Ambiente e smog: le richieste all'Europa e le proposte sui blocchi alla circolazione

Tema
Ambiente e Territorio
Autore
Redazione
Creato il
13 Gennaio 2020

Un fondo europeo dedicato all’ambiente e un piano contro l’inquinamento dell’aria. A chiederlo è la Regione Piemonte attraverso l’assessore all’Ambiente Matteo Marnati in procinto di recarsi a Bruxelles per chiedere l’istituzione di un fondo dedicato esclusivamente alle emergenze ambientali. Marnati rivolge anche due appelli: al sindaco di Torino per i mezzi pubblici gratis durante i blocchi alla circolazione per l'inquinamento atmosferico e al governo di candidare il Piemonte al Fondo Europeo per la transizione dei modelli produttivi.

«L’idea - spiega l'assessore - è di avere fondi extra dedicati a misure specifiche. La Regione non deve rimanere sola nell’affrontare l’emergenza e non possiamo fare affidamento sull’aleatorietà del meteo. Per uscire dall’emergenza e per prevenire quelle successive servirebbe almeno 1 miliardo subito».

Marnati sottolinea che al momento ci sono tredici regioni europee con le stesse caratteristiche orografiche del bacino padano. Dal 2011 sono riunite in un organismo denominato «Air-quality Initiative of Regions» (AIR) di cui fanno parte Baden-Württemberg / Catalunya / Comunidad de Madrid / Emilia-Romagna / Greater London / Hessen / Lombardia / Renania settentrionale-Vestfalia / Piemonte / Randstad / Steiermark / Veneto / Vlaanderen.

«Nessuna di queste – aggiunge Marnati – dispone di fondi sufficienti per sostenere economicamente politiche efficaci e strutturali contro le sostanze inquinanti dell’aria. Facendo squadra l’obbiettivo è di aggiungere risorse per finanziare la conversione verde degli impianti per la produzione di energia, da riscaldamento e di mobilità».

Nel frattempo Marnati rivolge un appello al governo per candidare il Piemonte al Green Deal, il fondo messo a disposizione dall’Unione europea per il passaggio da modelli economico-produttivi inquinanti a modelli nuovi. «La decisione su chi candidare – sostiene l’assessore – spetta al Governo. La nostra regione è candidata naturale per le condizioni in cui si trova, le valutazioni vanno fatte nel merito. Si invocano misure strutturali e questa è un’occasione da non perdere».

A Bruxelles il Piemonte proporrà di finanziare le 13 aree tra cui il Piemonte, con il gettito delle sanzioni da infrazione. «Queste zone – aggiunge Marnati - sono popolate da 80 milioni di persone di cui 22 risiedono nella pianura padana. Tutte insieme queste regioni producono un quarto del Pil europeo», dice Marnati.

Marnati torna poi a criticare la scelta del sindaco di Torino di estendere il blocco dei diesel Euro 5. «Fermare alcune tipologie di auto – sottolinea l’assessore – non produce risultati. I blocchi hanno fatto scendere il Pm 10 soltanto del 10%, mi chiedo perché questo accanimento. Fossero coerenti farebbero viaggiare gratis le persone sui mezzi pubblici nei giorni di blocco».

Il parco circolante di veicoli tra auto moto autocarri e veicoli speciali al 31 dicembre 2019 è di circa 3,8 milioni (fonte ACI). In allegato la tabella con la tipologia delle auto divisa per province.

Allegati

Il parco circolante per alimentazione e provincia
File excel - 54 KB
La legenda della tabella
File odt - 12.85 KB
Tag
#assessore-matteo-marnati
#smog
#bruxelles
#ambiente
#inquinamento