Tipologia di contenuto
Scheda informativa

Le competenze regionali in materia di attività estrattive

Rivolto a
Cittadini
Enti pubblici
Imprese e liberi professionisti

Pianificazione dell'attività estrattiva, autorizzazioni e concessioni di cave, Polizia mineraria, Permessi di Ricerca, Concessioni Minerarie

In Piemonte la Regione ha competenze in materia di:

  • Pianificazione dell'attività di cava attraverso il PRAE - Piano Regionale delle Attività Estrattive
  • Svolgimento dei compiti di Polizia mineraria
  • Rilascio delle autorizzazioni per cave in aree protette a gestione regionale e relative aree contigue nonché per le cave finalizzate alla realizzazione di OOPP  opere pubbliche
  • Rilascio di Permessi di Ricerca e di Concessioni Minerarie di minerali solidi di Iª categoria definiti all'art. 2 del Regio Decreto 1443/1927
  • L’implementazione della Banca Dati Attività Estrattive
  • La Vigilanza per il rispetto delle prescrizioni autorizzative per le cave di propria competenza e per le Province che non abbiano istituito il servizio di Vigilanza

La normativa vigente per l’attività estrattiva è la legge regionale n. 23/2016 che ne disciplina la pianificazione e l'esercizio, nonché la tutela e la salvaguardia dei giacimenti attraverso modalità di coltivazione ambientalmente compatibili e l'utilizzo integrale e adeguato delle risorse delle cave in funzione delle loro caratteristiche, in un contesto di tutela delle risorse naturali, operando nel raggiungimento dei seguenti obiettivi:

  • ricerca di un equilibrio tra produzione industriale e recuperi e riqualificazioni ambientale oltre alla valorizzazione di siti degradati e dismessi;
  • riduzione della compromissione di suolo, attraverso il riciclo di sfridi di cava, di aggregati inerti provenienti da recupero di costruzioni e demolizioni e l'uso di materiali alternativi ai prodotti di cava;
  • valorizzazione del patrimonio minerario dismesso;
  • promozione di azioni di prevenzione al fine di migliorare la sicurezza nelle cave

Lo strumento per il raggiungimento degli obiettivi è il PRAE (Piano Regionale delle Attività Estrattive), attualmente in fase di redazione; fino all’approvazione del Piano è vigente il Documento di Programmazione delle Attività Estrattive (DPAE) nonché, per la sola provincia di Novara, il PAEP (Piano delle Attività Estrattive Provinciale) di Novara.

Il DPAE è suddiviso in tre stralci in relazione ai tre comparti estrattivi:

  • I° stralcio: inerti per calcestruzzo, conglomerati bituminosi e tout-venant per riempimenti e sottofondi;
  • II° stralcio: pietre ornamentali;
  • III° stralcio:, materiali per uso industriale

Particolare attenzione è stata posta dalla normativa regionale per la tutela dei chirotteri che colonizzano le cavità sotterranee prevedendo, in fase di chiusura degli imbocchi di cave e miniere sotterranee, soluzioni tecniche che non ne impediscano la colonizzazione assicurando al contempo le condizioni di sicurezza di legge.

 

Valorizzazione del patrimonio minerario dismesso

La Regione conferisce ai sensi della l.r. 23/2016 l'autorizzazione o la concessione mineraria per la valorizzazione del patrimonio minerario dismesso a fini turistici, culturali e museali, nonché per il riutilizzo dei vuoti sotterranei, anche promuovendo il partenariato  tra l'ente pubblico e il soggetto privato. La valorizzazione può essere riferita anche a singole sezioni esaurite di giacimenti ancora in corso di sfruttamento minerario, in coerenza con gli obiettivi di tutela ambientale.

L'organizzazione di eventi legati alla fruizione turistica, ricreativa e culturale è possibile, nel rispetto delle norme di sicurezza vigenti, sia in aree oggetto di attività estrattiva sia in aree recuperate.

 

Banca Dati delle Attività Estrattive

La Banca Dati delle Attività Estrattive (BDAE) è attiva sulla piattaforma Sistema Piemonte, è un data base delle cave e miniere presenti nel territorio regionale, suddiviso per province e comuni, con l'indicazione della località e del litotipo estratto ha anche funzione di catasto regionale previsto dall'articolo 41 del PAI. La BDAE è aggiornata dalle Regione e dalle Province.

La banca dati delle attività estrattive osserva le norme generali per lo scambio, la condivisione, l'accesso e l'utilizzazione in maniera integrata dei dati, di cui al decreto legislativo 27 gennaio 2010, n. 32 (Attuazione della direttiva 2007/2/CE , che istituisce un'infrastruttura per l'informazione territoriale nella Comunità europea (INSPIRE).

L’elenco delle cave e miniere presenti nel territorio regionale, suddiviso per provincia, e comuni, con l'indicazione della località e del litotipo è riportato in allegato.

Contatti

Riferimento
Dirigente Dott. Edoardo Guerrini
Indirizzo
Via Pisano, 6
Telefono
011/431.4104
Email
edoardo.guerrini@regione.piemonte.it
PEC
attivitaestrattive@cert.regione.piemonte.it