Tipologia di contenuto
Scheda informativa

Colonna Mobile Regionale

Rivolto a
Enti pubblici
Terzo settore

La Colonna è formata da moduli funzionali, costituiti da mezzi, materiali e squadre operative

Con D.G.R. del 12.01.2008, n. 12-8046 è stato recepito il Progetto "Colonna mobile nazionale delle Regioni", approvato in data 9 febbraio 2007 dalla Commissione "Ambiente e Protezione Civile" della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome, costituente il quadro prescrizionale di riferimento per la Regione Piemonte e le altre strutture del Sistema regionale di protezione civile del Piemonte, chiamate a prestare, ove necessario, il proprio concorso tecnico-operativo alla gestione delle emergenze regionali, nazionali ed internazionali, anche sulla base di quanto previsto dalla L.R. n. 7/2003.

In armonia con la deliberazione su menzionata, il parco delle risorse in dotazione alla Colonna Mobile regionale ha avuto, negli anni recenti, un significativo potenziamento e sviluppo, in particolar modo nei riguardi della capacità di assistenza per la popolazione evacuata in caso di calamità, l’autosufficienza e specializzazione dei soccorritori, e la capacità di risposta in caso di rischio idraulico-idrogeologico.

Le attività di lavoro inerenti la definizione dell’assetto organizzativo della Colonna Mobile regionale hanno condotto all’elaborazione di una struttura di Procedure Operative Standard per l’impiego e dispiegamento dei moduli funzionali della Colonna Mobile, sulla base delle potenzialità e disponibilità in termini di mezzi, materiali e squadre operative in dotazione alla Regione stessa, oltre che alle Organizzazioni di Volontariato convenzionate con la Regione per attività relative alla Colonna Mobile regionale.

Con D.G.R. del 24.11.2014, n. 56-657 è stata approvata la struttura di Procedure Operative Standard della Colonna Mobile regionale riguarda una serie di moduli funzionali (asset operativi) e squadre operative/professionali, attivabili dalla Regione Piemonte e destinati sia ad interventi in ambito regionale/nazionale che in ambito internazionale (in caso di attivazione del Meccanismo Unionale di Protezione Civile), consistenti nei seguenti:

  • modulo task-force soccorritori di pronta partenza
  • modulo per l’assistenza alla popolazione (250 persone)
  • modulo di produzione e distribuzione pasti
  • modulo segreteria e supporto TLC
  • modulo specialistico rischio idraulico
  • modulo internazionale HCP - High Capacity Pumping (registrato presso banca dati CECIS della Commissione Europea)
  • squadra internazionale TAST – Technical Assistance and Support Team (registrata presso banca dati CECIS della Commissione Europea)
  • squadre professionali per il rilievo di agibilità degli edifici danneggiati a seguito di eventi sismici (in conformità a quanto contenuto nella D.G.R. 7 aprile 2014, n. 44-7399).
  • L’articolazione standard (minima) delle tematiche relative alle procedure di ogni singolo modulo di Colonna Mobile segue lo schema seguente:
  • modalità di attivazione del modulo
  • ruoli e responsabilità
  • configurazione del modulo nelle relative componenti e funzioni
  • individuazione, consistenza e profilazione degli operatori
  • impiego operativo del modulo, dalla fase di partenza a quella di rientro

Con D.D. n. 3472 del 23.11.2015 del Settore Protezione Civile e Sistema AIB della Regione sono stati approvati i documenti delle Procedure Operative Standard della Colonna Mobile regionale, relative ai moduli su indicati ed in linea con il quadro prescrizionale previsto dalla delibera suddetta.

Contatti

Riferimento
Daniele Caffarengo
Email
daniele.caffarengo@regione.piemonte.it