Domande e risposte - Utilizzo del Voucher scuola 2021-2022

Rivolto a
Cittadini

A partire da lunedì 9 agosto 2021 è erogato il voucher per l'anno scolastico 2021-2022.

Sono state approvate due distinte graduatorie:

  • una per il voucher “iscrizione e frequenza”,
  • l’altra per il voucher “libri di testo, materiale didattico e dotazioni tecnologiche funzionali all’istruzione, attività integrative previste dai piani dell'offerta formativa, trasporti”.

 

Il voucher “libri di testo, materiale didattico e dotazioni tecnologiche funzionali all’istruzione, attività integrative previste dai piani dell'offerta formativa, trasporti” è spendibile da lunedì 9 agosto 2021.

Il voucher “iscrizione e frequenza” è spendibile a partire da lunedì 9 agosto 2021.

Il voucher scuola diventa spendibile attraverso la tessera sanitaria-carta nazionale dei servizi del beneficiario soltanto con l'acquisizione del PIN. Il PIN sarà inviato da Edenred entro il 20 agosto 2021 alla mail specificata nella domanda.

Nel frattempo, è possibile acquisirlo in questo modo:

registrarsi sul sito e, successivamente, recuperare il PIN 

Edenred invierà comunque una e-mail ai beneficiari con le credenziali e il PIN. Nella e-mail saranno fornite le indicazioni per l'utilizzo del voucher.

Solitamente i dati inseriti non sono corretti. E’ indispensabile essere registrati al portale 

Si può comunque inviare una mail a Dotescuola.Clienti-IT@edenred.com 

Si deve scrivere esclusivamente a Edenred, l'azienda incaricata di fornire e gestire le eventuali problematiche del servizio, alla casella di posta elettronica Dotescuola.Clienti-IT@edenred.com 

In caso di smarrimento o mancata ricezione della mail, le indicazioni per il recupero del PIN sono pubblicate qui

Affinché il recupero PIN vada a buon fine, è indispensabile essere registrati al portale  E’ possibile effettuare il recupero PIN solo se si è prima fatta correttamente tale registrazione: bisogna inserire i codici fiscali corretti (del richiedente che ha presentato la domanda e dello studente beneficiario), l'indirizzo e-mail deve essere formalmente corretto, perché il PIN viene inviato via mail, verificare sempre la cartella SPAM per controllare che la mail con il PIN non sia finita lì. Eventuali richieste di assistenza su problematiche di PIN vanno indirizzate a Edenred.

Il voucher per il diritto allo studio potrà essere utilizzato fino al 30 giugno 2022.

A partire dal 1° luglio 2022, le somme residue non potranno più essere utilizzate ed il beneficiario non avrà diritto ad alcun rimborso in denaro.

Per visualizzare il saldo è necessario registrarsi sul sito del gestore del servizio, alla pagina Portale Beneficiari Edenred.

Una volta registrati, andare sulla pagina Voucher Scuola e cliccare sulla voce “Vai al portale”, presente in fondo alla pagina.

Con le proprie credenziali è possibile consultare l’estratto conto con l’indicazione del saldo e degli acquisti effettuati.

I beneficiari (coloro cioè la cui domanda risulterà “ammessa e finanziata”) riceveranno una mail dal gestore del servizio e all’indirizzo di posta associati alla domanda presentata, con l’indicazione dell’effettiva attivazione del voucher e con il valore dello stesso.

Per fruirne dovranno semplicemente presentarsi nella scuola frequentata dal figlio oppure presso gli esercizi commerciali convenzionati, muniti di tessera sanitaria-carta nazionale dei servizi: la scuola o l’esercente scalerà dal conto virtuale dell’utente l’esatto importo relativo al pagamento della retta scolastica o all’acquisto di libri, materiale didattico o strumenti tecnologici.

L’elenco degli esercizi presso i quali è possibile spendere il voucher è disponibile sul link Portale cerca locali,  presente in fondo alla pagina Voucher Scuola .

La “rete” dei punti convenzionati è costantemente aggiornata.

Sulla pagina del portale Voucher Scuola è disponibile la voce Modulo adesione al progetto, con le informazioni e il modulo da presentare per convenzionarsi con il gestore del servizio e aderire al progetto Voucher scuola.

Il Voucher “Iscrizione e frequenza” NON potrà essere utilizzato:

  • per l’acquisto di servizi resi dall’Istituzione scolastica diversi dalla retta di iscrizione e frequenza (mensa, riscaldamento, assicurazione, ecc.);

  • per il pagamento delle tasse scolastiche;

  • per il pagamento del contributo volontario richiesto dall’Istituzione scolastica;

  • per il pagamento di servizi, materiale didattico e dotazioni tecnologiche funzionali all’istruzione, attività integrative previste dai piani dell'offerta formativa, trasporti.

