Tipologia di contenuto
Scheda informativa

Onere per il diritto di escavazione

Rivolto a
Enti pubblici
Imprese e liberi professionisti

Modalità, scadenze e calcolo degli importi da versare per l'onere per il diritto di escavazione

L’art. 26 della l.r. 23/2016 Disciplina delle attività estrattive, prevede che i titolari di autorizzazione di cave e miniere versino annualmente un onere per il diritto di escavazione computato sul volume di materiale estratto.

Le modalità di applicazione del diritto di escavazione sono regolamentate dalla DGR 23-6964 del 1 giugno 2018 e l’onere è determinato in relazione al volume ed al tipo di materiale estratto.

Come previsto al comma 5 del succitato art. 26, gli importi unitari dell’onere sono stati aggiornati sulla base dell’indice ISTAT con deliberazione n. 13-8578 del  22 marzo 2019.

 

Calcolo dell’onere

Accedendo al Servizio Esercenti Minerari sono disponibili i files per il calcolo dell’onere con gli importi unitari aggiornati sulla base dell’indice ISTAT e riferiti a:

  • attività estrattive autorizzate dalla Regione Piemonte (cave in parco, miniere, cave per le opere pubbliche)
  • attività estrattive di competenza delle Province di Asti, Alessandria, Biella, Cuneo, Novara e Torino
  • attività estrattive di competenza delle Province di Verbania e Vercelli

oltre a quelli per il versamento in acconto per i soli Comuni che ne abbiano fatto richiesta.

 

Compilazione ed invio della dichiarazione (Mod. A)

La compilazione della dichiarazione della quantificazione dei volumi estratti nell’anno 2019 deve avvenire utilizzando il Modello A disponibile sul Servizio Esercenti Minerari.

La trasmissione alle amministrazioni regionale e provinciali, da effettuarsi entro il 30 aprile, avviene tramite il Servizio Esercenti Minerari; per le amministrazioni comunali e gli enti parco la trasmissione deve avvenire tramite PEC.

E’ obbligatorio compilare una dichiarazione per ogni singola attività estrattiva (identificata da un codice regionale); il Modello A deve essere trasmesso anche nel caso in cui il volume estratto sia pari a zero.

Anche gli shapefiles dei dati geografici dell’attività estrattiva, predisposti secondo le specifiche riportate nella D.G.R. 23-6964 del 1 giugno 2018, devono essere trasmessi utilizzando il Servizio Esercenti Minerari secondo le modalità sopra descritte.

 

Versamento dell’onere

Il versamento dell’onere ai soggetti beneficiari può avvenire:

  • in un’unica soluzione, con scadenza al 30 aprile 2020;
  • in due soluzioni di pari importo, con scadenze al 30 aprile 2020 ed al 31 ottobre 2020

Nel caso di versamento in un’unica soluzione, la trasmissione del Modello A dovrà contenere anche la ricevuta del versamento dell’intero importo.

Nel caso di versamento in due soluzioni, la ricevuta del primo versamento dovrà essere allegata al Modello A; quella relativa al secondo versamento dovrà essere trasmessa, sempre tramite il Servizio Esercenti Minerari, utilizzando la funzionalità presente nella sezione “INTEGRAZIONI”.

I versamenti a favore della Regione Piemonte dovranno essere effettuati utilizzando il codice IBAN IT91S0200801033000040777516. Per gli altri beneficiari, si invita a prendere contatti direttamente con i medesimi o consultare i rispettivi siti web.

 

 

 

Contatti

Riferimento
Anna Guglielmotto
Telefono
011/432.2419
Email
anna.guglielmotto@regione.piemonte.it
Riferimento
Laura Mancuso
Telefono
011/432.3060
Email
laura.mancuso@regione.piemonte.it