ASL AT: sperimentazione per la prenotazione di visite specialistiche

Creato il
10 Giugno 2019

L’ASL AT avvia una sperimentazione per riorganizzare le modalità di accesso alle prime visite specialistiche ambulatoriali. Dal 1° luglio cambiano la modalità di "accesso a tempo zero” con l’obiettivo di migliorare il servizio all’utenza e garantire equità di accesso ai cittadini, anche allineandosi ad alcune importanti novità definite a livello nazionale e regionale.

In particolare – spiega il commissario ASL AT Giovanni Messori Ioli - una forte spinta in questa direzione arriva dalla volontà di assicurare una sempre maggiore appropriatezza prescrittiva in collaborazione con i medici di famiglia e garantire così all’utenza le dovute priorità in funzione dell’effettiva urgenza, nonché dall’opportunità di adeguarsi al nuovo sistema di Governo dei tempi di attesa

L’attivazione delle agende di prenotazione garantirebbe il pieno rispetto delle classi di priorità assegnate dai medici di medicina generale (MMG), garantendo loro uno strumento di governo efficace e l’accesso a tutti i pazienti nei tempi previsti. La nuova formula sarà sperimentata inizialmente per le prime visite di Neurologia e Urologia.

L’accesso a tempo zero – continua Messori Ioli – è stata un’innovazione importante per Asti, una modalità di erogazione delle prestazioni molto apprezzata e che ha dato risultati importanti, ma che, a distanza di dieci anni, necessita di essere innovata per stare al passo con i tempi.Un’attenta analisi delle criticità ci ha portato, tuttavia, a valutare positivamente questa nuova modalità, anche in considerazione del lavoro svolto negli ultimi anni sui tempi di attesa: l’ASL AT riesce infatti a garantire il rispetto degli standard regionali per quasi tutte le prestazioni specialistiche. È un passo avanti che ci viene richiesto anche a livello nazionale e regionale e che offrirà le dovute garanzie ai casi urgenti, riducendo le diseguaglianze di accesso. Questa nuova formula eviterà che i cittadini, spesse volte anziani, debbano raggiungere l’ospedale di Asti in orari non consoni per vedersi assicurata la visita di cui necessitano o, ancor peggio, che pur presentandosi molto presto agli sportelli, non riescano ad ottenere la prestazione desiderata a causa di un alto numero di utenti, dovendo tornare nei giorni successivi.

L’impegno che l’Azienda assume è quello di effettuare un continuo monitoraggio con analisi dei percorsi di accesso dell’utenza ai servizi erogati in maniera tale da poter mantenere i livelli sin qui raggiunti ed intervenire tempestivamente con i correttivi necessari in un’ottica di miglioramento continuo

Raccolti i primi esiti di questa riorganizzazione e superata dunque la fase di sperimentazione, con le stesse modalità potranno essere assicurate le prime visite di tutte le altre specialità ancora a tempo zero:

  • chirurgia maxillo facciale
  • cardiologia
  • dermatologia
  • gastroenterologia
  • oculistica
  • ortopedia
  • otorinolaringoiatria

La sinergia tra Azienda e medici di famiglia avrà un ruolo fondamentale: assegnare i corretti codici di priorità e garantire un’elasticità organizzativa sufficiente a soddisfare pienamente le esigenze dell’utenza saranno infatti obiettivi prioritari.

Le classi di priorità:

  • classe U (urgente): prestazione non rimandabile e urgente, che deve essere garantita entro 72 ore  
  • classe B (breve): prestazione da assicurarsi entro i 10 giorni
  • classe D (differibile): le prestazioni sono differibili (comunque entro i 30 giorni per le prime visite, entro i 60 giorni per le prestazioni diagnostiche)
  • classe P (programmabile): prestazione programmabile, non urgente: in questa classe sono incluse le prestazioni programmate di approfondimento, controllo, follow-up