Faq - Misure straordinarie per lo sport 2020 Emergenza Covid 19

Rivolto a
Cittadini
Enti pubblici
Imprese e liberi professionisti
Terzo settore

Il bando emergenza sport è una misura straordinaria pensata dalla Regione Piemonte per dare un sostegno economico agli operatori sportivi che hanno subito forti ripercussioni economiche a seguito della sospensione delle attività sportive a causa dell’emergenza sanitaria legata al Covid-19 

Il bando è rivolto alle Associazioni e Società sportive dilettantistiche anche in qualità di gestori di impianti sportivi, nonché alle Federazioni Sportive, Discipline Sportive Associate, Enti di Promozione Sportiva solo ed esclusivamente come gestori di impianti sportivi 

Il contributo è una erogazione una tantum a fondo perduto

L’importo del contributo varia a seconda di una serie di fattori ma, in ogni caso, non può superare i 4.000 euro e deve rimanere nel limite massimo del 50% del totale delle spese dichiarate.

  • Assenza di finalità di lucro
  • Affiliazione, da almeno un anno e comunque dalla data del 3 luglio 2020, ad una Federazione sportiva o a una Disciplina sportiva associata e/o un Ente di promozione sportiva riconosciuti dal CONI o dal CIP 
  • Registrazione CONI e/o CIP
  • Riconoscimento CONI o CIP
  • Essere gestori di impianto sportivo

Sono considerate ammissibili le spese sostenute nel periodo compreso tra l’1.1.2020 e il 31.5.2020: 

  • canoni di locazione e/o concessione, utenze, imposte e tasse, assicurazioni infortuni relativamente all’impianto e/o sede legale
  • affitto spazi sportivi e altri locali utilizzati per la realizzazione del progetto sportivo e loro allestimento;
  • manutenzione ordinaria dell’impianto e/o sede legale sostenute ai fini della riapertura in sicurezza dell’impianto;
  • sanificazione, igienizzazione impianto e/o sede legale e dispositivi di protezione individuale (DPI);
  • compensi per il personale e gli istruttori/allenatori.

Sono inoltre ammissibili le spese sostenute per iscrizioni a campionati/lega e competizioni varie il cui periodo di riferimento è l’anno sportivo-agonistico 2019-2020.

Il bando e le regole di compilazione della domanda saranno pubblicati sul sito della Regione Piemonte nella sezione BANDI 

La domanda dovrà essere inviata esclusivamente tramite piattaforma digitale FINanziamento DOMande (FINDOM), accessibile tramite credenziali SPID dalla piattaforma sistema piemonte al link. 
http://www.sistemapiemonte.it/cms/privati/turismo/servizi/904-bandi-cultura-turismo-e-sport-finanziamenti-domande

A persona fisica, non necessariamente il legale rappresentante, del soggetto sportivo

Occorre rivolgersi, a scelta, ad una delle 8 agenzie nazionali che rilasciano le credenziali SPID, che sono: Aruba ID, Infocert ID, Intesa ID, Lepida ID, Nanimirial ID, Poste ID, Sielte ID, Spiditalia, Tim ID.

Alla domanda si dovrà allegare copia del documento d’identità in corso di validità del legale rappresentante del soggetto sportivo richiedente (allegare copia fronte e retro del documento) nonché  documento da cui si evinca che il codice IBAN indicato è riferito al conto corrente intestato al soggetto giuridico richiedente (allegare copia del documento quale, a titolo esemplificativo, estratto conto, bonifici ecc).

Le spese dovranno essere rendicontate su richiesta degli uffici che effettueranno i controlli  dopo la predisposizione delle graduatorie e l’assegnazione dei contributi.

Il contributo – riservato alle Associazioni e Società Sportive dilettantistiche - consiste nell’erogazione di 1 euro per ciascun tesserato ovvero 3 euro per ogni tesserato con disabilità, nel limite massimo di euro 500,00 e comunque nel limite del 50% del totale delle spese dichiarate.

Sì se il suo ammontare non supera la soglia dei 4.000 euro, nonché il limite del 50% del totale delle spese dichiarate

Sì, il Settore Sport e Tempo Libero sta approntando altri bandi per la promozione e l’impiantistica sportiva

No la firma digitale non è ammessa.

La domanda dovrà essere sottoscritta con firma autografa del Legale Rappresentante e accompagnata dalla fotocopia di un documento di identità in corso di validità.

Sì, unicamente nel caso in cui almeno una delle sedi operative sia nel territorio della Regione Piemonte

Sì, a condizione che detta società gestisca nel territorio della Regione Piemonte una sede operativa che abbia tesserati in detta sede.

Sì, verranno predisposte due differenti graduatorie sulla base delle due tipologie di soggetti ammessi alla presentazione della domanda.

Tramite l’assegnazione di punteggi sulla base di criteri che tengono conto della tipologia di soggetto richiedente e delle attività svolte, in ordine decrescente. A parità di punteggio, prevale il soggetto sportivo che ha dichiarato la spesa maggiore; a parità di spesa, prevale l’ordine di invio della domanda.

No, è possibile presentare un’unica domanda