Aperto il Bando 2023 per il sostegno ad azioni pilota e di collaudo dell’innovazione (SRG08)

Data notizia

Approvato il Bando 1/2023 dello Sviluppo Rurale 2023-2027 - Intervento SRG08 SOSTEGNO AD AZIONI PILOTA E DI COLLAUDO DELL'INNOVAZIONE

È stato approvato il Bando 1/2023 relativo allo Sviluppo Rurale 2023-2027, Intervento SRG08 SOSTEGNO AD AZIONI PILOTA E DI COLLAUDO DELL'INNOVAZIONE, con una dotazione finanziaria complessiva di 6 milioni di euro.

Vengono concessi contributi in conto capitale pari al 100% delle spese sostenute.

Il beneficiario del sostegno è un partenariato di nuova costituzione o un partenariato esistente che avvia una nuova attività, i cui componenti sono individuati tra le seguenti categorie di soggetti:

  1. imprese/operatori del settore agricolo, del settore forestale (in forma singola e/o associata) con sede legale e/o operativa nella Regione Piemonte;
  2. altre imprese operanti nelle aree rurali rilevanti per il raggiungimento degli obiettivi del partenariato con sede legale e/o operativa nella Regione Piemonte;
  3. enti pubblici e/o imprese private operanti nel settore della ricerca;
  4. altri soggetti pubblici e privati attivi nel campo dell’AKIS;
  5. soggetti pubblici e/o privati proprietari e gestori di boschi localizzati nel territorio della regione Piemonte e loro associazioni.

I partenariati o gruppi di cooperazione devono essere formati da almeno due soggetti giuridici diversi appartenenti ad almeno due differenti categorie tra quelle sopra indicate. È obbligatoria l’adesione/la partecipazione al partenariato/gruppo di cooperazione di almeno un’impresa agricola o forestale (categoria 1).

L’intervento sostiene:

  • la cooperazione, anche attraverso contratti di gestione e redazione/esecuzione di piani di gestione forestale, fra proprietari e gestori di boschi localizzati nel territorio della Regione Piemonte e loro associazioni al fine di gestire in forma associata i boschi piemontesi e favorirne il miglioramento attraverso interventi selvicolturali;
  • il miglioramento dei castagneti da frutto tradizionali con le stesse modalità sopra descritte.
  • la cooperazione, attraverso contratti di rete/accordi di foresta/forme stabili di gestione forestale associata, fra diverse figure del comparto forestale e castanicolo al fine di attuare investimenti condivisi come gestire in forma associata piazzali, macchine e impianti e favorire lo sviluppo del comparto forestale.


I progetti devono riguardare tematiche forestali e della castanicoltura da frutto tradizionale e sviluppare temi di interesse per il comparto forestale regionale.


La scadenza per la presentazione delle domande di sostegno è stabilita alle ore 12.30. del giorno venerdì 8 marzo 2024.