Tipologia di contenuto
Scheda informativa

Tutela della flora spontanea

Rivolto a
Cittadini
Enti pubblici
Imprese e liberi professionisti
scarpetta di Venere Cypripedium calceolus L.

Tutela della flora spontanea

In Regione Piemonte sono vietate, ai sensi dell'art. 15 della L.R. 32/1982, la raccolta, l'asportazione, il danneggiamento, la detenzione di parti, nonche' il commercio tanto allo stato fresco che secco, salvo quanto disposto dall'art. 33 della legge suddetta, delle specie vegetali a protezione assoluta di cui all'elenco allegato alla citata legge, fatte salve le specie provenienti da colture, giardini e orti botanici.

Per le specie di flora spontanea non catalogate come “protette in modo assoluto”, l’attività di raccolta è direttamente autorizzata dal legislatore regionale, purchè avvenga nel limite giornaliero di 5 esemplari per persona, senza estirpazione degli organi sotterranei e nel rispetto delle modalità di raccolta prescritte dal legislatore medesimo.

Nel caso in cui tali specie spontanee non “protette in modo assoluto” risultino annoverate tra le piante officinali elencate dal regio decreto 772/1932, che ne indica anche i quantitativi prelevabili, occorre munirsi di apposita autorizzazione all’attività di raccolta.

Ai sensi dell’articolo 17 della legge regionale 32/1982, tale procedimento è di competenza delle Comunità montane o dei Comuni non montani, ovvero dei diversi Enti subentranti a completamento dell’odierno processo di riaggregazione comunale e di superamento delle Comunità montane (ex leggi regionali 11/2012 e 3/2014).

Ai sensi dell’articolo 32 della legge regionale 32/1982, alle Comunità montane e ai Comuni non montani (o ai diversi Enti subentranti) spetta inoltre l’autorizzazione c.d. in deroga, a beneficio dei residenti nel relativo ambito territoriale che, per motivi di lavoro stagionale o di reddito, intendano raccogliere le specie non “protette in modo assoluto” superando i limiti quantitativi giornalieri previsti dal legislatore medesimo.

Ai sensi dell’articolo 35 della legge regionale 32/1982, è infine disciplinata l’autorizzazione alla raccolta per fini scientifici e didattici, che consente la raccolta di qualunque specie vegetale sia essa a protezione assoluta o meno.

Per effetto dell’articolo 74 della legge regionale 44/2000 (sul conferimento delle funzioni amministrative), tale provvedimento autorizzativo non compete più alla Regione bensì alle Province.

 

E' possibile scaricare la pubblicazione "Le specie botaniche del Piemonte a protezione assoluta", di cui è possibile avere gratuitamente una copia cartacea da ritirare o richiedere via posta  secondo queste modalità di distribuzione

 

Contatti

Riferimento
Viola Erdini
Telefono
0114323935
Email
viola.erdini@regione.piemonte.it
Note
In servizio solamente dal mercoledì al venerdì dalle 10.00 alle 16.30.