Bonus Turismo

Rivolto a
Imprese e liberi professionisti

Misura della legge RipartiPiemonte che sostiene la ripresa del settore alberghiero ed extralberghiero.

La Regione Piemonte, con la L.R 13/2020 e in particolare l’art. 22 “Modifiche alla legge regionale 8 luglio 1999, n. 18 art. 4 bis Bonus turismo una tantum a fondo perduto” ha voluto supportare l’offerta turistica del Piemonte sostenendo gli oneri derivanti dall’adeguamento alle nuove esigenze e misure igienicosanitarie nonchè l’acquisto di materiale e attrezzature del settore alberghiero ed extralberghiero.

La misura ha permesso l’erogazione di contributi a fondo perduto a favore di piccole e medie imprese operanti nel comparto ricettivo, dell’offerta e dei servizi turistici.

I contributi, erogati per la sanificazione dei locali, l'acquisto di attrezzature e dispositivi per eventuali situazioni di emergenza sanitaria, per interventi funzionali, sono stati riconosciuti sulla base delle richieste pervenute sulla piattaforma creata a supporto della misura sulla base delle dimensioni della classificazione delle strutture stesse. L’importo variava infatti da 1.800 a oltre 9.000 euro per gli hotel, da 2.000 a 2.600 euro per case vacanze, ostelli e Cav residence, da 3.300 a 5.300 euro per campeggi e villaggi turistici, ed è di 1.300 euro per affittacamere, agriturismi, alloggi vacanze e country house, 650 euro per i bed & breakfast imprenditoriali. Il Bonus è cumulabile con altri sostegni di natura economica e, pur non essendo richiesta la rendicontazione, sarà necessario conservare i giustificativi delle varie spese sostenute