Tipologia di contenuto
Scheda informativa

Assistenza sanitaria agli stranieri

Rivolto a
Cittadini
Imprese e liberi professionisti
Terzo settore
Assistenza agli stranieri temporaneamente presenti

Ai cittadini extracomunitari senza permesso di soggiorno, ovvero stranieri temporaneamente presenti (STP) è garantita l’assistenza sanitaria di base. In particolare sono assicurate:

  • le cure ambulatoriali e ospedaliere urgenti o comunque essenziali, anche se continuative, per malattia e infortunio l’assistenza in gravidanza e durante la maternità
  • la tutela della salute del minore
  • le vaccinazioni previste dalla normativa nazionale e nell’ambito di interventi di prevenzione collettiva autorizzati dalla Regione
  • le vaccinazioni internazionali
  • la profilassi, la diagnosi e il trattamento delle malattie infettive

 

Allo straniero privo del permesso di soggiorno viene rilasciato dall’ASL di riferimento un apposito tesserino con un codice regionale (STP), che deve essere esibito per usufruire delle prestazioni sanitarie alle quali si ha diritto. Il tesserino ha validità semestrale ed è rinnovabile in caso di permanenza ulteriore. L’utilizzo dei servizi sanitari non comporta alcuna segnalazione alla Polizia giudiziaria da parte degli operatori sanitari.

Per ottenere assistenza lo straniero senza permesso di soggiorno deve rivolgersi a uno dei Centri ISI presenti sul territorio.

I cittadini stranieri regolarmente presenti in Italia hanno diritto all’assistenza sanitaria con modalità diverse a seconda del motivo del soggiorno.

Soggiorno temporaneo (turismo, visite, affari, studio)
I cittadini stranieri temporaneamente presenti per un periodo non superiore a 90 giorni possono usufruire delle prestazioni sanitarie (urgenti e di elezione) dietro pagamento delle relative tariffe regionali. Non è prevista l’iscrizione al SSN tranne che per gli studenti e le ragazze alla pari, che possono iscriversi dietro versamento di un contributo annuale (vd. Iscrizione volontaria).

Assistenza per turismo, visite, affari, studio

I cittadini stranieri temporaneamente presenti per un periodo non superiore a 90 giorni possono usufruire delle prestazioni sanitarie (urgenti e di elezione) dietro pagamento delle relative tariffe regionali. Non è prevista l’iscrizione al SSN tranne che per gli studenti e le ragazze alla pari, che possono iscriversi dietro versamento di un contributo annuale (vd. Iscrizione volontaria).

Iscrizione obbligatoria al SSN

Sono tenuti all'iscrizione obbligatoria al SSN i cittadini stranieri che svolgano regolari attività di lavoro subordinato o autonomo o siano iscritti nelle liste di collocamento. I permessi di soggiorno che danno diritto all’iscrizione obbligatoria al SSN sono quelli rilasciati per i seguenti motivi: lavoro subordinato o autonomo, motivi familiari, asilo politico, asilo umanitario, richiesta di asilo, attesa adozione, affidamento, acquisto della cittadinanza. Hanno diritto all’iscrizione anche i cittadini stranieri che abbiano richiesto il rinnovo per i sopraelencati permessi di soggiorno.

L’iscrizione ha la stessa durata del permesso di soggiorno. Vengono inoltre iscritti al SSN i cittadini in attesa del primo rilascio del permesso di soggiorno per lavoro subordinato o per motivi familiari. Questo tipo di iscrizione è temporanea e verrà convertita con la durata del permesso di soggiorno al momento di presentazione dello stesso. L’iscrizione al SSN deve essere effettuata presso gli sportelli dell’ASL di residenza o domicilio effettivo.

Iscrizione volontaria al SSN

Gli stranieri regolarmente soggiornanti in Italia, per un periodo superiore a tre mesi, che non hanno diritto all’iscrizione obbligatoria, sono tenuti ad assicurarsi contro il rischio di malattia, infortunio e maternità, mediante stipula di una polizza assicurativa privata o iscriversi volontariamente al SSN. Hanno diritto a tale tipo di iscrizione gli studenti e le persone alla pari (anche per soggiorni inferiori a tre mesi), i titolari di permesso di soggiorno per residenza elettiva, personale religioso, il personale diplomatico e consolare e tutte le altre categorie individuate per esclusione rispetto a coloro che hanno titolo all’iscrizione obbligatoria.

L’iscrizione volontaria al SSN è effettuata dietro pagamento di un contributo annuale, non frazionabile e valido per l’anno solare. Per ulteriori chiarimenti occorre rivolgersi alla ASL di residenza o domicilio effettivo.

Non possono essere iscritti al SSN i cittadini stranieri titolari di permesso di soggiorno per cure mediche e, pertanto, le prestazioni sanitarie restano a totale carico dell’assistito.