Tipologia di contenuto
Scheda informativa

Autostrada A33 Asti - Cuneo

Rivolto a
Cittadini

Completamento dell'autostrada Asti Cuneo

Il lotto 2.6 denominato “Roddi-Diga Enel” di circa 9 km, oggetto di particolare interesse da parte degli enti territoriali, consentirà il completamento del tratto autostradale da Alba a Cherasco.

Vista l’insostenibilità finanziaria del progetto approvato nel 2012 il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (MIT) ha provveduto ad un “project review” ai sensi diel D.lgs 50/2016 rivalutando una ipotesi progettuale del 1998-99.

Il tracciato derivato dalla revisione del MIT dovrà essere presentato dal concessionario a Regione Piemonte per le necessarie autorizzazioni. Il progetto sarà diviso in due parti: una immutata rispetto al progetto approvato nel 2012 dove potranno essere aperti i cantieri, un’altra variata rispetto al progetto approvato nel 2012 dove il tracciato passerà ai piedi del versante collinare di Verduno e non più in galleria.

Per la copertura finanziaria del progetto rivalutato il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti tra il 2017 e il 2018 ha chiesto ed ottenuto dalla Commissione Europea l'accordo per una operazione di cross-financing tra concessionarie autostradali non portata poi in attuazione ed oggetto attualmente di una revisione finalizzata ad una nuova formula definita di “subentro” della nuova concessione autostradale.

Regione Piemonte ha inoltre effettuato i procedimenti di valutazione d’impatto ambientale e di localizzazione dei lotti aggiunti all’originario tracciato autostradale; ovvero il lotto 1.6 (tangenziale di Cuneo) e il lotto 2.1 dir (tangenziale sud-ovest di Asti); sui quali vi sono proposte di revisione da parte degli Enti territoriali interessati.

Opere complementari alla A33 AT-CN

In sede di Conferenza di Servizi ministeriale Regione Piemonte aveva espresso nel proprio parere deliberativo la necessità della realizzazione, da parte della società concessionaria, di opere complementari al lotto 2.6. La copertura finanziaria è stata prevista nel piano economico finanziario di cross-financing proposto all’Unione europea per l’intervento di ammodernamento della tangenziale di Alba. Come concordato successivamente in occasione della visita del Presidente del Consiglio e del Ministro delle Infrastrutture che si è svolto a Cuneo il 18 marzo u.s., il 5 aprile si è riunito a Torino sotto la Regia dell’Assessore ai Trasporti della Regione Piemonte, il tavolo per la definizione delle opere complementari della A33. Al tavolo erano presenti i rappresentanti di: Città di Bra, Città Di Alba, Città di Asti, Città di Cuneo, Provincia di Asti e Provincia di Cuneo.

Durante l’incontro i presenti hanno concordato l’elenco delle opere da trasmettere al Presidente del Consiglio Conte e al Minisitro Toninelli per un loro inserimento nella trattativa con il concessionario per il completamento della A33.

Le richieste riguardano i seguenti interventi:

  • S.P. 7 tronco Roddi-Pollenzo: adeguamento del tracciato stradale dall’intersezione SP 3bis in Comune di Roddi sino al ponte sul Fiume Tanaro (compreso), per un importo pari a circa 28,6 Mln di Euro, di cui circa 7,5 milioni per il Ponte stesso (come da computo aggiornato a Luglio 2015) e adeguamento del tracciato finalizzato al miglioramento dei collegamenti tra area Albese e Braidese con i caselli di Alba Ovest e Cherasco, Lotto II SP7.

  • Variante di Pollenzo e relativi adeguamenti. Collegamento tra il Ponte di Pollenzo e Via Nogaris in Comune di Brà per un importo di circa 2,5 Mln di euro.

  • Realizzazione del “Terzo ponte” sul Tanaro ed opere di collegamento alla viabilità esistente e lo svincolo del Mogliasso e Viale Cherasca, nel Comune di Alba, per un importo di circa 28 Mln di euro.

  • Realizzazione del collegamento tra via 25 aprile e via Rio Misureto, per convogliare direttamente il traffico proveniente dalle Langhe, attraverso la ex SS 29, su terzo ponte ed autostrada, per un importo di circa 8,5 Mln di euro.

  • Realizzazione bretella di scorrimento veloce Sud-Ovest di Asti per collegare la SR10 in prossimità del casello autostradale di Asti con la SS231 in località Rocca Schivino, per un importo di circa 70 Mln di euro.

  • Bretella di scorrimento veloce di Cuneo da Rotatoria MIAC a rotatoria Est/Ovest (SP 422), importo in via di definizione (esiste il computo per l’originaria ipotesi di tracciato autostradale)

Il suddetto elenco di interventi è stato trasmesso formalmente da Regione Piemonte, al Presidente del Consiglio e al Ministro, in data 9 aprile 2019.