Il grazie della Regione ai volontari della Protezione civile

Tema
Protezione civile

Autore

Data notizia

“In questi giorni che vedono ancora la nostra Protezione civile impegnata nelle attività di ripristino nelle zone colpite dall’alluvione del 2 e 3 ottobre, voglio ringraziare tutto il sistema, ma in particolare i volontari, per il prezioso e silenzioso lavoro fin dalle prime ore dell’evento, per l’abnegazione e per il loro l’impegno. Vestono divise di colore diverso, ma una cosa li accomuna: il loro grande cuore. Siete uomini e donne speciali”: con queste parole, l’assessore alla Protezione civile della Regione Piemonte, Marco Gabusi ha pubblicamente espresso la gratitudine propria e di tutta la Giunta per coloro che prestano gratuitamente la loro opera in questo servizio fondamentale per tutto il territorio".

Lo ha fatto a conclusione della giornata nazionale “Io non rischio 2020”, la campagna dedicata alle buone pratiche di Protezione civile che si è tenuta l’11 ottobre. Un’edizione particolare, quella di quest’anno, in cui, causa il Covid, i gazebo nelle piazze hanno lasciato il posto a piazze “virtuali” sui canali social, dove 21 organizzazioni aderenti hanno potuto trasmettere i concetti cardine della prevenzione attraverso la pubblicazione di video su cosa fare prima, durante e dopo l’alluvione e il terremoto, testimonianze di chi ha vissuto eventi alluvionali del passato, descrizione delle zone a rischio di ciascun territorio, gallerie fotografiche sugli interventi effettuati e molto altro materiale.

Di 21 piazze, una sola è stata allestita fisicamente: quella di Canelli (At), visitata in mattinata dal Capo del Dipartimento, Angelo Borrelli, accompagnato dall’assessore Gabusi, che ha commentato: “È stato un onore avere con noi a Canelli il Capo Dipartimento. A tutti vanno i miei complimenti e soprattutto a coloro che hanno lavorato per l'ottima riuscita dell'edizione in digitale”.

Tag
#iononrischio
#volontari
#protezione-civie
#assessore-marco-gabusi