Regione Piemonte - Agricoltura - Servizi fitopatologici

In questa pagina:



Nematode galligeno del riso (Meloidogyne graminicola)

Tra i mesi di giugno e ottobre 2016 in alcune risaie nei comuni di Buronzo (VC), Mottalciata (BI) e Gifflenga (BI) è stata riscontrata un'infestazione di nematodi galligeni appartenenti alla specie Meloidogyne graminicola. Questo nematode è diffuso nel Sud-est asiatico, in Sud Africa, Nord America e America Latina, mentre non era mai stato segnalato in Europa.

M. graminicola non risulta inserito nell’elenco dell’Organizzazione Europea per la Protezione delle Piante (E.P.P.O.) nella Lista A2 (Alert List A2) che elenca gli organismi nocivi già presenti in alcune località dei Paesi dell’Organizzazione e per i quali si sollecita una regolamentazione come patogeni da quarantena; è comunque considerato organismo nocivo di quarantena nei Paesi asiatici.

Il riso è la pianta ospite economicamente più importante, ma M. graminicola ha un'ampia gamma di ospiti alternativi, comprese molte piante invasive comunemente presenti nelle risaie e che possono rappresentare un serbatoio importante per la specie. Come le altre specie del genere Meloidogyne, è un nematode endoparassita sedentario associato alle radici delle piante ospiti. L’attacco da parte del nematode induce una ridotta funzionalità dell’apparato radicale, che non è più in grado di assorbire acqua e sostanze nutritive in quantità sufficiente a garantire l'equilibrato sviluppo della pianta.

Può essere identificato osservando le radici delle piante colpite in quanto provoca la formazione di galle sugli apici meristematici, che sono la risposta dell’ospite all'invasione da parte del parassita. A differenza di altri nematodi galligeni, la specie è adattata anche alle condizioni di sommersione e può vivere sia in terreni asciutti sia in presenza di acqua. L’infestazione da parte di M. graminicola può provocare danni ingenti alle coltivazioni di riso: nel Sud-est asiatico sono riportate perdite comprese tra il 20 e l’80% del raccolto, a seconda del tipo di coltivazione, delle condizioni ambientali e della tipologia del suolo.

Tenuto conto della gravità dei danni provocati dal nematode, della sua possibile diffusione e del pericolo che esso rappresenta per l’economia risicola piemontese, il Settore Fitosanitario e servizi tecnico scientifici, in collaborazione con l’Ente Nazionale Risi, ha tempestivamente attivato interventi di monitoraggio, eradicazione e contrasto alla diffusione di questo parassita.

Applicazione delle misure di lotta

Definizione delle zone

Misure di eradicazione, contenimento e controllo

Piano di azione

Aiuti di Stato

DGR n. 11 - 6814 del 4 maggio 2018 - Aggiornamento per l’anno 2018 della D.G.R. n. 31 – 5667 del 25/09/2017 per l’approvazione dei criteri per la concessione di contributi regionali a favore di PMI operanti nella produzione agricola primaria, per le perdite di produzione e per i costi aggiuntivi sostenuti a seguito di interventi di controllo di infestazioni parassitarie da nematode galligeno del riso (Meloidogyne graminicola)

D.G.R. n. 31 – 5667 del 25/09/2017 - Approvazione dei criteri per l’assegnazione di contributi regionali a favore di PMI operanti nella produzione agricola primaria, per le perdite di produzione e dei costi aggiuntivi a seguito di interventi di controllo di infestazioni parassitarie da nematode galligeno del riso (Meloidogyne graminicola)

Per ulteriori informazioni e per segnalare eventuali casi sospetti rivolgersi a:
Settore fitosanitario e servizi tecnico scientifici
Environment park, palazzina A2 L
via Livorno, 60 - 10144 Torino

Alba Cotroneo tel. 011-4323718 alba.cotroneo@regione.piemonte.it
Loredana Carisio tel. 011-4322349 loredana.carisio@regione.piemonte.it
nematologia@regione.piemonte.it