A1011A - Attività legislativa e consulenza giuridica

Settore
Struttura di appartenenza
A1000A - DIREZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE
Responsabile
Laura Faina
Email
giuridico.legislativo@regione.piemonte.it
Recapiti
Indirizzo

Piazza Castello 165
Torino

Materie di competenza

Compete al Settore, nel rispetto dell’indirizzo della Direzione regionale ed in conformità con gli obiettivi fissati dagli Organi di Governo, lo svolgimento delle attività in materia di:

  • coordinamento e supporto tecnico-giuridico alle strutture regionali in merito alla produzione legislativa e regolamentare di iniziativa o di competenza della Giunta regionale;
  • espressione di pareri giuridici alle strutture regionali, all’organo politico, agli Enti pubblici territoriali infraregionali, alle società ed enti strumentali regionali;
  • consulenza in materia di accesso alla documentazione amministrativa e di protezione dei dati personali (Privacy); 
  • supporto per l’esame dei progetti normativi statali e delle riforme istituzionali in seno alla Conferenza dei Presidenti delle Regioni; 
  • coordinamento giuridico per l’applicazione della normativa europea in materia di aiuti di Stato, svolgimento delle funzioni connesse al ruolo del “Distinct Body” nell’ambito dell’attuazione delle misure di Common Understanding, cura delle procedure di notifica elettronica dei provvedimenti alla Commissione europea e dell’iter degli adempimenti legati alla predisposizione ed alla comunicazione dei regimi soggetti ad esenzione o “de minimis”;
  • adempimenti connessi alla promulgazione delle leggi e dei regolamenti regionali.
  • Cura della qualità della regolazione attraverso la semplificazione normativa e amministrativa, anche mediante la definizione, diffusione e applicazione degli strumenti fra cui le regole di tecnica legislativa;
  • valutazione della normativa regionale vigente ai fini della identificazione della preparazione di testi abrogativi;
  • analisi della normativa regionale vigente ai fini della predisposizione di testi unici organici e della contestuale abrogazione delle norme superate;
  • partecipazione ai progetti regionali, interregionali e nazionali dedicati al tema della semplificazione burocratica e delegificazione;
  • interventi in ambito SUAP (Sportello Unico delle Attività Produttive) per l’adozione di una modulistica uniforme, per la digitalizzazione dei servizi e per l’interoperabilità fra SUAP e le altre amministrazioni coinvolte;
  • contratti con ANCI, UPI, associazioni di categoria per la ricognizione delle problematiche in tema di semplificazione e di semplificazione burocratica;
  • indicazioni procedurali in tema di certificazione antimafia;
  • coordinamento e raccordo dei tavoli istituiti per singoli ambiti ai fini della redazione di un piano strategico per la semplificazione, con particolare attenzione agli strumenti digitali a supporto, con aggiornamenti degli interventi annuali;
  • attuazione del piano strategico e analisi e monitoraggio dei risultati e delle azioni intervenute;
  • progettazione delle attività formative per i tempi di conclusione dei procedimenti, i costi che incombono sui cittadini e imprese e rispondere in maniera chiara e uniforme delle richieste degli utenti della pubblica amministrazione.