Tipologia di contenuto
Scheda informativa

Poli di innovazione

Rivolto a
Imprese e liberi professionisti

POR FESR 2014-2020 - Azione I.1.b.1.2

Il Piemonte è stata la prima regione italiana ad istituire formalmente sul proprio territorio i Poli di Innovazione.

I Poli di Innovazione sono raggruppamenti di PMI, grandi imprese, start up innovative, organismi di ricerca, ecc. attivi in un particolare ambito tecnologico o applicativo, che rispondono al modello largamente diffuso su scala nazionale ed internazionale di “Cluster innovativi”, “distretti tecnologici”, “Innovation Hub”.

In qualità di agenti dell’innovazione sul territorio regionale, i Poli di innovazione piemontesi promuovono il trasferimento di tecnologie, la condivisione di strutture e lo scambio di conoscenze e competenze, secondo l’approccio proprio del Partenariato Pubblico Privato (PPP).

Anche per la programmazione 2014-2020 è stata prevista una misura del POR FESR dedicata allo sviluppo e al rafforzamento del sistema regionale dei Poli

In cosa consiste?

La misura sostiene - attraverso la concessione di una agevolazione in forma di contributo alla spese fino al 60% del costo totale dell’intervento finanziato - progetti realizzati, anche in modalità cooperativa con l’obiettivo di favorire la generazione e la condivisione di conoscenza, unitamente alla ricerca industriale e allo sviluppo precompetitivo e sperimentale di nuove tecnologie, prodotti e servizi, in coerenza con le traiettorie e i settori individuati dalla Strategia di Specializzazione della Regione Piemonte.

I progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale dovranno essere realizzati da Piccole Medie Imprese (PMI) , in forma singola o associate in ATS. E’ ammissibile la partecipazione di Grandi Imprese a condizione che queste collaborino in maniera effettiva con una o più PMI. I progetti dovranno riguardare le aree tecnologiche e applicative specificatamente indicate nel Bando, possono avere una durata massima di 24 mesi e un investimento minimo di € 300.000 (salvo che il progetto preveda la partecipazione di Grandi Imprese, nel qual caso l’investimento minimo è elevato a € 600.000)

A chi è rivolta?

La misura è articolata in due linee di sviluppo orientate a due insiemi di potenziali beneficiari.

Nella prima linea (Linea A) sono incluse le imprese che aderiscono ai Poli di Innovazione Piemontesi operanti nelle seguenti aree tematiche individuate dalla Giunta regionale:

  • Agrifood: Soggetto Gestore M.I.A.C. Scpa;
  • Energy and Clean Technologies: Soggetto Gestore Environment Park Spa e Consorzio U.ni.Ver, in ATS;
  • Green Chemistry and Advanced Materials: Soggetto Gestore Pst Spa, Consorzio Proplast e Consorzio Ibis, in ATS;
  • ICT: Soggetto Gestore Fondazione Torino Wireless;
  • Life Sciences: Soggetto Gestore Bioindustry Park Silvano Fumero Spa;
  • Smart Products and Manufacturing: Soggetto Gestore Centro Servizi Industrie Srl;
  • Textile: Soggetto Gestore Città Studi Spa.

Nella seconda linea di intervento (Linea B) sono incluse invece le imprese che alla data di apertura del Bando non siano mai state associate ai Poli di Innovazione Piemontesi ma che si impegnino ad associarsi a uno o più Poli in caso di ammissione a finanziamento del progetto proposto.

Dotazione finanziaria

La dotazione finanziaria è articolata su due linee di intervento.

  • Linea A: € 35.000.000 a sostegno delle imprese piemontesi e di € 1.000.000 a sostegno delle imprese della Regione Valle d’Aosta.
  • Linea B: € 15.000.000 a sostegno delle imprese piemontesi e di € 1.000.000 a sostegno delle imprese della Regione Valle d’Aosta che possono partecipare al bando in virtù dell’accordo di collaborazione in tema di Ricerca e Innovazione stipulato tra le due Regioni.

Principali risultati raggiunti

  • Numerosità dei progetti

Sulla Linea A, riservata alle imprese già associate ai Poli, sono stati presentati 113 progetti di cui 75 finanziati (221 imprese coinvolte) al termine della valutazione di ammissibilità e di merito per un investimento complessivo pari a 49,8 M€ e contributi concessi per 23,7 M€ .

Sulla Linea B sono sono stati presentati 53 progetti di cui 34 finanziati (70 imprese coinvolte) per un investimento complessivo pari a 21,2 M€ e contributi concessi per 9,3 M€ .

  • Sviluppo delle Competenze/Attività di formazione

Nell’attuale programmazione POR FESR 2014-2020, sono stati stipulati oltre 50 accordi con agenzie formative, e quasi 200 collaborazioni con organismi di ricerca tra cui si contano iniziative come l’attivazione di laboratori congiunti di ricerca e la realizzazione di tesi di ricerca in azienda.

Da sottolineare, in particolare, gli accordi di collaborazione con gli Istituti Tecnici Superiori (ITS) per la formazione di tecnici specializzati nelle aree tecnologiche strategiche per lo sviluppo economico e la competitività regionale.

  • Governance: tasso di partecipazione alle Agende Strategiche

I progetti di R&D realizzati dalle imprese associate ai Poli di Innovazione e finanziati dai diversi Bandi regionali derivano da Agende Strategiche di Ricerca elaborate dai Poli stessi.

Il tasso di partecipazione alle Agende Strategiche di Ricerca da parte delle imprese associate è in media di 1 soggetto su 3 per gli attuali 7 Poli (30%, rilevazione a Giugno 2017).

Nella passata programmazione, la partecipazione era stata in media di 1 su 2 (49%).

Su questo indicatore, occorre, tuttavia, sottolineare che i due dati non sono, per ora, comparabili, poiché l’attuale programmazione è ancora in corso e nelle nuove Agende Strategiche di Ricerca non partecipano più gli organismi di ricerca in qualità di beneficiari dei contributi.

  • Collaborazioni extraregione ed internazionali

I Poli di innovazione piemontesi hanno attivato oltre 200 collaborazioni extraregione ed internazionali. Nel contesto nazionale si evidenzia la partecipazione dei Poli regionali ai Cluster Tecnologici Nazionali tra cui: Agrifood (Polo Agrifood), Chimica Verde (C-Green), Fabbrica Intelligente (MESAP), Scienze della vita (BiopMed), Tecnologie per le Smart Communities (Polo ICT- coordinatore), Mezzi e sistemi per la mobilità di superficie terrestre e marina (MESAP). Nel contesto internazionale, tra i Paesi europei con cui i Poli collaborano maggiormente si contano: Francia, Spagna, Portogallo, UK, Polonia, Romania, Germania e Belgio.

Link al bando

Vai al bando Poli di Innovazione Linea A

Vai al bando Poli di Innovazione Linea B