Rimozione dei vincoli sugli abitati da consolidare

Creato il
11 Ottobre 2019

E' stata approvata dalla Giunta regionale una nuova deliberazione che prevede la rimozione dei vincoli sugli abitati da consolidare di cui all'art. 61 del DPR 380/01, istituiti ai sensi della L. 445/1908,  attraverso i disposti di cui all'art. 30bis della LR 56/77. Tale dispositivo dispone la rimozione immediata di tale vincolo per i comuni di Borgosesia, Bergolo, Clavesana, Levice, Costigliole d’Asti, Montabone, Camino,Castagnole Monferrato, Montaldo Scarampi, Rocca d’Arazzo, Aisone, Montaldo Mondovì, Perletto, Cossano Belbo, Farigliano, Gottasecca, Mondovi', Montanera, Quassolo, Portula, Bellino, Locana, Santo Stefano Belbo. Per tali territori comunali, a partire dalla data della pubblicazione di suddetto dispositivo sul BUR, non sarà più necessaria l'autorizzazione sotto descritta. Per i Comuni di Somano, Rocchetta Belbo, Civiasco, Borgofranco d'Ivrea, Front Canavese, Coniolo, Montecastello invece il suddetto dispositivo ha rimandato  l'eliminazione di tale vincolo in seguito all'apposizione di nuove Aree RME, in porzioni limitate dei territori comunali coinvolti, ai sensi del titolo IV delle NTA del PAI, la cui richiesta all'Autorità Distrettuale del Bacino del Po è stata demandata agli uffici regionali. Per tali comuni  pertanto permarrà l'obbligo di ottenere l'autorizzazione ai sensi dell'art. 61 del DPR 380/01 fino a nuovo dispositivo in merito.

Allegati

dgr_rimozione_64_allegato2.pdf
File pdf - 14.84 MB
dgr_rimozione_64_allegato1.pdf
File pdf - 37.31 MB