Lo sport piemontese libero dalla plastica

Tema
Sport
Autore
Pasquale De Vita
Creato il
10 Ottobre 2019

Dal 1 gennaio 2020 tutte le manifestazioni sportive che vorranno ricevere il patrocinio della Regione Piemonte o che desidereranno ottenere un contributo economico per la realizzazione dei loro eventi dovranno sottoscrivere le “Prime linee guida relative all’organizzazione di manifestazioni sportive libere dalla plastica” e rispettare il Decalogo Piemonte Sport Plastic free. E’ questa la novità introdotta nella delibera presentata dall’assessore regionale allo Sport Fabrizio Ricca e dall’assessore regionale all’Ambiente Matteo Marnati e approvata l'11 ottobre dalla Giunta. L’intenzione della Regione Piemonte è di fare in modo che gli eventi sportivi, che ogni anno portano per le strade delle città piemontesi migliaia di atleti e di spettatori, possano ridurre ai minimi termini il loro impatto inquinante. Scopo della delibera è quindi di “indirizzare tutti gli operatori sportivi verso comportamenti sostenibili, al fine di rendere le manifestazioni sportive più efficienti sul piano ambientale, e riducendo al minimo le diverse forme d’impatto sull’eco-sistema”.

Tra i punti, contenuti nel Decalogo Piemonte Sport Plastic free, che gli organizzatori delle manifestazioni dovranno rispettare ci sono: l’eliminazione di stoviglie di plastica monouso, l’impegno a utilizzare tovaglie e tovaglioli riutilizzabili (lavabili) o in carta riciclata o completamente compostabili, la sostituzione, nei distributori di bevande, delle bottiglie di plastica e l’installazione di erogatori di acqua naturale o frizzante, il superamento di buste, borse, sacchetti di plastica in favore di quelle riutilizzabili (per esempio di tela), l’utilizzo di gadgets dotati di etichette ambientali, eliminando quelli usa e getta, l’utilizzare prodotti packaging-free o con imballaggio ridotto, e limitare l’utilizzo di prodotti con imballaggio eccessivo o confezioni monouso (come merendine, biscotti, succhi di frutta).

«Questa delibera – ha affermato l’assessore regionale allo Sport Fabrizio Ricca -. è un impegno concreto in favore dell’ambiente. Gli eventi sportivi che animano la nostra Regione hanno la capacità di mobilitare migliaia di persone: questa è una cosa meravigliosa ma che si porta dietro anche la necessità di ridurre l’impatto che manifestazioni di questo tipo rischiano di avere se non sono pensate con un approccio sostenibile L’approccio che mancava abbiamo voluto darlo noi con questo atto: dal prossimo anno le associazioni che realizzeranno eventi sportivi saranno invitate ad attenersi a un decalogo che liberi le gare e le esibizioni degli atleti dalla plastica e che le renda completamente sostenibili sul piano ambientale. Questi saranno requisiti per ottenere il patrocinio della regione e per poter accedere ai finanziamenti. Si tratta di una delibera che avrà effetti concreti e crediamo che la concretezza delle azioni, anche in materia di ecologia, valga di più della teoria che rimane confinata nelle sole rivendicazioni mediatiche».

«Questo è un primo passo - ha sostenuto l’assessore all’Ambiente Matteo Marnati -. L'idea è di arrivare a scrivere una legge regionale plastic free che al momento non esiste e che potrebbe essere estesa a molti ambiti, non soltanto quello sportivo, ma a tutti gli eventi culturali».

Tag
#sport
#piemonte
#plastica
#assessore-matteo-marnati
#assessore-fabrizio-ricca