 

Il Voucher “Libri di testo, materiale didattico e dotazioni tecnologiche funzionali all’istruzione, attività integrative previste dai piani dell'offerta formativa, trasporti” NON potrà essere utilizzato:

  • per l’acquisto di cancelleria e, in generale, di altri beni di consumo;

  • per l’acquisto di smartphone e altro materiale tecnologico che non sia funzionale all’istruzione;

  • per il pagamento della mensa, del riscaldamento, dell’assicurazione e degli altri servizi resi dall’Istituzione scolastica al di fuori delle attività integrative incluse nel POF, ivi comprese eventuali rette per la frequenza scolastica;

  • per le spese da sostenere per il trasporto scolastico diverse dall’acquisto dei titoli di viaggio (ad esempio, la benzina).

 

In generale, i voucher NON potranno essere convertiti in altra tipologia di buono (ad esempio, per l'acquisto di generi alimentari), né utilizzati per acquisti diversi da quelli sopra dettagliati, o comunque con finalità diverse dal diritto allo studio.

No, possono essere acquistati esclusivamente i libri.

No, non è previsto. Per indicazioni più precise si può scrivere a bandovoucher2022@regione.piemonte.it

Gli strumenti da disegno (goniometri, squadrette, compassi) sono materiale didattico per eccellenza e quindi rientrano nel voucher materiale didattico.

Non sono acquistabili invece i beni di consumo (per es. matite, penne, quaderni, ecc.).

No, sono ammesse solo le spese effettuate attraverso il voucher caricato sulla tessera sanitaria. Eventuali spese precedenti non saranno riconosciute. Gli scontrini non saranno nemmeno richiesti come prova di spesa del voucher.

I titoli di viaggio GTT sono acquistabili presso le rivendite autorizzate da GTT, come edicole e tabaccai.

Non è possibile acquistare con il voucher l’abbonamento presso GTT. Inoltre non è possibile cumulare con altri benefici promossi da GTT.

Ulteriori informazioni sono disponibili alla pagina Convenzione Edenred Voucher Scuola )

Vedi anche Elenco esercizi commerciali, Comuni, scuole convenzionate (si consiglia di aprire il link con Google Chrome) 

Sì, è corretto. L'utente deve scegliere quale agevolazione utilizzare. Il pagamento con voucher comporta la non applicabilità di altri eventuali benefici.

L'elenco delle scuole paritarie è consultabile sul sito Endered, a questa pagina

Percorso:

  • selezionare il programma VOUCHER SCUOLA LIBRI POF E TRASPORTI 
  • indicare il luogo di interesse
  • fare un filtro sulla voce Scuola Prim e Sec Paritaria

In questo modo il sistema restituisce l'elenco delle scuole paritarie presso le quali è possibile spendere il voucher “Iscrizione e frequenza”.


 

In caso di cambiamenti particolari (ad esempio con beneficiari stranieri), in cui varia il CF e quello indicato per presentare domanda è differente da quello della TS CNS che si utilizza per il pagamento dei beni, allora occorre procedere come segue:

  • se l'utente riesce ad acquistare attraverso la propria TS CNS, non bisogna comunicare nulla;

  • se ci sono problemi con l'utilizzo del voucher, deve comunicare a Edenred la variazione.

La variazione va comunicata attraverso la compilazione del modulo di delega pubblicato alla pagina Voucher scuola alla voce MODULO DELEGA.

La delega va fatta a se stessi. Il modulo compilato in tutte le sue parti e i relativi allegati vanno inviati a Dotescuola.Clienti-IT@edenred.com 

Dopo la chiusura del bando, non sono ammesse eventuali variazioni di dati anagrafici

Dopo la chiusura del bando occorre comunicare il cambio di e-mail all’indirizzo bandovoucher2022@regione.piemonte.it.

Dopo la chiusura del bando occorre comunicare il cambio della scuola all’indirizzo bandovoucher2022@regione.piemonte.it.

Se la classe o la scuola effettivamente frequentate dallo studente nell’anno scolastico 2021/2022 sono diverse da quelle dichiarate nella domanda di assegnazione del voucher, il Richiedente ha l’onere di comunicarlo immediatamente alla Regione Piemonte – Direzione Istruzione, Formazione e Lavoro – Settore Politiche dell’Istruzione, programmazione e monitoraggio strutture scolastiche tramite mail all'indirizzo bandovoucher2022@regione.piemonte.it

Anche l’interruzione della frequenza scolastica deve essere comunicata immediatamente.

Nel caso in cui la Regione, in mancanza di una comunicazione da parte del Richiedente, verifichi che lo studente sta frequentando una scuola di grado inferiore rispetto a quella a cui ha dichiarato di essere iscritto o che non sta frequentando alcuna scuola, lo stesso sarà tenuto alla restituzione delle somme eventualmente già spese, ferme restando le ulteriori responsabilità (penali).

Nella comunicazione è indispensabile indicare i dati del Richiedente (Nome, Cognome e Codice Fiscale), cioè del soggetto titolare delle credenziali di accesso utilizzate per presentare la domanda di assegnazione del voucher, e quelli dello studente per cui è stato richiesto il voucher (Nome, Cognome e Codice Fiscale).

Il beneficiario non avrebbe dovuto fare la domanda, occorre quindi avvisare subito la Regione sulla casistica.

Il Richiedente deve inviare mail a bandovoucher2022@regione.piemonte.it.

Nel caso in cui il voucher fosse stato già caricato sulla tessera sanitaria, non va assolutamente speso in quanto il diritto al voucher è decaduto.