CERUTTI, REGIONE E COMUNI INSIEME PER SOSTENERE IL RILANCIO

Tema
Lavoro
Data comunicato

 

L’assessore Chiorino: «Massima attenzione. Faremo, già dalla prossima settimana, incontri per sostenere l'azienda, con l'obiettivo di rilanciare lo storico marchio e di tutelare lavoratori e famiglie».·

«La Regione farà tutto il possibile, già da subito, per arrivare a un'epilogo della vertenza Cerutti in grado di sostenere l'azienda e giungere alla migliore soluzione possibile»: l’annuncio è dell’assessore regionale al Lavoro, Elena Chiorino che conferma il suo impegno per fare tutto il possibile al fine di arrivare alla migliore soluzione riguardo alla vicenda del Gruppo Cerutti e al conseguente rischio occupazionale per i lavoratori dello stabilimento vercellese. Già dal primo febbraio 2020, infatti, la società, insieme con le organizzazioni sindacali, aveva chiesto e ottenuto dal Ministero la cassa integrazione per tutti i dipendenti di Officine Meccaniche Giovanni Cerutti S.p.A.e Cerutti Packaging Equipment Spa.
In ballo c’è il futuro di centinaia di lavoratori e l’assessore Chiorino, come già accaduto in altri casi analoghi, non ha intenzione di lasciare nulla di intentato e di mettere in campo tutti gli strumenti a disposizione per sostenere impresa, lavoratori e famiglie.
«Confermo la massima attenzione da parte della Regione per la vicenda che riguarda la Cerutti: la prossima settimana daremo il via ad una serie di incontri per valutare tutte le possibilità di supporto alla storica azienda, che non vorremmo soltanto salvare, ma poter anche rilanciare».
«In questo momento di difficoltà - aggiunge il consigliere regionale Carlo Riva Vercellotti - occorre unire tutti gli interessi, pubblici e aziendali per tentare di salvare una realtà che è un pezzo della storia vercellese e, soprattutto, i lavoratori: coloro che potranno essere reimpiegati e coloro per i quali, purtroppo, sarà difficile e che avranno bisogno non solo di ammortizzatori, ma di un percorso di formazione e accompagnamento verso nuovi sbocchi lavorativi: perché nessuno va lasciato solo».
«Si tratta di una situazione molto complessa e delicata - spiega il sindaco di Casale Monferrato, Federico Riboldi - Contiamo tantissimo sull’operato della Regione che potrebbe, grazie all’intuizione dell’assessore Chiorino di creare nuovi strumenti per venire incontro alle imprese in difficoltà, porre le condizioni per garantire continuità ad un marchio storico a livello internazionale».
«Occorre trovare una soluzione - spiega il sindaco di Vercelli, Andrea Corsaro - Ringrazio davvero la Regione e l’assessore Chiorino per l’interessamento e per l’impegno che stanno dimostrando. Confidiamo, insieme a tutti gli enti locali, che la Regione e i Comuni, con tutti i soggetti interessati, possano arrivare alla migliore soluzione possibile, nell’interesse dei lavoratori della Cerutti e delle loro famiglie. Si tratta di un’azienda storica del Vercellese, che non possiamo permetterci di lasciare da sola».