Tipologia di contenuto
Scheda informativa

Autorità responsabili del PSR 2014-2020

Rivolto a
Cittadini
Enti pubblici
Imprese e liberi professionisti
Terzo settore

Il programma prevede organismi con specifiche responsabilità e competenze per la gestione e il controllo

I regolamenti comunitari, nel rispetto del principio di sana gestione finanziaria e del principio della separazione delle funzioni, prevedono l’individuazione di diversi organismi con specifiche responsabilità e competenze per la gestione e il controllo del Programma:

  • Autorità di Gestione;
  • Organismo Pagatore Regionale;
  • Autorità Ambientale.

Autorità di gestione

Secondo quanto previsto dall’art. 65 del Regolamento (UE) n. 1305/2013, l'Autorità di Gestione rappresenta il soggetto responsabile dell’efficace, efficiente e corretta gestione e attuazione del Programma di Sviluppo Rurale ed è individuata nella figura del direttore della Direzione Agricoltura della Regione Piemonte.

All’Autorità di Gestione competono le seguenti funzioni:

  • in coerenza con i contenuti programmatici del PSR, definisce le modalità di attuazione, con particolare riferimento agli elementi necessari alla predisposizione delle procedure di selezione dei beneficiari, gli indirizzi per lo svolgimento delle attività di controllo, monitoraggio e valutazione, nonché per l’attuazione delle norme previste dalla Commissione Europea in materia di informazione e pubblicità degli interventi previsti e realizzati;
  • definisce le strategie di spesa atte a garantire il pieno utilizzo delle risorse finanziarie disponibili, anche attraverso l’implementazione di specifiche procedure informatiche, per il costante monitoraggio della sorveglianza finanziaria;
  • definisce ed implementa, in collaborazione con l’Organismo pagatore regionale, il sistema informatico di monitoraggio a livello regionale, garantendo il trasferimento delle informazioni al Sistema Nazionale di Monitoraggio nonché la raccolta e la conservazione dei dati statistici inerenti l’attuazione al fine di supportare anche le attività di sorveglianza e valutazione del Programma;
  • redige e trasmette annualmente alla Commissione la relazione di cui all’art. 75 del Reg. (CE) n. 1305/2013 sullo stato di attuazione del Programma, previa presentazione al Comitato di Sorveglianza;
  • dettaglia i contenuti del Piano di Comunicazione del Programma ed assicura un'adeguata informazione sulle opportunità e lo stato di attuazione del Programma anche attraverso l’organizzazione di incontri, seminari, workshop, iniziative di formazione e di informazione;
  • è responsabile della gestione e l’attuazione dell’assistenza tecnica, sia sotto il profilo tecnico operativo sia sotto il profilo finanziario;
  • è responsabile dell’attività di valutazione e provvede all’affidamento degli incarichi per la valutazione ex ante, in itinere ed ex post del programma, coordina l’attività delle società selezionate, verificando la qualità delle relazioni proposte in coerenza con il quadro comune per la sorveglianza e la valutazione;
  • è responsabile della direzione del Comitato di Sorveglianza e l'invio a quest'ultimo dei documenti necessari per verificare l'attuazione del programma alla luce dei suoi obiettivi specifici
  • fornisce orientamenti sui sistemi di gestione e di controllo necessari per assicurare una efficiente gestione finanziaria dei Fondi Comunitari.

L’Organismo Pagatore Regionale

In base all’art. 7 del Reg. UE 1306/2013, “Gli organismi pagatori sono servizi e organismi degli Stati membri, incaricati di gestire e controllare le spese di cui all’art. 4, paragrafo 1 e all’articolo 5”, ovvero le spese del FEAGA e del FEASR. Le funzioni e le responsabilità dell’Organismo pagatore sono definite in particolare dai regolamenti di esecuzione UE 809/2014, UE 907/2014 e UE 908/2014 della Commissione.

L'Organismo Pagatore ha il compito di erogare finanziamenti relativi a misure, aiuti e contributi in conformità alla normativa comunitaria, nazionale e regionale. In collaborazione con l’Autorità di Gestione del Programma, predispone specifici manuali delle procedure, dei controlli e delle sanzioni, che dettano le modalità di gestione delle domande, dei controlli in loco relativi alle misure strutturali e a superficie e di applicazione delle sanzioni in caso di mancato rispetto degli impegni assunti dai beneficiari.

ARPEA (Agenzia regionale per le erogazioni in agricoltura) è l’Ente strumentale della Regione Piemonte che si occupa di erogare aiuti, contributi e premi per il settore agricolo, istituita con l’articolo 12 della legge regionale n. 35 del 13 novembre 2006.

L’Autorità Ambientale

L'Autorità Ambientale è riconosciuta (Decreto legge 24 giugno 2014, n. 91) quale soggetto che co-opera sistematicamente con le Autorità di Gestione per il rispetto dei principi di sostenibilità ambientale nella programmazione, realizzazione e monitoraggio degli interventi cofinanziati con i Fondi Strutturali europei, in coerenza con quanto previsto dal Regolamento (UE) n. 1303/2013 (art. 8) che prevede che “gli obiettivi dei Programmi siano perseguiti in linea con il principio dello sviluppo sostenibile e della promozione dell'obiettivo di preservare, tutelare e migliorare la qualità dell'ambiente tenendo conto del principio Chi inquina paga”.

La funzione di Autorità Ambientale è attribuita alla Direzione Ambiente, Governo e Tutela del territorio della Regione Piemonte che si avvale dell'assistenza tecnica specialistica fornita dall'Istituto per le Piante da Legno e l'Ambiente - I.P.L.A. S.p.A.

Allegati

Referenti di misura PSR 2014-2020
File pdf - 34.78 KB

Contatti

Riferimento
PROGRAMMAZIONE E COORDINAMENTO SVILUPPO RURALE E AGRICOLTURA SOSTENIBILE
Indirizzo
C.so Stati Uniti, 21 - Torino
Telefono
011.4321468
Fax
011.4324339
Email
psr@regione.piemonte.it
PEC
psr.agrisostenibile@cert.regione.piemonte.it