Tipologia di contenuto
Scheda informativa

Licenza di pesca

Rivolto a
Cittadini
Imprese e liberi professionisti

Tipi di licenze e costi per l’esercizio della pesca professionale e dilettantistica nelle acque della regione

L’esercizio della pesca professionale e dilettantistica nelle acque della regione, ad eccezione di quelle denominate acque pubbliche in disponibilità privata, ai sensi della L.R. 37/2006 e del Regolamento approvato con D.P.G.R. 10 gennaio 2012, n. 1/R, è subordinata al possesso di una delle seguenti licenze:

  • licenza di tipo A per la pesca professionale (licenza per la pesca con tutti gli attrezzi)
  • licenza di pesca di tipo B e D dilettantistica (licenza per la pesca con canna con o senza mulinello, con uno o più ami, tirlindana, bilancia di lato non superiore a m.1,5)
  • permesso di pesca temporaneo

La licenza di tipo A per la pesca professionale, è rilasciata dalla Citta Metropolitana di Torino o dalla Provincia di residenza a seguito della dimostrazione di avvenuta costituzione dell’impresa di pesca e del pagamento delle tariffe della tassa di rilascio e della tassa e soprattassa annuale regionale per la licenza di tipo A. Ha validità di sei anni decorrenti dalla data di rilascio.

La licenza di tipo B per la pesca dilettantistica è costituita dalle ricevute di versamento delle tariffe della tassa e soprattassa annuale regionale per la licenza di tipo B.

Gli effetti della licenza di pesca dilettantistica decorrono dal versamento della tassa e soprattassa regionale e hanno validità di trecentosessantacinque giorni.

Sono esonerati dal pagamento della tassa e soprattassa regionale per l’esercizio della pesca dilettantistica, nelle acque libere del territorio della Regione Piemonte, i cittadini italiani minori di anni 14 ed i soggetti di cui all'articolo 3 della legge 5 febbraio 1992, n. 104 (Legge-quadro per l'assistenza, l'integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate). Tali esenzioni hanno validità esclusivamente sul territorio della Regione Piemonte. Coloro che intendono praticare la pesca dilettantistica nelle altre regioni debbono attenersi alle disposizioni in esse vigenti.

La licenza di tipo D per la pesca dilettantistica da parte di stranieri è costituita dalla ricevuta di versamento della tassa di rilascio per la licenza di tipo D. Tale licenza è rilasciabile unicamente a cittadini stranieri; i suoi effetti decorrono dal versamento della tassa di concessione e hanno validità di tre mesi.

Per il legittimo esercizio della pesca occorre essere muniti, unitamente alle ricevute di versamento della tassa e della soprattassa regionali per le licenze di tipo A e B o della ricevuta di versamento della tassa di per la licenza di tipo D, di un documento di identità da esibire ad eventuale richiesta degli agenti di vigilanza.

Il permesso temporaneo di pesca giornaliero ha validità esclusivamente nelle acque del territorio della Città metropolitana di Torino o della provincia e sono le stesse a stabilire le procedure per il suo rilascio.

Le licenze di pesca rilasciata nelle altre regioni italiane e nelle province autonome di Trento e Bolzano hanno validità sul territorio regionale del Piemonte.

A decorrere dal 1° luglio 2020 la tassa e la soprattassa regionale dovranno essere pagate in un’unica soluzione secondo gli importi e le modalità di seguito indicati utilizzando il sistema di pagamento PAGOPA (tramite l'apposito servizio "Licenza di pesca" su Sistemapiemonte).

  • Licenza di tipo A: € 65,00 (tassa € 22,00, soprattassa € 43,00)
  • Licenza di tipo B: € 35,00 (tassa € 12,00, soprattassa € 23,00)
  • Licenza di tipo D: € 14,00

Possibilità per il pagamento:

  1. Con il "Pagamento online" potrai pagare subito utilizzando il tuo home banking (per le banche abilitate, cerca i loghi CBILL o pagoPA), oppure con carta di credito o con altre forme di pagamento che ti verranno proposte.
  2. Con il "Pagamento differito" dovrai scaricare e stampare l'avviso di pagamento, che potrai utilizzare per pagare presso gli sportelli ATM della tua banca (se abilitati), presso i punti vendita di SISAL, Lottomatica e Banca 5 oppure presso gli Uffici Postali.

Attenzione!

Si precisa che il differimento del termine disposto dal "decreto semplificazioni" (decreto legge 16 luglio 2020, n. 76) riguarda i prestatori dei servizi di pagamento (PSP) e le amministrazioni pubbliche che non abbiano provveduto, nel termine del 30 giugno 2020, ad integrare i loro sistemi di incasso con la piattaforma PagoPA. Dette amministrazioni potranno provvedere entro il nuovo termine del 28 febbraio 2021.

La Regione ha già provveduto da tempo ad integrare i propri sistemi attraverso la piattaforma PiemontePay, per cui i contribuenti devono eseguire i pagamenti attraverso tale piattaforma.

Tuttavia saranno ugualmente accettati, purché regolari sotto ogni altro aspetto e anche se eseguiti dopo il 1° luglio 2020, ma comunque non oltre il 28 febbraio 2021, i pagamenti eseguiti (a causa di errore, informazioni inesatte o notizie fuorvianti) con i sistemi tradizionali.

    Contatti

    Riferimento
    Settore Pesca
    Telefono
    011.4321507
    Email
    settore.cacciapesca@regione.piemonte.it