è il CSI Piemonte.

I dati personali saranno trattati esclusivamente da soggetti incaricati e da Responsabili (esterni) individuati dal Titolare o da soggetti incaricati individuati dal Responsabile (esterno), autorizzati ed istruiti in tal senso, adottando tutte quelle misure tecniche ed organizzative adeguate per tutelare i diritti, le libertà e i legittimi interessi riconosciuti per legge agli interessati.

I suddetti dati, resi anonimi, potranno essere utilizzati anche per finalità statistiche (d.lgs. 281/1999 e successive modifiche e integrazioni).

I dati personali saranno conservati per il periodo stabilito nel piano di fascicolazione e conservazione della Regione Piemonte.

I suddetti dati non saranno in alcun modo oggetto di trasferimento in un Paese terzo extra europeo, né di comunicazione a terzi fuori dai casi previsti dalla normativa in vigore, né di processi decisionali automatizzati compresa la profilazione.

I dati personali potranno, inoltre, essere comunicati ai seguenti soggetti:

  • Autorità con finalità ispettive o di vigilanza o Autorità giudiziaria nei casi previsti dalla legge

  • soggetti privati richiedenti l’accesso documentale (artt. 22 ss. legge 241/1990) o l’accesso civico (art. 5 d.lgs. 33/2013), nei limiti e con le modalità previsti dalla legge

  • soggetti pubblici, in adempimento degli obblighi di certificazione o in attuazione del principio di leale cooperazione istituzionale (art. 22, c. 5 legge 241/1990)

  • altre direzioni/settori della Regione Piemonte per gli adempimenti di legge o per lo svolgimento delle attività istituzionali di competenza.

Gli interessati potranno esercitare i diritti previsti dagli artt. da 15 a 22 del GDPR, quali: la conferma dell’esistenza o meno dei propri dati personali e la loro messa a disposizione in forma intellegibile; avere la conoscenza delle finalità su cui si basa il trattamento; ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o la limitazione o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché l’aggiornamento, la rettifica o, se vi è interesse, l’integrazione dei dati; opporsi, per motivi legittimi, al trattamento stesso, rivolgendosi al Titolare, al Responsabile della protezione dati (DPO) o al Responsabile del trattamento, tramite i contatti di cui sopra o il diritto di proporre reclamo all’Autorità di controllo competente.

Allegati

scheda-base.ods
File ods - 49.88 KB

Contatti

Riferimento
Marco Boeri
Telefono
+39 011 43 23 611
Email
marco.boeri@regione.piemonte.it