Stampa

Registrazione degli itinerari nella rete fruitiva ciclabile ed escursionistica (RPE)

Può proporre la registrazione di un itinerario escursionistico nella RPE (articolo 10 della l.r. 12/2010) un ente pubblico ricompreso tra quelli che seguono: Regione Piemonte , Province, Unioni di Comuni ed i Comuni per i territori non compresi in una forma associativa, gli Enti di gestione delle aree protette.

Le richieste di registrazione sono indirizzate al Settore Sviluppo della montagna e cooperazione transfrontaliera via PEC all'indirizzo Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. , allegando la seguente documentazione:

a) modulo di richiesta di registrazione dell’itinerario, con le relative dichiarazioni e impegni;
b) scheda itinerario;
c) cartografia dell’itinerario in formato numerico;
d) documentazione comprovante le caratteristiche organizzative e di qualità, nel caso di itinerario di qualità;
e) documentazione tecnico-scientifica attestante il valore ambientale, storico-culturale dell'itinerario, nel caso di itinerario di interesse storico-culturale e paesaggistico;
f) documentazione attestante la fruizione specifica dell’itinerario, nel caso di itinerario a fruizione specifica;
g) attestazione del soggetto proponente di assunzione del ruolo di ente capofila per il coordinamento delle attività di valorizzazione dell’itinerario.
h) esiti notifiche ai sensi della L. 241/90 e pubblicazioni all’albo pretorio dei Comuni interessati dall’itinerario ex art. 9 Regolamento attuativo legge12/2010 (Regolamento 9/R del 16.11.2012) per i tratti dell’itinerario interessanti sedimi di proprietà privata.

La proposta di registrazione viene inoltre valutata in base ai seguenti requisiti di ammissibilità:

a) disponibilità dei sedimi su cui ricade il tracciato;
b) fruibilità dell’itinerario, ovvero eventuale suddivisione in tappe dell’itinerario in funzione della localizzazione delle strutture di appoggio e dei tempi di percorrenza;
c) percorribilità dell’intero tracciato e presenza di opportuna segnaletica direzionale e di continuità e di pannellistica realizzata secondo le modalità indicate negli indirizzi tecnici della Legge 12/10 e del suo Regolmento attuativo;
d) accordi formalizzati tra le amministrazioni interessate coinvolte dall’itinerario per la manutenzione dei tracciati e/o della segnaletica e per la gestione e valorizzazione dell’itinerario stesso.

Le dichiarazioni e gli impegni previsti di cui al punto d) prevedono un accordo tra gli enti pubblici (L.241/90) attraversati dall’itinerario finalizzato alla valorizzazione dell’infrastruttura, riportante gli impegni da rispettare. Gli impegni minimi obbligatori da garantirsi nell’ambito di tale convenzione sono:

- il controllo sullo stato di percorribilità dell’itinerario, e sullo stato segnaletica presente;
- l’animazione dell’itinerario per promuoverne la fruizione;
- la manutenzione ordinaria dell’infrastruttura;

La partnership può essere estesa (anche successivamente alla presentazione dell’istanza di registrazione) a soggetti di natura giuridica privata (associazioni di volontariato, proloco, enti di promozione ed informazione turistica, microimprese ed aziende agricole che forniscono servizi correlati all’itinerario ) opportunamente selezionati dal soggetto capofila secondo criteri e forme appropriati, in relazione alle caratteristiche dell’infrastruttura e alla finalità di strutturare un'offerta turistica completa e competitiva. Il partenariato potrà quindi agire su base convenzionale o istituzionale scegliendo la forma più consona alle esigenze di regolazione dei rapporti tra i soggetti che lo costituiscono.

Ai fini della valutazione della proposta, la Regione Piemonte può chiedere un parere alla Provincia o agli enti territoriali competenti, in merito a aspetti di rilevanza locale (ex art. 10 del Regolamento 9/r della Lr 12/2010);
Acquisito il parere della Provincia, la struttura regionale competente accoglie o respinge la proposta di inserimento, oppure propone modifiche ed integrazioni al fine dell’accettazione della stessa.

La struttura regionale competente, fermo restando la facoltà in ogni momento, di effettuare controlli relativi ai requisiti di ammissibilità, accoglie o respinge la proposta di registrazione dell’itinerario, oppure propone modifiche ed integrazioni per l’accoglimento. 

Documenti scaricabili:

- Modulo_itinerari escursionistici, ciclo-escursionistici e ippovie

- Modulo itinerario cicloturistico


- Scheda dati rete fruitiva

- Indirizzi tecnici per il rilievo di dati geografici della Rete fruitiva regionale


- File geografici (shape file richiesti)

- Documentazione richiesta per accatastamento percorso escursionistico



Si ricorda che l’inclusione di un percorso nella RPE è valutata prioritariamente se finalizzata all’inserimento di tale percorso o parte di esso in un itinerario che si intende registrare.