A Torino e Alessandria “Nonno Ascoltami!"

Tema
Sanità
Autore
Lara Prato
Creato il
16 Settembre 2019

Parte da Torino e Alessandria, domenica 22 settembre, il tour di “Nonno Ascoltami! - L’Ospedale in piazza”, la campagna di controlli gratuiti dell’udito, promossa dall’omonima Onlus, che, per il decimo anno consecutivo, porta all'attenzione il tema della prevenzione dei disturbi uditivi.

L'iniziativa, che si avvale del patrocinio di Presidenza del Consiglio, Ministero della Salute e con il supporto dell’OMS, è stata presentata alla stampa lunedì 16 settembre, presso il Palazzo della Regione Piemonte a Torino, alla presenza dell'assessore regionale alla Sanità, Luigi Icardi. Le immagini

In Italia oltre 7 milioni di persone hanno un disturbo uditivo e il 47% non ha mai effettuato un controllo, ma si stima che il 50% dei casi potrebbe essere evitato con un’adeguata informazione ed educazione sanitaria e questo è l'obiettivo che si pone la campagna.

"Voglio sottolineare l'importanza della politiche di prevezione – ha affermato l'assessore Icardi – in cui ho sempre creduto. Si tratta di politiche silenziose, che non danno un ritorno immediato, ma portano a grandi risultati. In Italia un over 65 su tre soffre di problemi uditivi, con una corretta attività di informazione e prevezione la diffusione di queste patologie può essere evitata".

Per le due tappe piemontesi di Alessandria e Torino, l'appuntamento è fissato dalle ore 10 alle ore 19, rispettivamente in Piazzetta della Lega Lombarda e Piazza Vittorio Veneto.

Il programma della campagna si snoda su 5 domeniche, fino al 20 ottobre, coinvolgendo gli ospedali di 36 città in 16 Regioni, con medici specialisti e tecnici dell’udito che per un’intera giornata sono a disposizione dei cittadini. In alcune piazze, tra cui Torino, oltre ai controlli dell’udito sarà possibile effettuare anche un esame vestibolare per identificare il rischio di patologie labirintiche che, insieme ad altre condizioni cliniche, possano portare al rischio di cadute.

Tag
#nonno-ascoltami
#assessore-luigi-icardi