Direttiva Habitat

La Direttiva Habitat: inquadramento e cenni normativi


Copertina 'Guida al riconoscimento di Ambienti e Specie della Direttiva Habitat in Piemonte'L'Unione Europea, con la Direttiva 92/43/CEE del 21 maggio 1992, "Conservazione degli habitat naturali e seminaturali e della flora e della fauna selvatiche", intende "salvaguardare la biodiversità mediante la conservazione degli habitat naturali, nonché della flora e della fauna selvatiche nel territorio europeo degli Stati membri al quale si applica il trattato".

Le Direttive 92/43/CEE "Habitat" e 2009/147/CE "Uccelli", costituiscono i più importanti strumenti normativi rivolti alla conservazione delle specie animali e vegetali, in quanto, oltre a tutelare gli individui delle specie segnalate, sanciscono contemporaneamente la protezione degli habitat in cui tali specie vivono.

In precedenza, la tutela legale riguardava esclusivamente gli individui appartenenti ad una data specie (che pertanto non potevano essere raccolti o cacciati), e non gli habitat in cui questi individui vivono; ne risultava il paradosso che era possibile estinguere intere popolazioni di anfibi o di piante acquatiche bonificando un singolo stagno, mentre era vietato raccogliere anche un singolo individuo di pianta o anfibio protetti.

La Direttiva "Habitat" è stata recepita dall'Italia con il D.P.R. dell'8 settembre 1997 n. 357 "Regolamento recante attuazione della direttiva 92/43/CEE relativa alla conservazione degli habitat naturali e seminaturali, nonché della flora e della fauna selvatiche".

Copertina 'I Siti di Importanza Comunitaria'Esso comprende 7 allegati, dei quali i seguenti interessano la tutela di habitat e specie:

  • Allegato A - Tipi di habitat di interesse comunitario la cui conservazione richiede la designazione di aree speciali di conservazione.
  • Allegato B - Specie animali e vegetali d'interesse comunitario la cui conservazione richiede la designazione di zone speciali di conservazione.
  • Allegato D - Specie animali e vegetali di interesse comunitario che richiedono una protezione rigorosa.

Alcuni allegati sono stati successivamente aggiornati dal D.M. 20 gennaio 1999 "Modificazioni degli allegati A e B del decreto del Presidente della Repubblica 8 settembre 1997, n. 357, in attuazione della direttiva 97/62/CE del Consiglio, recante adeguamento al progresso tecnico e scientifico della Direttiva 92/43/ CEE".

Approfondimenti:

Fonte: