Tipologia di contenuto
Scheda informativa

Accertamenti e certificazioni

Rivolto a
Cittadini
Imprese e liberi professionisti
Terzo settore

Come richiedere certificazioni o riconoscimenti utili per ottenere particolari forme di assistenza: accertamenti dell'Unità di Valutazione Geriatrica, accertamenti Centri Disturbi Cognitivi e Demenze, Valutazione Multidisciplinare di Disabilità, certificazioni di invalidità

Accertamenti Unità di Valutazione Geriatrica

Per poter usufruire dei servizi per gli anziani non autosufficienti occorre richiedere una valutazione all’Unità di Valutazione geriatrica (UVG) della propria ASL di residenza. Si tratta di una commissione composta da medici, infermieri professionali, assistenti sociali ed eventuali altre figure professionali ritenute opportune per il singolo caso.

L’interessato può farsi assistere dal proprio medico di famiglia in sede di valutazione. Il compito dell’UVG è quello di valutare il livello di non autosufficienza dell’anziano per poter individuare le risposte più adatte a risolvere o prevenire problemi sociali e sanitari, scegliendo tra diverse tipologie di intervento:

  • ricovero in residenze sanitarie assistenziali
  • Centro diurno e Centro Diurno Alzheimer
  • ricovero di sollievo
  • assistenza domiciliare

Se si riscontra la necessità di inserire l’anziano in una struttura residenziale socio-sanitaria, l’UVG assegna un punteggio che tiene conto, oltre che del grado di salute e autonomia, anche della situazione abitativa e socio-familiare.

Per ulteriori informazioni su come presentare la domanda e sulla procedura di valutazione, contattare la segreteria dell’UVG della propria ASL. 

 

Certificazioni di invalidità

Dal 1 gennaio 2010 per ottenere il riconoscimento dell’invalidità civile, della cecità civile o del sordomutismo, la persona disabile (o il suo rappresentante legale, gli enti di patronato o le associazioni di categoria dei disabili), deve presentare la richiesta di riconoscimento all’Istituto nazionale previdenza sociale (INPS) e non più agli sportelli di medicina legale delle Aziende sanitarie locali.
La commissione per il riconoscimento sarà sempre composta da medici dell’Azienda sanitaria, integrato con un medico dell’INPS, ma sarà l’Istituto di previdenza ad attivare la procedura una volta ricevuta la domanda dall’interessato.

Per saperne di più consultare la sezione dedicata del sito INPS

Accertamenti Centri Disturbi Cognitivi e Demenze (CDCD)

Le persone affette da disturbi cognitivi e demenze possono rivolgersi ai Centri Disturbi Cognitivi e Demenze (ex Unità di Valutazione Alzheimer - UVA), un’equipe multidisciplinare che ha il compito di diagnosticare le demenze e altre forme di deficit cognitivi e di proporre un’idonea terapia.

Se la persona necessita di altre forme di assistenza, il CDCD fornisce indicazioni al cittadino per attivare le soluzioni più adeguate (a domicilio, in centro diurno o in un nucleo demenze presso una residenza sanitaria assistenziale), indirizzandolo all’Unità di Valutazione Geriatrica di competenza.

Come si ottiene

Il medico di famiglia deve richiedere la valutazione specialistica con un’impegnativa.

Accertamenti Unità Multidisciplinare Valutazione Disabilità

Per poter usufruire dei servizi a favore dei soggetti disabili occorre richiedere una valutazione all’Unità Multidisciplinare di Valutazione della Disabilità (UMVD) della propria ASL di residenza. L'UMVD è una commissione composta dal Direttore del Distretto o suo delegato, dal Direttore dell’Ente Gestore dei Servizi Sociali o suo delegato, nonché da altre figure sanitarie e socio - assistenziali competenti. L’interessato può farsi assistere dal proprio medico di famiglia in sede di valutazione. Nel caso di minori è garantita la presenza di un rappresentante della Struttura di Neuropsichiatria Infantile.

Il compito dell’ UMVD è quello di garantire il percorso di presa in carico delle persone con disabilità di età 0-64 anni, che necessitano di interventi sanitari e socio-sanitari, valutandone il livello di disabilità ed individuando le risposte più adatte a risolvere o prevenire problemi sociali e sanitari, tenuto conto dell’età, delle sue aspettative e delle richieste della persona interessata.