Tipologia di contenuto
Scheda informativa

Onere per il diritto di escavazione

Rivolto a
Enti pubblici
Imprese e liberi professionisti

Modalità, scadenze e calcolo degli importi da versare per l'onere per il diritto di escavazione da corrispondere entro il 30 aprile 2022 per il materiale estratto nel corso dell’anno 2021.

L’art. 26 della l.r. 23/2016 "Disciplina delle attività estrattive", prevede che i titolari di autorizzazione di cave e miniere versino annualmente un onere per il diritto di escavazione computato sul volume di materiale estratto.

Le modalità di applicazione del diritto di escavazione sono regolamentate dalla DGR 23-6964 del 1 giugno 2018 e l’onere è determinato in relazione al volume ed al tipo di materiale estratto.

Calcolo dell’onere

Accedendo al Servizio Esercenti Minerari sono disponibili i files per il calcolo aggiornati dell’onere con gli importi unitari aggiornati e riferiti a:

  • attività estrattive di competenza della Regione Piemonte (cave in aree protette e relative aree contigue, zone naturali di salvaguardia, miniere, cave per le opere pubbliche)

  • attività estrattive di competenza delle Province di Alessandria, Asti, Biella, e Città Metropolitana di Torino

  • attività estrattive di competenza delle Province di Cuneo, Novara, Verbania e Vercelli

oltre a quelli per il versamento in acconto per i soli Comuni che ne abbiano fatto richiesta.

Compilazione e trasmissione della dichiarazione (Modello A)

La compilazione della dichiarazione della quantificazione dei volumi estratti nell’anno 2021 deve avvenire utilizzando per ogni attività estrattiva, identificata da un unico codice regionale, il Modello A disponibile sul Servizio Esercenti Minerari.

Si ricorda che non è consentito compilare il Modello A riportando la volumetria complessiva di più attività estrattive, anche se queste sono riconducibili ad un medesimo esercente.

Il Modello A deve essere trasmesso anche nel caso in cui il volume estratto sia pari a zero.

La trasmissione alle amministrazioni regionale e provinciali, da effettuarsi entro il 30 aprile, avviene tramite il Servizio Esercenti Minerari; per le amministrazioni comunali e gli enti parco la trasmissione deve avvenire tramite PEC.

Anche gli shapefiles dei dati geografici dell’attività estrattiva, predisposti secondo le specifiche riportate nella D.G.R. 23-6964 del 1 giugno 2018, devono essere trasmessi utilizzando il Servizio Esercenti Minerari secondo le modalità sopra descritte.

Versamento dell’onere

Il versamento dell’onere ai soggetti beneficiari può avvenire:

  • in un’unica soluzione, con scadenza al 30 aprile 2022;

  • in due soluzioni di pari importo, con scadenze al 30 aprile 2022 ed al 31 ottobre 2022

Nel caso di versamento in un’unica soluzione, la trasmissione del Modello A dovrà contenere anche la ricevuta del versamento dell’intero importo.

Nel caso di versamento in due soluzioni, la ricevuta del primo versamento dovrà essere allegata al Modello A; quella relativa al secondo versamento dovrà essere trasmessa, sempre tramite il Servizio Esercenti Minerari, utilizzando la funzionalità presente nella sezione “INTEGRAZIONI”.

I versamenti a favore della Regione Piemonte dovranno essere effettuati utilizzando la piattaforma PagoPA

Modalità di versamento

Il versamento dalla piattaforma PagoPA viene effettuato con la seguente modalità:

  • accedere alla piattaforma PagoPA;

  • selezionare l’icona “Paga con PiemontePay”;

  • selezionare l’opzione “Pagamento spontaneo”;

  • nel campo “Ente” digitare “Regione Piemonte”;

  • nel successivo campo “Pagamento” scegliere dal menù a tendina la voce “Attività estrattive - Onere per il diritto di escavazione L.R. n. 23/2016”.

Per gli altri beneficiari, si invita a prendere contatti direttamente con i medesimi o consultare i rispettivi siti web.

 

Aggiornamento: 24 gennaio 2022

 

 

 

 

 

 

Contatti

Riferimento
Anna Guglielmotto
Telefono
011/432.2419
Email
anna.guglielmotto@regione.piemonte.it
Riferimento
Laura Mancuso
Telefono
011/432.3060
Email
laura.mancuso@regione.piemonte.it