Tipologia di contenuto
Scheda informativa

Zone carenti di assistenza primaria

Rivolto a
Enti pubblici
Imprese e liberi professionisti

Le modalità per accedere al conferimento degli incarichi di assistenza primaria: requisiti di ammissione, presentazione delle domande, criteri per la formazione delle graduatorie, pubblicazione e richieste di riesame

 

Requisiti di partecipazione

Le tipologie di medici che possono presentare domanda sono:

gruppo A:

  1. i medici in possesso dei requisiti per il trasferimento, ovvero i medici titolari di incarico a tempo indeterminato di assistenza primaria iscritti da almeno due anni in un elenco della Regione Piemonte e quelli iscritti da almeno quattro anni in un elenco di altra Regione
  2. i medici inclusi nella graduatoria regionale valida per l’anno in corso
  3. i medici che abbiano acquisito il diploma di formazione specifica in medicina generale successivamente alla data di scadenza della presentazione della domanda di inclusione nella graduatoria regionale valida per l’anno in corso, autocertificandone il possesso all’atto della presentazione della domanda per le zone carenti;

gruppo B:

i laureati in medicina e chirurgia, abilitati all’esercizio della professione ed iscritti al corso di formazione in medicina generale, di cui al D.L. 135/2018 convertito con Legge 12/2019 e di cui al verbale della seduta del 20 marzo 2019 della Commissione Salute, limitatamente ai medici che frequentano il corso di formazione in Regione Piemonte.

I candidati appartenenti al gruppo B potranno presentare domanda già a seguito della pubblicazione di marzo 2019

La prima graduatoria che verrà formulata sarà quella relativa al gruppo A.

In via subordinata e a esaurimento degli incarichi rimasti ancora eventualmente carenti sarà pubblicata anche la graduatoria relativa ai candidati appartenenti al gruppo B, comunque dopo aver consentito ai medici inseriti nelle graduatorie di altre Regioni e ai medici in possesso del titolo di formazione in medicina generale non compresi nel punto 3) di concorrere (attraverso apposito bando ai medici di cui all’ACN 2018 per la disciplina dei rapporti con i MMG, art. 5, comma 1).

Metodo di graduazione

Per i medici inseriti nella prima graduatoria e appartenenti al gruppo A, i criteri di graduazione sono:

  1. i medici in possesso dei requisiti per il trasferimento sono graduati in base all’anzianità di incarico a tempo indeterminato come medici di assistenza primaria, detratti i periodi di sospensione dall’incarico di cui all’ACN 2009, art. 18, c. 1. I medici già titolari di incarico di assistenza primaria a tempo indeterminato possono concorrere all’assegnazione degli incarichi solo per trasferimento
  2. i medici inclusi nella graduatoria regionale valida per l’anno in corso sono graduati nell’ordine risultante dalla somma dei seguenti punteggi:
    a) punteggio riportato in graduatoria regionale
    b) punti 5 ai medici residenti in uno dei Comuni compresi nell’ambito territoriale in cui presentano domanda, a condizione che essi siano lì residenti da almeno due anni antecedenti la data di scadenza del termine per la presentazione della domanda di inclusione in graduatoria regionale e che abbiano mantenuto tale requisito fino al conferimento dell’incarico
    c) punti 20 ai medici residenti nel territorio regionale da almeno due anni antecedenti la data di scadenza del termine per la presentazione della domanda di inclusione in graduatoria regionale e che abbiano mantenuto tale requisito fino al conferimento dell’incarico
  3. i medici che abbiano acquisito il diploma di formazione specifica in medicina generale successivamente alla data di scadenza per la presentazione della domanda di inclusione nella graduatoria regionale valida per l’anno in corso sono graduati nell’ordine della minore età al conseguimento del diploma di laurea, del voto di laurea e dell’anzianità di laurea

Attenzione! In caso di pari posizione, i medici di cui al punto 1) e 2) sono graduati nell’ordine di minore età, voto di laurea e anzianità di laurea.

Per i medici inseriti nella seconda graduatoria e appartenenti al gruppo B, i criteri di graduazione sono:

  • i medici iscritti al corso di formazione sono graduati nel seguente ordine:
    • medici frequentanti la terza annualità
    • medici frequentanti la seconda annualità
    • medici frequentanti la prima annualità

A parità di annualità di frequenza, essi sono ordinati in base ai seguenti criteri:

  • minore età al conseguimento del diploma di laurea
  • voto di laurea
  • anzianità di laurea

Fra essi, sarà assegnata priorità di interpello per i medici residenti - alla data di pubblicazione delle carenze - nell’ambito territoriale carente

Metodo di assegnazione

La Regione, o il soggetto da questa individuato, interpella:
primariamente i medici di cui al gruppo A:

  1. dapprima i medici in possesso del diritto di trasferimento nella misura di un terzo degli incarichi disponibili in ciascuna ASL (Gli eventuali quozienti frazionali ottenuti nel calcolo si approssimano all’unità più vicina). In caso di disponibilità di un solo posto, esso potrà essere assegnato ai candidati in possesso del diritto di trasferimento
  2. successivamente i medici inclusi nella graduatoria regionale valida per l’anno in corso, secondo le seguenti riserve:
    a) 80% del numero totale delle zone carenti della Regione, a favore dei medici in possesso del titolo di formazione in medicina generale
    b) 20% del numero totale delle zone carenti della Regione, a favore dei medici in possesso di titolo equipollente al titolo di formazione in medicina generale. Qualora, per carenza di domande, non vengano assegnati tutti gli incarichi spettanti ad una delle due riserve, essi verranno assegnati all’altra
    Gli aspiranti possono concorrere esclusivamente per una delle due riserve
    I quozienti frazionali derivanti dall’applicazione delle percentuali di riserva sono approssimati all’unità più vicina. In caso di quoziente frazionale pari, il posto viene assegnato alla riserva più bassa
  3. successivamente i medici che abbiano acquisito il diploma di formazione specifica in medicina generale successivamente alla data di scadenza per la presentazione della domanda di inclusione nella graduatoria regionale valida per l’anno in corso. Essi sono graduati nell’ordine della minore età al conseguimento del diploma di laurea, del voto di laurea e dell’anzianità di laurea. Tra essi verranno interpellati prioritariamente i residenti nell’ambito territoriale carente, poi i residenti nel territorio aziendale, successivamente i residenti in Regione e da ultimo i residenti fuori Regione. Qualora, risultino ancora delle zone carenti non assegnate, in via subordinata:
  4. la Regione o il soggetto da questa individuato, pubblicherà un nuovo bando inerente la disponibilità  di incarichi ancora vacanti. Nel termine di 30 giorni, i medici che potranno presentare domanda saranno:
     - i medici inseriti nelle graduatorie di altre Regioni
    - i medici in possesso del titolo di formazione specifica in medicina generale,  non inclusi nel punto 3
  5. solo successivamente all’assegnazione effettuata a favore delle ultime due categorie di candidati, gli incarichi ancora eventualmente vacanti potranno essere assegnati ai medici frequentanti il corso di formazione in medicina generale, le cui domande saranno già state spedite dai candidati in occasione della pubblicazione di marzo 2019

 

Contatti

Riferimento
Alessandra Quiese
Indirizzo
Assessorato alla Sanità - corso Regina Margherita 153 bis Torino
Telefono
011/4324821
Email
alessandra.quiese@regione.piemonte.it
Note
lunedì, martedì, mercoledì e giovedì ore 10.00-12.30 e 14.00-17.30