Ex Embraco: basta prendere in giro il Piemonte

Tema
Lavoro

Autore

Data notizia
La sede dello stabilimento

“La questione Embraco è ancora aperta. Ho incontrato i lavoratori non soltanto per dire che la Regione c'è, e non lascia solo nessun lavoratore che perde il proprio posto, ma perché è ora di finirla con le prese in giro del Piemonte da parte di imprenditori che vengono da lontano, prendono i contributi pubblici, danno il miraggio di creare posti di lavoro e poi prendono il giro le persone”: è quanto ha dichiarato il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, dopo aver ricevuto l’8 gennaio con l’assessore al Lavoro, Elena Chiorino, una delegazione di lavoratori in presidio davanti alla sede della Giunta, in piazza Castello a Torino.

"Anche il Governo non deve lasciare sole queste persone - ha dichiarato Cirio - La cassa integrazione finirà a giugno e il Ministero dello Sviluppo economico deve ancora dire se il il soggetto individuato ha un piano industriale serio. Non è più accettabile e non c'è più tempo da perdere perché con la pelle delle persone non si scherza”.

Incontro per l'ex Embraco

Il presidente della Regione #Piemonte Alberto Cirio ha ricevuto questa mattina, con l'assessore al #Lavoro Elena Chiorino, a Torino in piazza Castello, una delegazione di lavoratori della ex #Embraco di Riva di #Chieri, con i rappresentanti sindacali di #Fim, #Fiom e #Uilm. La Regione ha annunciato che chiederà al Ministero dello Sviluppo Economico di convocare quanto prima un incontro al quale siano presenti come condizione imprescindibile Invitalia e la Whirlpool, o una sua rappresentanza, per definire la strada per tutelare i lavoratori.

Pubblicato da Regione Piemonte su Mercoledì 8 gennaio 2020

 

"Ci troviamo tutti d’accordo - ha detto Chiorino, che ha scritto una lettera al ministro Patuanelli per richiedere un tavolo di crisi urgente - sul fatto che non c’è più tempo da perdere e che il Ministero deve agire in modo incisivo. Per farlo c’è soltanto una strada da percorrere: convocare quanto prima un tavolo a Roma in cui, come richiediamo ormai dal mese di dicembre, sia presente anche Invitalia con già un programma di quello che può essere il destino della ex Embraco. Allo stesso tavolo deve essere invitata anche la Whirlpool. Questo perché occorre definire una volta per tutte quale può essere il futuro per la tutela dei lavoratori della ex Embraco e delle loro famiglie, che nel mese di dicembre non hanno percepito né lo stipendio e nemmeno la tredicesima e per tutti quei lavoratori che in estate vedranno venire meno gli ammortizzatori sociali".

 

Tag
#embraco
#presidente-alberto-cirio
#assessore-elena-chiorino