Tipologia di contenuto
Scheda informativa

Deficit idrico 2022 - Siccità eccezionale dal 1° maggio al 30 settembre

Rivolto a
Enti pubblici
Imprese e liberi professionisti

Interventi per far fronte alla carenza di precipitazioni sia piovose che nevose

Il territorio piemontese, così come tutto il bacino del Po, è interessato già da dicembre 2021 da una pressoché continua carenza di precipitazioni sia piovose che nevose, che ha determinato ingenti danni al comparto produttivo agricolo.

Aggiornamento gennaio 2023

Attivazione bando per la trasmissione domande di aiuto

La Giunta Regionale, con D.G.R. n. 28-5765 del 7 ottobre 2022, ha delimitato l’intero territorio regionale colpito dalla siccità eccezionale verificatasi dal 1° maggio al 30 settembre 2022. Sulla Gazzetta Ufficiale n. 5 del 7 gennaio 2023 è stato pubblicato il decreto di declaratoria del carattere di eccezionalità della siccità avvenuta nel suddetto periodo. Le domande dovranno essere presentate telematicamente tramite il portale servizi-online della Regione Piemonte denominato Nembo.

Al fine della corretta compilazione delle domande di aiuto, si dovranno seguire le disposizioni previste dal Bando "Danni per siccità eccezionale verificatasi dal 1° maggio al 30 settembre 2022" . Il termine ultimo dei 45 giorni per la presentazione delle domande è il 21 febbraio 2023.

Aggiornamento 2022

Il Decreto Legge 9 agosto 2022, n. 115 “Misure urgenti in materia di energia, emergenza idrica, politiche sociali e industriali”, entrato in vigore il 10 agosto 2022, derogando da quanto previsto all’articolo 5, comma 4, del decreto legislativo 29 marzo 2004, n. 102, consente alle imprese agricole che hanno subito danni dalla siccità eccezionale manifestatasi a partire dal mese di maggio 2022 e che, al verificarsi dell'evento, non beneficiavano della copertura recata da polizze assicurative a fronte del rischio siccità, di poter accedere agli interventi previsti per favorire la ripresa dell’attività economica e produttiva di cui al medesimo articolo 5 del decreto legislativo 29 marzo 2004, n. 102.

Con le note prot. n. 20169 del 19/08/2022 e prot. n. 20941 del 6/9/2022 la Direzione Agricoltura e Cibo, in considerazione degli incontri effettuati con il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali (Mipaaf) e le altre regioni interessate, aveva fornito le indicazioni procedurali per la ricognizione dei danni aziendali e la trasmissione delle segnalazioni da parte delle amministrazioni comunali.

A seguito della conversione in legge del D.L. 115/2022 in data 22 settembre u.s., senza modifiche al testo originario ed in assenza di ulteriori indicazioni procedurali da parte del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali (Mipaaf), con nota prot. n. 22495 del 29/09/2022, la Direzione Agricoltura e Cibo ha comunicato a tutti i comuni piemontesi che è necessario concludere la procedura di delimitazione entro il giorno 9 ottobre 2022, con l’approvazione da parte della Giunta regionale della proposta di declaratoria da inviare al Mipaaf.

Considerata tale scadenza, di intesa con il settore A1711C, le amministrazioni comunali sono invitate a completare la trasmissione della ricognizione dei danni alle produzioni agricole entro la mattina del giorno 5 ottobre 2022.

Nel caso in cui le amministrazioni comunali non fossero nella possibilità di registrare sul servizio Nembo, entro il giorno 5 ottobre, i dati richiesti, potranno utilizzare entro la stessa data, la modalità alternativa al link indicato nella nota prot. n. 22495 del 29/09/2022 trasmessa via PEC a tutti i comuni piemontesi.

Le informazioni trasmesse entro il 5 ottobre potranno ancora essere utilizzate ai fini della redazione della deliberazione regionale citata ma il servizio Nembo rimarrà comunque disponibile per alcuni giorni seguenti il 5 ottobre per cui invitiamo i Comuni a provvedere ad aggiornare sullo stesso le informazioni eventualmente trasmesse con la procedura alternativa.

Ordinanza Protezione Civile 21 luglio 2022

Parallelamente alla procedura oggetto della presente scheda, con Delibera del Consiglio dei Ministri del 4 luglio 2022 e successiva Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione Civile n. 21 luglio 2022 è stato dichiarato lo stato di emergenza per la situazione di deficit idrico nei bacini distrettuali del Po e sono stati disposti i primi interventi urgenti per contrastare la carenza idrica. Tali atti sono finalizzati:

  1. a garantire l’approvvigionamento idropotabile della popolazione;

  2. a scongiurare l’interruzione del servizio idropotabile ed a garantirne la piena funzionalità, anche attraverso la realizzazione di serbatoi e accumuli di carattere temporaneo, di punti di ricarica delle falde acquifere anche di carattere temporaneo, di impianti di pompaggio supplementari, anche per uso irriguo prioritariamente connessi al rilascio di risorsa idropotabile o per le esigenze del settore zootecnico, di rigenerazione di pozzi o di realizzazione di nuovi pozzi o attingimenti a sorgenti, di interconnessioni tra le reti idriche esistenti, di risagomatura dell’alveo per convogliare l’acqua verso le prese, di rifacimento e/o approfondimento captazioni, nonché di impianti temporanei per il trattamento e recupero dell’acqua.

Contatti

Riferimento
Numero Verde Unico InfoAgricoltura
Telefono
800 333 444
Email
infoagricoltura@regione.piemonte.it
Riferimento
Settore A1714A - Infrastrutture, territorio rurale, calamità naturali in agricoltura
Email
infrastrutturerurali@regione.piemonte.it