Biella: aperto il Nodo territoriale contro le discriminazioni

Creato il
13 Marzo 2019

Si amplia la Rete regionale contro le discriminazioni

A Biella è aperto presso la sede decentrata della Regione Piemonte il Nodo territoriale contro le discriminazioni, cui fanno riferimento otto Punti informativi contro le discriminazioni, attivati da enti pubblici e privati: Consorzio Iris, Comune di Biella, APL - Centro per l’impiego di Biella, associazione Migr’action, Enaip Piemonte, Consorzio Filo da tessere, cooperativa sociale Maria Cecilia, UIL Biella e Vercelli.

Il Nodo e i Punti informativi biellesi entrano a pieno titolo nella Rete regionale contro le discriminazioni, istituita grazie alla Legge regionale 5/2016 e coordinata dal Centro regionale contro le discriminazioni, in stretto raccordo con gli otto Nodi provinciali e metropolitano e con il supporto tecnico-scientifico di Ires Piemonte.

Ciascun Punto informativo collaborerà con il Nodo territoriale contro le discriminazioni. Per diventare Punto informativo, ciascun Ente, dopo aver risposto all'Avviso di manifestazione di interesse pubblicato dalla Regione Piemonte a inizio 2018, ha individuato una persona che, dopo aver seguito il percorso formativo di 32 ore per "Operatore/operatrice antidiscriminazioni - modulo 1" conseguendo l'attestazione finale di frequenza e profitto, ne è diventata referente.

Grazie ai Punti informativi, la Rete regionale contro le discriminazioni si avvicina alle persone a rischio di discriminazione, favorendo la diffusione di informazioni corrette e l'emersione di situazioni discriminatorie che spesso rimangono taciute.

Contatti

Il Nodo territoriale di Biella riceve tutti i giovedì su appuntamento 

Allegati

Cartolina Nodo antidiscriminazioni Biella
File pdf - 252.56 KB