Situazione

Un promontorio di alta pressione si estende dall'Atlantico fino alla Francia occidentale, mentre una saccatura dall'Europa orientale si protende fino all'Italia. Il Piemonte si trova al confine tra queste due strutture, ed è interessato da flussi settentrionali in quota in generale attenuazione. Il progressivo ritirarsi dell'anticiclone sull'Atlantico lascia spazio ad una saccatura di origine polare che raggiungerà le Alpi tra giovedì e venerdì, causando una generale rotazione dei venti portandoli dai quadranti meridionali. Gli intensi flussi sud-occidentali porteranno precipitazioni più intense sull'Appennino e sul nord del Piemonte, mentre nella giornata di venerdì con il formarsi di un locale minimo al suolo tra Liguria e Piemonte, si avrà l'estensione delle precipitazioni a tutte le Alpi e alle pianure, seppur più sporadiche.

Tempo previsto

mercoledì 21

Cielo poco nuvoloso o velato al primo mattino, con transito di nubi alte via via più spesse nel corso della giornata fino a cielo nuvoloso. Locali foschie e banchi di nebbia lungo i corsi d'acqua sulle pianure orientali. Precipitazioni assenti. Venti calmi al mattino poi deboli da sud-ovest, localmente moderati tra Astigiano e Alessandrino. Temperature minime in calo sugli 0/5 °C, massime in leggera diminuzione sui 13/17 °C.

giovedì 22

Cielo nuvoloso o molto nuvoloso con deboli precipitazioni sparse da metà pomeriggio. Venti deboli o localmente moderati meridionali. Temperature minime in forte aumento sui 4/8 °C, massime in sensibile diminuzione sui 10/14 °C.

venerdì 23

Molto nuvoloso o coperto al mattino, schiarite nella sera sulla parte occidentale della regione. Precipitazioni diffuse al mattino, in attenuazione nel corso del pomeriggio. Venti deboli variabili. Temperature minime stazionarie sui 3/7 °C, massime in rialzo sui 12/16 °C.